Cerca

La polemica

Omofobia, Pd e Pdl divisi sulla legge,
Epifani e Alfano trattano per accelerare
ma in aula la maggioranza rischia il crac

Franceschini e Letta spingono per il "sì" alla nuova norma, che intanto ha avuto l'ok in Commissione giustizia. Il 26 luglio arriva in Parlamento. I cattolici dem e azzurri sul piede di guerra

Omofobia, Pd e Pdl divisi sulla legge,
Epifani e Alfano trattano per accelerare
ma in aula la maggioranza rischia il crac

La legge sull'omofobia rischia di spaccare la maggioranza. Entro la fine del mese il disegno di legge arriva in parlamento e scatta la guerra tra Pd e Pdl per affossarlo. A dire no alla legge sull'omofobia sono soprattutto le frange cattoliche dei due partiti di maggioranza. Ieri in Commissione Giustizia alla Camera è arrivato il primo "sì" alla legge con i voti di Pd, Pdl e Sel. Astenuti M5s e Scelta Civica, mentre è arrivato il "no" della Lega Nord. Ma nonostante il voto favorevole dentro i partiti è guerra aperta.

Moratoria Pdl -  Mara Carfagna, Mariastella Gelmini e Maurizio Sacconi hanno chiesto  “una moratoria legislativa sui temi etici”. Ma il segretario del Pd  Guglielmo Epifani spinge perchè la legge vada avanti: “Siamo ad un passo da un’intesa che possa darci una buona legge. Ciò che si può e si deve fare per rendere l’Italia un paese più avanzato e più civile credo fortemente che vada fatto”. Mara Carfagna, portavoce del Gruppo alla camera, ha poi aggiunto: “Bene la riscrittura del testo sull’omofobia, si va verso la giusta direzione”.

Pressing Pd -  Insomma a quanto pare la quadra sulla norma sarebbe stata trovata. Dopo i lavori in Commissione è arrivato anche il pressing del ministro per i rapporti col parlamento, Dario Franceschini: "Ho grande rispetto per i temi etici e per la libertà di scelta quando si toccano temi che riguardano le coscienze. Ma una legge che contrasti l’omofobia non c’entra nulla con i temi etici, riguarda il codice penale e l’introduzione di norme efficaci, che da troppo tempo attendono un’approvazione, è urgente e non più rinviabile”. 

Trattativa Alfano-Epifani - Dunque no alla "moratoria" del Pdl e avanti con i lavori. Così gli azzurri e i democratici hanno provato a trovare un accordo dietro le quinte. Secondo un retroscena raccontato da La Repubblica, ci sarebbe una trattativa già avviata tra Epifani e Alfano. “Introduciamo il reato di discriminazione per gli omosessuali nell’articolo 1 della legge Macino. E’ una norma necessaria e di buon senso. Poi vediamo sul resto” avrebbe detto Epifani al ministro degli Interni. Il 26 luglio il provvedimento approda in aula. Sarà il momento della verità per capire se le larghe intese dopo la crisi kazaka saranno in grado di superare anche lo scoglio della legge sull'omofobia. Il campo minato per Letta è infinito. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    23 Luglio 2013 - 14:02

    Le norme che tutelano i gai, gli allegri, i giocondi ed anche tutte le altre persone ci sono da sempre e sono quelle contro l'ingiuria, la diffamazione ed i reati contro la persona. Perché aggiungere qualche cosa ancora? Soltanto per accattivarsi le simpatie di costoro ed i loro voti. Ma per la miseria quanti sono 'sti tizi? Io pensavo di vivere in un paese normale, dove qualche gaio non è mai mancato, ma, se la loro proliferazione fosse così esplosa, ci sarebbe da chiedersi il perché e dovrebbero essere individuate subito le cause, prima dello sfacelo. La norma introdurrebbe peraltro un principio che credo contrario alla costituzione ed ai diritti dell'uomo, cioè quello di critica, applicando di fatto il reato d'opinione e di libero pensiero. A me i gai, le loro nozze e tutto ciò che li riguarda non piace oggi e non potrebbe certamente piacermi domani, soltanto perché una legge vorrebbe impormelo. Rivendico il mio diritto di esprimere le mie idee.

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    23 Luglio 2013 - 13:01

    E' assurdo che con tutti i problemi che ci sono in Italia, questo governo si preoccupa di fare una legge contro omofobia. Tra l'altro anche il termino "omofobia" è sbagliato inquanto indica paura dell'omo non qualcosa contro di essi. Il bello è che una legge contro l'omofobia sarebbe già di per sè discriminante inquanto non esiste una legge sulla eterofobia. Ma del resto la legge italiana è talmente anormale che gli altri stati ci ridono dietro.

    Report

    Rispondi

  • doil21

    23 Luglio 2013 - 13:01

    A quando una bella legge per incriminare chi offende gli obesi?? É importante...

    Report

    Rispondi

  • iusini

    23 Luglio 2013 - 13:01

    La prima: nel futuro testo ci saranno norme contro la discriminazione degli eterosessuali da parte dgli omo? La seconda: ma tutta questa fretta e questa volonta' non potrebbe essere messa in campo per cambiare la legge per gli omicidi al volante? O dobbiamo correre dietro a Vendola e compagnia perche' il PD ha paura delle votazioni.Sempre piu' sono convinto che questa gentaglia vive in un altro mondo e se ne frega dei VERI problemi del paese.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog