Cerca

La strana alleanza

Sull'Imu nasce l'asse Pdl-M5S
Grillo: "L'imposta non va pagata"
gli azzurri:"Giusto, lui meglio del Pd"

Beppe Grillo

Beppe Grillo

Il governo balla sull 'Imu. La scadenza del 31 agosto è alle porte. Entro fine mese il premier Enrico Letta ha promesso una riforma totale dell'imposta sugli immobili. Ma le posizioni sul futuro dell'imu tra Pd e Pdl restano lontane. I democratici spingono per la "service tax", una nuova tassa sui servizi che includa anche l'Imu, mentre il Pdl chiede da mesi l'abolizione dell'imposta. 

Grillo: "Abolire l'Imu" - Ora sull'Imu prende posizione anche Beppe Grillo, che a sorpresa con un post sul suo blog, sposa la tesi del Pdl: "La discussione IMU si - IMU no è stucchevole e offensiva per chi è esodato, cassintegrato, disoccupato. Semplicemente non pagherà l'IMU per ragioni di forza maggiore. Poi aspetterà con calma che arrivi Equitalia alla sua porta per sfrattarlo per morosità. Io non busserei. L'IMU sulla prima casa non va pagata. l'IMU su una casa soggetta a mutuo va pagata dalla banca che ne detiene la proprietà, l'IMU per chi non ha reddito non va pagata. Questa è giustizia sociale. Questo è ciò che va fatto mentre va in scena la farsa dell'IMU".

Asse M5S-Pdl -
Insomma se non fosse sul blog del leader a Cinque Stelle, questa dichiarazione potrebbe essere attribuita senza problemi a Renato Brunetta. E il capogruppo del Pdl alla Camaera "chiama" Grillo e condivide la sua presa di posizione: "Con il suo incedere da angelo sterminatore della Costa Smeralda, Grillo dice un paio di verità di buon senso: 1- l’Imu sulla prima casa non va pagata, 2- non esiste sviluppo reale senza crescita dell’occupazione. La pressione che, anche attraverso di me, il Pdl esercita come forza di maggioranza sul governo ha come pietra angolare una politica che abbandoni l’austerità cieca e suicida e rimetta in moto, attraverso la crescita dei consumi e investimenti produttivi, sviluppo e con ciò l’occupazione”.

Minzolini sottoscrive Grillo -  A condividere le idee di Grillo infine arriva anche Augusto Minzolini che cinguetta su twitter: "Per Grillo Imu sulla prima casa non va pagata, ha più sale in zucca del Pd". Sul fronte Imu dunque nasce una strana alleanza tra M5S e Pdl. Se Letta dovesse cadere non è poi così scontato che l'unico partner possibile del M5S per un nuovo governo sia il Pd. Soprattutto se il nuovo esecutivo dovesse avere in programma l'abolizone dell'imposta. A quel punto Grillo, anche solo per un attimo, potrebbe condividere in pieno la linea del Pdl. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquale_tibur

    14 Agosto 2013 - 11:11

    Sono contento che anche il M5S e l'On. Casini si siano schierati per l'abolizione dell'IMU sulla prima casa. Questo però non deve essere un pretesto per aumentare o inventare qualche nuova tassa per compensare. La pressione fiscale ha raggiunto il limite massimo di sopportazione e non può essere aumentata. Per far quadrare i conti bisogna mettere mano ai privilegi, agli sprechi e ai costi eccessivi di un apparato pubblico mastodontico e gonfiato all’inverosimile, un mostro che divora tutte le risorse e qualsiasi nuovo incremento di entrata fiscale.

    Report

    Rispondi

  • forart.it

    14 Agosto 2013 - 10:10

    ...di chi non vuol sentire: Grillo può dire quel che vuole, è un libero cittadino mica un parlamentare ! Io credo che la cosa migliore sia quella di far decidere ai cittadini.

    Report

    Rispondi

  • Joachim

    14 Agosto 2013 - 08:08

    Da tempo mi aspettavo che Grillo dicesse qualcosa di sensato. Questo Rasputin dopo il grande consenso non ne ha azzeccata una. Mi riconrda tanto le affermazioni di Socrate relativamente agli interventi di Aristotele sull'agora. Parla...parla......parla....e dopo giorni di chiacchericcio fasullo ne ha azzeccata una buona....questa la scrivo per i posteri..!!!!!

    Report

    Rispondi

  • encol

    14 Agosto 2013 - 08:08

    quindi il M5S sceglierà di volta in volta quali proposte votare indipendentemente da CHI le ha proposte. Così facendo si rimane all'opposizione ma almeno è una opposizione costruttiva-

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog