Cerca

Il giorno del giudizio

Una "terza via" per il Cav:
tre anni di condanna
ma niente interdizione

Mediaset, si fa strada in Cassazione la possibilità di punire Berlusconi solo per una annualità fiscale: così le toghe gli eviterebbero l'ergastolo politico

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Alla ricerca di una via d’uscita. Tra le ipotesi su cui si ragiona al secondo piano del Palazzaccio, teatro dell’udienza della corte di Cassazione sul “caso Mediaset”, una in particolare ha preso consistenza nelle ultime ore. Una sorta di “terza via” tra la conferma tout court della sentenza di condanna per Silvio Berlusconi e l’assoluzione. I cinque giudici del collegio feriale, infatti, starebbero lavorando ad una pronuncia che, pur ribadendo la colpevolezza del Cavaliere, attraverso l’azione su una delle due annualità di evasione fiscale contestate a Mediaset, sulla quale i giudici avrebbero acceso i riflettori per via della complessità del calcolo, permetterebbero di diminuire la pena complessiva da quattro a tre anni di carcere. In quel caso, gli anni di detenzione sarebbero coperti dall’indulto e in questo modo non scatterebbe la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici. Ovvero l’estromissione di Berlusconi dalla camera di appartenenza: il Senato. Insomma, grazie all’artificio di abbassare di un anno la condanna, i giudici da una parte dichiarerebbero colpevole il leader del Pdl, dall’altra gli permetterebbero di restare al centro della scena politica conservando il seggio a Palazzo Madama.

Che la Corte abbia intenzione di trovare un compromesso, del resto, è apparso evidente quando martedì il sostituto procuratore generale, Antonello Mura, ha chiesto proprio la ridefinizione della pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici, che a detta del rappresentante dell’accusa dovrebbe scendere da cinque a tre anni. Il segnale di una timida apertura che non è sfuggito ai difensori di Berlusconi, che pure continuano a sperare in un’assoluzione piena. Fatto sta che se la Corte dovesse accogliere il rilievo di Mura sul ricalcolo della pena accessoria, i giudici potrebbero anche decidere di passare la palla ai loro colleghi dell’appello, seppur limitatamente alla ridefinizione del periodo di interdizione. In quel caso, però, fino alla nuova pronuncia Berlusconi non perderebbe il seggio da senatore.

Sarebbe molto più incline al compromesso, invece, la decisione di accogliere uno dei rilievi avanzati dall’avvocato Franco Coppi. Ossia che la sentenza di condanna del Cav sarebbe stata modulata non in base all’articolo 4 della legge 74 del 2000 sui reati tributari (dichiarazione infedele), ma in virtù dell’articolo 2 (dichiarazione fraudolenta). Se i giudici ritenessero fondata questa tesi, dovrebbero annullare la sentenza rinviando il processo ad un nuovo processo di appello. Processo che non potrebbe non tenere conto del principio di diritto affermato dalla Cassazione, con una pena naturalmente più bassa. Con riverbero, favorevole per Berlusconi, anche sul fronte dell’interdizione. 

di Tommaso Montesano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    02 Agosto 2013 - 07:07

    Condannato in via definitiva ed interdizione da rideterminare. Alla faccia di quanti non credevano al conflitto d'interessi

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    01 Agosto 2013 - 11:11

    Con la condanna a soli 3 anni, senza l'interdizione dai pubblici uffici, si certificherebbe la "purezza" del cavaliere. In tal caso infangherà la suprema cassa?

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    01 Agosto 2013 - 11:11

    Certo che voi comunisti non conoscete proprio la vergogna....! Con tutta la verogna del Monte Paschi di Siena, aver ancora il coraggio di parlare ? Ma valà, fammi il piacere, vai pensare ai cazzi di casa tua....!

    Report

    Rispondi

  • moranma

    01 Agosto 2013 - 10:10

    quindi, secondo il ragionamento di questo giornaletto, se Berlusconi venisse dichiarato COLPEVOLE di frode fiscale dalla cassazione , ma non avesse l'interdizione dai pubblici uffici, potrebbe tranquillamente continuare a fare il senatore ed a presentarsi come possibile leader alle prossime elezioni. Questo solo in Italia può succedere ed è vergognoso come ormai quasi più nessuno si scandalizzi di tutto ciò....a quanto pare la maggior parte degli italiani sanno di avere qualcosa da farsi perdonare dalla legge e quindi quando qualcuno la fa franca o comunque continua a fare quello che gli pare dopo la condanna, si sentono più tranquilli...salvo poi inveire se qualche immigrato viene messo ai domiciliari invece che in prigione!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog