Cerca

I nemici delle larghe intese

Senato, ecco tutti i nomi
di quelli che vogliono
far fuori Berlusconi

Senato, ecco tutti i nomi
di quelli che vogliono
far fuori Berlusconi

"Per il 30 settembre la partita Berlusconi è chiusa". Così, su Repubblica, il presidente della Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato Dario Stefàno anticipa il verdetto sul Cavaliere. Proprio nel giorno in cui il premier Enrico Letta, parlando al Meeting di Rimini torna a ribadire la centralità delle larghe intese per proseguire sul cammino dell'uscita dalla crisi economica e mette in guardia i "falchi" del Pd e del Pdl dal far prevalere "interessi di parte sul bene comune dell'Italia", il vendoliano sbatte la porta. Il suo più scalmanato alleato, in giunta, è il senatore Pd ed ex pm Felice Casson, per il quale "ipotizzare rinvii" della decisione sulla decadenza di Berlusconi "è una bufala. La decadenza - prosegue - è scontata, pacifica, lineare, tant'è che stavolta il Pd ha fatto una sola riunione sul tema".

Segno che, stando alle parole di Casson, la pattuglia piddina in Giunta è più compatta che mai. Oltre da lui, sono da ritenersi scontati i voti contro Berlusconi da parte degli altri sette membri del partito di Epifani: Stefania Pezzopane (che è vicepresidente della Giunta), Isabella De Monte (che ne è segretaria), Giuseppe Cucca, Rosanna Filippin, Doris Lo Moro, Claudio Moscardelli e Giorgio Pagliari. I numeri sonno decisamente contro il Cavaliere. Perchè, a fronte di 6 mebri del Pdl (e di una leghista), ci sono oltre agli 8 del Pd e Stefàno di Sel, più 4 senatori del Movimento 5 Stelle (Maurizio Buccarella, Vito Crimi, Serenella Fucksia e Michele Giarrusso) che voteranno sicuramente per l'estromissione del Cav da Palazzo Madama. E l'unico membro di Scelta civica, Benedetto Della Vedova, aggiunge che "non dobbiamo fare un nuovo processo a berlusconi, ma semplicemente prendere atto del verdetto della Cassazione". Da un ex finiano cosa ci si poteva attendere?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gaetanodefi50

    21 Agosto 2013 - 11:11

    x il postato tandolon del 20-08 QUELLO CHE NON HAI CAPITO TESTA DI C.... E' CHE A TIRARE LA CATENA DELLO SCIACQUONE SARA IL BERLUSKA. LO STRONZO CHE VA NELLA CLOACA SARAI TU E LA MANDRIA DI BUOI CHE DATE DEL CORNUTO AD UN ASINO. SALU'

    Report

    Rispondi

  • tandolon

    20 Agosto 2013 - 16:04

    Bravi,cominciano a spuntare le persone reali ! Mi fa proprio godere questo pregiudicato coglione, finalmente messo a nudo, e adesso aspetto il colpo di grazia degli altri processi per vederlo sparire definitivamente, sarà come calare l'acqua al cesso per far sparire uno stronzo !

    Report

    Rispondi

  • scipione

    19 Agosto 2013 - 19:07

    L'unica gioia sarà, appena ci saranno le elezioni, veder scomparire gente come Della Vedova, un signor nessuno travestito da persona educata e compita; vada a zappare!

    Report

    Rispondi

  • Sorgenti

    19 Agosto 2013 - 13:01

    Stupisce (forse) che giuristi così famosi vogliano applicare la legge come serve loro, cioè "ad personam". Insomma, un concetto fondamentale della legge è che questa non può essere RETROATTIVA. Se così è la Legge Severino, varata lo scorso anno non può applicarsi, visto che il contestato risale a un paio di decenni orsono, peraltro senza alcun riscontro e senza aver consentito alla difesa di svolgere le proprie funzioni, rifiutando di ascoltare i numerosi testimoni a difesa richiesti. Fantastico Paese di Pulcinella!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog