Cerca

La strategia

Berlusconi: 15 giorni a Napolitano
se non arriva il salvacondotto si andrà al voto

Giorgio Napolitano e Silvio Berlusconi

Giorgio Napolitano e Silvio Berlusconi

Quindici giorni. Due settimane. Poi la "tregua" cominciata sul palco di via del Plebiscito domenica 4 agosto finirà. Silvio Berlusconi aspetta una risposta da Giorgio Napolitano, aspetta che il capo dello Stato estragga dal cilindro la soluzione che gli restituisca "l'agibilità politica". La grazia oppure la commutazione della pena. Se il capo dello Stato non riesce ad indicare una via d'uscita politica alla condanna inflitta dalla Corte di Cassazione, si andrà al voto ad ottobre. Entro il 15 ottobre il Cavaliere deve decidere se andare ai servizi sociali o ai domiciliari. Stasera mercoledì 7 agosto si riunisce la Giunta che dovrà decidere sull'eventuale decadenza di Berlusconi dalla carica di Senatore, ma almeno fino a settembre non ci dovrebbe essere nessuna decisione. 

Le speranze dal Colle - Ma per la prima settimana di settembre dovrebbe essere arrivata una risposta dal Colle che proprio ieri, rispondendo a un articolo del Corriere della Sera in cui si tratteggiavano le possibili soluzioni allo studio di Napolitano, ha chiesto che non si eserciti su di lui attraverso interpretazioni infondate e commenti intempestivi, intrusione in una fase di esame e riflessione che richiede il massimo di ponderazione e serenità". Le parole del Colle hanno dato una speranza al Pdl. Napolitano ci sta pensando. La pace siglata da Silvio Berlusconi, è momentanea. Se non dovessero arrivare risposte a breve, sarà il sui silenzio a far cadere il governo Letta perché Berlusconi a questo punto si sfila dalle larghe intese per buttarsi in campagna elettorale con la figlia Marina candidata. Nel frattempo la strategia è quella di mantenere un profilo molto basso, aspettare. 

Il messaggio della Santanché - Il sei agosto, alla fine di una lunghissima giornata per via dell'intervista del Mattino al giudice Antonio Esposito, Silvio Belrusconi scopre le carte prima con i suoi figli Pier Silvio e Marina, poi mette al corrente dei suoi piani anche i suoi fedelissimi tra cui Angelino Alfano e Daniela Santanché. Torna a parlare di "voto anticipato", dell'ipotesi di aprire una campagna elettorale in pieno agosto. Daniela Santanché, ospite ad Agorà insieme a Ivan Scalfarotto, gli dice: "Posso darti un consiglio? Preparati per la campagna elettorale. Preparatevi in tempo per Ferragosto, perché si va al voto". Insomma, nel Pdl si guarda al Colle pensando alle urne. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mariannadescalzi

    09 Agosto 2013 - 12:12

    Ma da quale manicomio sei scappato ?

    Report

    Rispondi

  • ABU NAWAS

    08 Agosto 2013 - 12:12

    DOPO IL FATTACCIO DELL'ESPOSITO, LA SENTENZA ANDREBBE ANNULLATA ANCHE NELLO ZIMBABWE!!! ESSENDO PALESAMENTE UNA SCIAGURATA SENTENZA POLITICA ,PILOTATA SIN DAL 1° GRADO,PUO' ESSERE ANNULLATA SUBITO!! IN DIFETTO, TOGLIERE LA SPINA AL GOVERNO E ANDARE ALLE ELEZIONI CON IL PORCELLUM, E CI SARA' TANTO DA RIDERE!!!!!!! PER ABUSI SUBITI, BERLUSCONI RICEVERA' CERTAMENTE UNA MAGGIORANZA "BULGARA", IN QUANTO LA MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI NON VUOLE + VIVERE IN UNA REPUBBLICA SEMPRE + "GIUDIZIARIA". A QUANDO LA TANTO ATTESA RIFORMA DELL'IN........... GIUSTIZIA???

    Report

    Rispondi

  • raffaugello

    08 Agosto 2013 - 09:09

    Caro "iltrota" che ti riempi la bocca parlando di bananas, credo che le banane ce le hai proprio nella tua zucca. Devi metterti in testa, se ce ne hai una, che i giudizi e le sentenze contro Berlusconi, sono opera di ricatto politico e di magistratura semplicemente "prevenuta",capisci "prevenuta" che significa? Che le cosiddette sentenze emesse da questi signori, sono tutte artefatte, cioè falsificate!!!

    Report

    Rispondi

  • yaaa

    07 Agosto 2013 - 21:09

    ma ci rendiamo conto di quanto sia grave sta cosa ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog