Cerca

Redditi online

Le dichiarazioni del governo
Scopri quanto guadagnano i nostri ministri

Le dichiarazioni del governo
Scopri quanto guadagnano i nostri ministri

Dario Franceschini è il ministro che guadagna di più, Cécile Kyenge quella che prende di meno. Palazzo Chigi ha messo on line, sul proprio sito, le dichiarazioni dei redditi del premier Enrico Letta e di alcuni ministri. 

"Si comunica che oggi, in ottemperanza dell’articolo 14 del d.lgs. n. 33 del 14 marzo 2013, sono stati pubblicati sul sito del governo tutti i dati della situazione patrimoniale del presidente del Consiglio Enrico Letta, del vice presidente e ministro dell’Interno Angelino Alfano, del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Filippo Patroni Griffi e dei ministri senza portafoglio Enzo Moavero Milanesi (Affari europei), Graziano Delrio (Affari regionali e Autonomie), Carlo Trigilia, Dario Franceschini (Rapporti con il Parlamento e coordinamento attività di Governo), Gaetano Quagliariello (Riforme costituzionali), Cecile Kyenge (Integrazione) e Gianpiero D’Alia (Pubblica amministrazione e semplificazione)", fa sapere un comunicato. "Inoltre sono stati pubblicati i dati della situazione patrimoniale dei sSottosegretari alla Presidenza del Consiglio Giovanni Legnini (Editoria e Attuazione Programma), Sesa Amici, Sabrina De Camillis (Rapporti con il Parlamento e coordinamento attività Governo), Walter Ferrazza (Affari regionali e Autonomie), Micaela Biancofiore (Pubblica amministrazione e semplificazione), Gianfranco Miccichè (Pubblica amministrazione e semplificazione), Marco Minniti (Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica)".

Tra i redditi pubblicati, il più consistente è quello di Franceschini (che, oltre all’attività politica, svolge l'attività forense e quella di scrittore). Dichiara 228.448 euro. Seguono Enzo Moavero Milanesi (186.735) ed Enrico Letta con 125.252, poi Angelino Alfano (vicepremier, ministro dell'Interno, avvocato) con 106.618. Tra gli altri sono tutti sotto i 100.000 euro Delrio (98.848), Carlo Trigilia (98.036), Gaetano Quagliariello (70.377), Andrea Patroni Griffi (70.377) e Cecile Kyenge (38.538). Non compaiono ancora invece le buste paga dei ministri Cancellieri, Bonino, Mauro, Saccomanni, De Girolamo, Orlando, Giovannini, Carrozza e Bray. Per pubblicarli c'è tempo fino a domani sera. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Libero Di Rino (LDR)

    28 Luglio 2013 - 14:02

    perchè non fanno una verifica patrimoniale di tutti i politici, dei consigòlieri, dgli assessori e dei dirigenti delle amministrazioni pubbliche locali risalendo dal periodo dopo tangentopoli? Dopo tangentopoli moltissimi hanno vinto all'enalotto! Certamente chi ostacolerebbe questi provvedimenti sarebbero gli stessi politici di destra e di sinistra.

    Report

    Rispondi

  • pasquale_tibur

    28 Luglio 2013 - 12:12

    Ai titolari di alto reddito non dovrebbe essere corrisposto alcun compenso per incarichi politico-amministrativi. Dovrebbero fare politica gratis.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    28 Luglio 2013 - 12:12

    voglio gente capace che VOGLIA fare riforme, me ne frego se mi ruba qualche decina di milioni... una sola riforma civile impedisce il furto di MLIARDI, ben di pù che qualche misero milione rubate da un ministro ''che PERO' è UTILE''.

    Report

    Rispondi

  • asfodelo13

    28 Luglio 2013 - 11:11

    Con il suo misero reddito di 38000 euro dovremo fare la questua per lei. Ma a chi vogliono prendere per i fondelli se un misero scribacchino di montecitorio arriva a 239.000 euro di stipendio anno.Per non parlare dei valletti di camera e senato ,barbieri e compagnia cantante. A loro Equitalia non li tocca ..LA CASTA difende LA CASTA. Con queste dichiarazioni il Sign.Befera(chissa'poi quanto guadagna lui)avrebbe dovuto inviare un controllo fiscale immediato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog