Cerca

Il testo

Decreto del fare, sì alla fiducia alla Camera

L'opposizione continua con l'ostruzionismo: la ratifica può arrivare in notturna o slittare a domani. Il comico spara contro il governo

Enrico Letta

Enrico Letta

L'esecutivo Letta incassa la fiducia della Camera sul "decreto del fare": 427 sì, 167 no. L'opposizione, però, da par suo continua nell'ostruzionismo: sono 251 gli ordini del giorno sul decreto presentati da grillini, Sel e Lega (solo pochi di essi sono stati depositati da singoli deputati della maggioranza). Ora il governo teme che la discussione e il voto di ratifica - che avverranno dopo la fiducia - richiedano diverse ore. Alla Camera si terrà una seduta fiume, e il voto sul testo probabilmente slitterà ai prossimi giorni. Ma il calendario è già molto fitto: così si rischia di rallentare diversi altri provvedimenti. Tra l'altro, anche se la questione non è correlata, il governo brilla per un nuovo rinvio: il ddl sul taglio al finanziamento dei partiti slitterà ai primi giorni di agosto per "dare la priorità alla riforma costituzionale". Il rischio è che tra Imu, Iva e, appunto, riforme, se ne riparli dopo le vacanze.

Il letame di Grillo - I grillini definiscono il decreto "impresentabile" e confermano la loro maratona parlamentare contro il testo. Dal blog, Beppe Grillo attacca durissimamente il governo, bollato come "inesistente" e "senza peso internazionale". Il comico spara: "Bisogna ripulire l'Italia come fece Ercole con le stalle di Augia, enormi depositi di letame spazzati via da due fiumi deviati dall'eroe. E' una fatica immane - aggiunge Grillo -, ma per salvarsi, o almeno limitare i danni, bisogna risanare il Paese, vanno sradicati inciuci, connivenze, diritti acquisiti, rendite di posizione, burocrazia".

L'opposizione - Come detto, contrari al "decreto del fare" anche la Lega Nord e Sel. Per il Carroccio, in aula, ha confermato il "no" Matteo Bragantini, che ha definito il testo in esame "un decreto per fare le marchette". Anche il vendoliano Gennaro Migliore ha detto di essere pronto alla battaglia. Contro i grillini si è scagliata Marina Sereni del Pd: "Chissà se i militanti e gli elettori del movimento di Grillo sanno che i deputati bloccano il decreto con un ostruzionismo fine a se stesso". In difesa del testo e contro i pentastellati anche Bruno Tabacci, leader di Centro democratico: "I colleghi del M5S conoscono la stima che ho per loro. Ma questa volta da parte del governo c'è la richiesta di una fiducia tecnica per abbattere gli emendamenti, non una richiesta politica di unità rivolta alla maggioranza".

I provvedimenti - Il decreto contiene provvedimenti che mirano al rilancio dell'economia. Nel dettaglio, il testo cancella l'estensione del tetto di 300mila euro agli stipendi degli amministratori delle società che svolgono servizi di "interesse generale anche di rilevanza economica", come Poste, Fs e Anas. Sul fronte internet veloce, non ci sarà alcuna marcia indietro nella liberalizzazione del wi-fi: un emendamento del decreto del fare prevede lo stop all'identificazione personale degli utenti e alla tracciabilità. Vengono però ridotti i fondi alla banda larga: taglio di 20 milioni ai 150 previsti dall'Agenda digitale. Tra le misure per abbattere il debito pubblico, è previsto che se lo Stato trasferisce un immobile ad un Comune e questo lo vende, il 25% dell'incasso viene usato per abbattere il debito. Il decreto prevede la nomina di uno o più commissari per avviare una nuova gestione dei rifiuti nella Regione Campania. Tra le altre misure, spunta anche l'impignorabilità della prima casa. Vengono inoltre stanziati 2,4 miliardi di euro per il rilancio dei cantieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 8lukaspar

    25 Luglio 2013 - 11:11

    Ci vuole una buona dose di "coraggio" per presentarsi di fronte a una Nazione,la nostra Italia, veramente ridotta in uno stato da minimi storici,per moltissimi: già troppi!,e affermare che non ci sono alternative alle attuali soluzioni/compromessi politici. La casta dei politici e quella dei super salariati statali, s'occupa di tutto e di più,mentre il debito pubblico cresce a dismisura. Perché non si pensa in maniera diversa? Per es.:l'Italia "porto franco" del Mediterraneo, crocevia di commerci, piazza privilegiata del turismo. Eppoi,opere/lavori pubblici: riassetto del territorio,restauro monumenti e opere d'arte,ospedali,scuole,viabilità...altro che "casse" più o meno d'integrazione che,una volta esaurite, lasciano soprattutto disoccupazione e spessissimo disperazione !...

    Report

    Rispondi

  • arwen

    25 Luglio 2013 - 10:10

    tiriamo a campare.....

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    24 Luglio 2013 - 19:07

    ... decreto del fare? Se devo cucinare tutti i giorni devo fare un decreto 3 mesi prima? Lo faccio e basta!!! Questi ci stanno prendendo per il naso, non dobbiamo lasciarli ancora lì a fare danni. Se la stanno cercando alla grande...

    Report

    Rispondi

  • satanik

    24 Luglio 2013 - 15:03

    non ha capito che per lui, è linfa vitale

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog