Cerca

Barricate da ridere

M5S, l'ostruzionismo costa 150mila euro a notte

La lotta inutile contro il dl fare ha un prezzo molto salato: ecco il calcolo. E se vanno avanti una settimana...

M5S, l'ostruzionismo costa 150mila euro a notte

L'ostruzionismo dei deputati grillini che bloccano i lavori per una rapida approvazione del Decreto Fare comincia a costare caro. La scorsa notte i parlamentari pentastellati sono rimasti a Montecitorio per mandare avanti gli oltre 250 ordini del giorno presentati con l’intenzione di allungare i tempi delle dichiarazioni finali. Una notte lunga, quella appena passata, che ha costretto il capogruppo del M5S Roberto Fico a organizzare due turni di "presenze" tra la mezzanotte e le 4 del mattino. Ma il lavoro in aula del M5S ha un prezzo.

150 mila euro a notte - A fare i conti di questo ingorgo di emendamenti e ordini del giorno è Gianfranco Librandi di Scelta Civica: "“Ho fatto due calcoli: tra stipendi del personale della Camera, a cui e’ stato pagato lo straordinario notturno, e le spese di funzionamento del Palazzo, l’ostruzionismo capriccioso dei deputati del Movimento Cinque Stelle di questa notte è costato agli italiani circa 150 mila euro. E visto che vogliono andare avanti fino a tutto il fine settimana, non escludo che si possa arrivare a un milione di euro di soldi buttati”, afferma il deputato montiano.

Conto salatissimo -
Considerando che il voto finale dovrebbe arrivare per domani, venerdì 26 luglio, i grillini si preparano ad un'altra nottata (di inutile ostruzionismo). Il conto a questo punto salirebbe a 300mila euro. Cifre che non sono proprio in linea con l'attitudine anti-spreco e anti-Casta del M5S. "“Purtroppo i danni prodotti dall’attività parlamentare dei grillini non si fermano qui: stanno bloccando l’approvazione definitiva del Decreto Fare, un provvedimento che contiene misure importantissime per il Paese, con la conseguenza di far slittare la riforma costituzionale, la legge sul finanziamento ai partiti, il provvedimento ecobonus e il decreto Lavoro", ha aggiunto Librandi. Insomma l'inesperienza parlamentare dei Cinque Stelle si fa sentire. E ora comincia anche a pesare sulle tasche dei contribuenti. L'opposizione va fatta ma senza sprecare quel poco di denaro pubblico rimasto in cassa...(I.S.) 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • KARLOS-VE

    27 Luglio 2013 - 11:11

    Dieci milioni di euro è questo il prezzo che lo Stato italiano – cioè noi – dovrà pagare a Centro Europa 7 per aver impedito a quest’ultima, per quasi dieci anni, di trasmettere i propri programmi sulle proprie frequenze “temporaneamente” occupate da Rete 4.

    Report

    Rispondi

  • KARLOS-VE

    27 Luglio 2013 - 11:11

    vi interessano gli sprechi dei grillini, se a fre opposizione fosse il pdl non sarebbe uno spreco vero?

    Report

    Rispondi

  • KARLOS-VE

    27 Luglio 2013 - 11:11

    pagata dall'italia (da noi) per aver impedito a Europa 7 di trasmettere i programmi come aveva diritto, al posto di Rete 4 di berlusconi?

    Report

    Rispondi

  • cagnonedocet

    26 Luglio 2013 - 19:07

    Dopo aver assistito, in TV, a molti interventi di grillini alla Camera dei Deputati, mi sono domandato: ma chi scrive loro le paginate che leggono. Senza un testo pre scritto non sanno cosa dire. Dilettanti allo sbaraglio. E pensare alla maturità di quella parte di italiani che li hanno votati, mi viene il "magone" sia per gli uni che per gli altri!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog