Cerca

Il premier s'attacca alla poltrona

Il pizzino di Letta al Pdl: possibili maggioranze alternative

Il pizzino di Letta al Pdl: possibili maggioranze alternative

Difficile saperlo con certezza, ma forse è stato Maurizio Lupi a ispirare il passaggio, veemente, con cui il premier Enrico Letta dal palco del Meeting di CL a Rimini ha avvertito i falchi che vorrebbero far cadere il suo governo: "Gli italiani vi puniranno", ha tuonato Letta. Poco prima, si era appartato con l'esponente del Pdl, ministro delle Infrastrutture, che gli aveva confidato: "Non abbiamo più margini, né io né Angelino né gli altri". Una resa, drammatica: le colombe hanno perso e l'esecutivo è in mano ai furori di chi, nel centrodestra ma pure nel centrosinistra, non vede l'ora di tornare al voto per sfruttare, ciascuno a modo suo, le grane e la probabile esclusione elettorale di Silvio Berlusconi.

La tentazione dei falchi - Lupi, Alfano & Co. vorrebbero andare avanti ma è sempre più difficile. Forse per questo Letta si sta già preparando al peggio. Il Partito democratico è diviso tra chi, tra i lettiani, combatte per confermare la fiducia al governo (la mozione di Francesco Boccia ha già raccolto 30 firme, e potrebbe ottenerne di più) e chi, soprattutto a sinistra del partito, premer per votare la decadenza del Cavaliere in Giunta, il prossimo 9 settembre. Un desiderio di rivalsa sul nemico che mette in ombra però le difficili prospettive del dopo-ghigliottina. Quasi impossibile andare al voto subito, perché Napolitano chiede una nuova legge elettorale e prima di essa non scioglierà le camere. Legge elettorale che, parola di Letta, il governo varerà ad ottobre. Anche in caso di iter parlamentare lampo, sarà troppo tardi per tornare alle urne entro il 2013. E allora? Le strade sono due: o governo di scopo fino a primavera 2014 o maggioranza alternativa tra Pd e M5S. Senza dimenticare, poi, che il "traguardo temporale è quello del 1 luglio 2014, quando inizierà il semestre di presidenza europea dell'Italia", per dirla con le parole di molti esponenti di Pd e Pdl. 

Letta e le maggioranze alternative - Sondati da esponenti del Pdl, i parlamentari del Movimento 5 Stelle escludono ogni appoggio di Beppe Grillo a un governo-ponte. Ma c'è un però. Francesco Bei, su Repubblica, affaccia l'ipotesi verosimile che l'accelerazione di Letta sulla legge elettorale (a braccetto con il Quirinale) sia un pizzino spedito direttamente ad Arcore: attento, Silvio, che prima di votare bisogna cancellare il Porcellum. E per farlo, possono andare bene anche maggioranze alternative, con il M5S appunto. Perché sulla legge elettorale, tutto sommato, un contatto con i grillini si può stabilire e anzi oggi è più plausibile di una intesa tra Pd e Pdl. Dopo, si vedrà. Ma nel centrodestra a molti saranno fischiate le orecchie ascoltando l'ex bersaniana Alessandra Moretti, che domenica a Rainews24 proponeva: "Letta potrebbe essere incaricato nuovamente a verificare una nuova maggioranza che non escludo possa essere formata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    19 Agosto 2013 - 19:07

    Letta è affezionato ai pizzini. Vi ricordate quello che fece pervenire al prof (Monti) appena insediato, in cui si metteva a disposizione del maestro per ogni evenienza? Adesso che "conta" (lui, il prof è a livello due di coppe), il pizzino lo manda a tutto il PDL. Il primo non gli è servito a gran che, e temo che questo non sarà molto più utile, se il Berlusca decide di rovesciare il tavolo. Si mette coi grillini? Bene, ci faremo quattro risate: di questi tempi ce n'è bisogno.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    19 Agosto 2013 - 18:06

    dimissioni di berlusconi e pensare al paese innanzitutto. Urge responsabilità da parte di tutti gli eletti, anzi nominati. Alle prossime elezioni si vedrà.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    19 Agosto 2013 - 15:03

    Per voi tutto è possibile, tranne riuscire a governare seriamente questo paese. La più grande necessità ora del paese è la legge elettorale...ma si può essere più comici? dopo aver licenziato il decreto più inutile degli ultimi 20 anni, vista anche la criticità della situazione, Letta ci racconta che proprio non si può andarea vanti senza varare una lege elettorale. E le riforme costituzionali? E gli urgenti, anzi inderogabili, provvedimenti in materia economica e fiscale? La disoccupazione? Il debito pubblico? La crisi industriale? La fuga di capitali? Beh, pazienza concittadini, la legge elettorale è più importante. Che se ne faranno della legge elettorale quando le elezioni si svolgeranno in un paese stanco, debilitato e impoverito? Questi vivonno proprio in un altro mondo. Maggioranze alternative? Cioè PD, SEL e M5S? Ah, ah,ah, insieme durerebbero 5 minuti dopo di che volerebbero gli stracci....Penso proprio che stavolta non ce la caviamo!

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    19 Agosto 2013 - 14:02

    Faranno, forse, la legge elettorale e poi quando si andrà a votare si accorgeranno di avere perso le elezioni!!! Ma con che coraggio grillo potrà fare un Governo con chi ha sempre preso per i fondelli??? E con che coraggio chi è sempre stato preso per i fondelli da grillo, potrà andare al Governo con lui???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog