Cerca

Il lavoro in aula

Dl fare, sì della Camera: diventa legge

Sì definitivo al testo a Montecitorio: 319 i voti favorevoli, 110 contrari, 2 astenuti. Laura Boldrini annuncia: "Non chiudiamo per le ferie estive"

Laura Boldrini

Laura Boldrini

Arriva il definitivo via libera alla Camera al decreto legge "del Fare": il testo è stato approvato con 319 voti favorevoli, 110 contrari e due astenuti. Alla vigilia del voto definitivo, il governo era stato battuto a Montecitorio su un ordine del giorno al dl presentato dal Pd e relativo al riordino della geografia giudiziaria. Le opposizioni, dopo il varo del testo, attaccano. Giorgio Sorial, del M5S, spara: "Se il governo non va in vacanza ad agosto, che bisogno c'è di approvare in fretta e furia questo dl fare vuoto di cose e pieno di errori?".

La Camera non chiude - Già, perché il governo non va in vacanza. Lo ha ufficializzato la presidente della Camera, Laura Boldrini, prima di salutare per la pausa estiva dei lavori i deputati. Lady Montecitorio ha spiegato che "la Camera non chiude per ferie. Commissioni ed Aula possono essere convocate in qualsiasi momento". La vendoliana ha poi sottolineato come "tutti hanno lavorato con grande impegno, a conferma dell'importante ruolo del Parlamento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    10 Agosto 2013 - 11:11

    esiste una terza ipotesi: lo spread ha cominciato a scendere ben prima che Burlesque desse l'adesione a questo governo. Ad essere precisi, nel periodo in cui sembrava che si fosse ritirato dalla politica. http://www.ricerca24.ilsole24ore.com/piucercati/PAGES/andamento+spread.html

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    09 Agosto 2013 - 22:10

    post 8 di arwen che condivido. Caro ragazzo, anche questa volta hai fatto la cacca fuori dal vasino. D'altra parte voi compagni non abituati a controllare gli sfinteri (specie la bocca) siete abituati a smerdarvi.

    Report

    Rispondi

  • Devogu

    09 Agosto 2013 - 18:06

    Fare non si sa che cosa, dove. è lo sfolgorante seguito dell'opera deficiente iniziata da un essere malefico mezzo vegetale e mezzo mollusco. Con l'appoggio del pd con o senza elle. Tutti compatti. E' l'operazione di non fare.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    09 Agosto 2013 - 16:04

    Che centra B.? Ancora qualcuno crede alle favole della buona notte che ci hanno spacciato per oro colato? Siamo all'ottavo trimestre di crescita negativa del PIL, il debito pubblico cavalca indisturbato, la produzione continua a calare, la disoccupazione aumenta, la domanda interna è ai minimi storici, la pressione fiscale soffocante, tutte le agenzie di rating insistono a degradarci sul campo preconizzando outlook negativi, la politica è ridotta ad un gruppetto di comari isteriche che starnazzano, il governo licenzia un decreto che, data la situazione, darà all'economia lo stesso giovamento di un'aspirina somministrata a un malato terminale; e qualcuno ancora tira in ballo le favole? Invece chiedetevi: vista la situazione, decisamente negativa, xchè lo spread nn si impenna? Toglietevi il prosciutto berlusca dagli occhi e pensate con la vostra testa. Il DL del fare è una buffonata, leggetelo bene e ricordatevi che, seppur legge, occorre attendere i decreti attuativi. Campa cavallo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog