Cerca

Larghe intese a rischio

Cgia, la caduta del governo ci costa sette miliardi

Soncondo la Cgia per gli italiani la stangata si concentrerebbe nell'ultimo quadrimestre dell'anno

Enrico Letta

Enrico Letta visto da Benny

Se cadesse il governo gli italiani pagherebbero 7 miliardi di tasse in più. A lanciare l'allerme è la Cgia di Mestre;: "Nell'ipotesi che il premier Letta fosse costretto a rassegnare le dimissioni - dichiara il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi - gli italiani subirebbero una vera e propria stangata concentrata soprattutto nell'ultimo quadrimestre di quest'anno. Tra il pagamento dell'Imu sulla prima casa, l'aumento dell'Iva e l'applicazione della Tares si troverebbero a pagare oltre 7 miliardi di euro in più. In una fase economica cosi' difficile e con il tasso di disoccupazione destinato a crescere ulteriormente, molte famiglie non sarebbero in grado di reggere questo choc fiscale".La Cgia ricorda che entro la fine dell'estate il Governo Letta deve definire l'applicazione di tre importantissime  imposte: Imu, Iva e Tares. E nel caso la maggioranza di Governo non dovesse reggere, l'associazione degli artigiani mette in guardia sui rischi.La Cgia ricorda che entro la fine dell’estate il Governo Letta deve definire l’applicazione di tre importantissime imposte: Imu, Iva e Tares. E nel caso la maggioranza di Governo non dovesse reggere, l’associazione degli artigiani mette in guardia suo rischi:   

Imu - I proprietari della prima casa dovranno versare entro il 16 settembre la prima rata e a dicembre il saldo. Anche i proprietari di terreni, fabbricati rurali e le unità immobiliari appartenenti alle cooperative a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale saranno chiamati al pagamento dell’imposta. Pertanto, ai 4 miliardi relativi all’abitazione principale se ne aggiungono altri 770,6 milioni di euro.   

Iva  Dal 1 ottobre è previsto l’aumento dell’aliquota ordinaria che salirà dal 21 al 22%. Per i soli tre mesi di quest’anno saremmo chiamati a pagare un miliardo di euro in più.   

Tares. E’ previsto che la nuova imposta sull'asporto rifiuti dia un maggior gettito, rispetto al 2012, di 1,94 miliardi di euro. Un miliardo è dovuto dalla maggiorazione prevista dalla nuova tassa per la copertura dei servizi indivisibili dei Comuni: pertanto, i contribuenti pagheranno 0,3 euro al metro quadrato. I restanti 943 milioni di euro sono stati da noi stimati quale aggravio minimo corrispondente alla differenza tra il costo del servizio di smaltimento rifiuti (derivante dal bilanci dei Comuni) e il gettito Tia/Tarsu contabilizzato l’anno scorso. Si ricorda che il gettito della Tares deve assicurare l'integrale copertura del costo di asporto e smaltimento dei rifiuti, obbligo che la Tarsu non prevedeva

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    11 Agosto 2013 - 12:12

    una volta in galera non farà più danni.

    Report

    Rispondi

  • encol

    11 Agosto 2013 - 08:08

    Basta ricordare il NIET della Bindi. Per capire: questo acido soggetto ha manovrato e manovra per togliere di mezzo Letta personaggio a Lei non gradito. Ma non ne fa una questione di capacità tecniche, in ciò avrebbe anche ragione, ma di parentele scomode. Pensate da quanta ottusità siamo circondati in più li paghiamo Euro 20.000/mese-

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    11 Agosto 2013 - 07:07

    Faccia e non facci, gnurant

    Report

    Rispondi

blog