Cerca

Grandi manovre

Legge elettorale, il Pd si spacca: "La Finocchiaro vuole l'accordo col Pdl"

E' guerra in largo del Nazareno sul Porcellum. Giacchetti accusa: "Anna vuole portare la discussione al Senato per stare col Pdl". Ma Schifani frena: "Non c'è fretta e no al Mattarellum"

Anna Finocchiaro

Anna Finocchiaro

Il Pd riesce a spaccarsi su tutto. Anche sulla riforma della legge elettorale. Da un lato ci sono i renziani che la chiedono a gran voce e che non temono le urne, dall'altro ci sono i farisei, capitanati da Anna Finocchiaro, che probabilmente, temendo un ritorno al voto di preferenza, vuole mantenere ancora il porcellum. Così va in scena la resa dei conti. Ad aprire la guerra è il democratico Roberto Giacchetti che si scaglia contro la Finocchiaro: "In maniera affatto casuale – scrive il deputato renziano sul suo sito – il Presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato, dopo aver definito ‘intempestiva e prepotente’ la presentazione della mozione sul ritorno al Mattarellum, con grande “tempestività” e senza alcuna “prepotenza” istituzionale ha praticamente scippato alla Camera l’avvio della discussione della riforma elettorale” con “un finto incardinamento al Senato prima della pausa estiva”.

L'accusa -“La scelta – spiega Giachetti – può apparire un fatto marginale ed invece vedrete che avrà un peso non indifferente sul piano politico perché partire dal Senato (dove come noto i numeri del Pd sono ben diversi dalla Camera) significa inevitabilmente condizionare la riforma “ponte” all’accordo col Pdl e quindi portare il Pd in modo surrettizio verso la modifica del porcellum in luogo della sua cancellazione. Ecco, allora, è lecito che questa scelta non sia frutto di qualche furbata mascherata ma di un dibattito aperto nella sede decisionale del partito dopo la quale possibilmente si decida e non si rinvii come accade ormai un po’ ovunque?” Insomma Giacchetti ha le idee chiare: la Finocchiaro si sarebbe accordata col Pdl per una legge "ponte" che rivisiti il porcellum, ma che di fatto non lo cancelli del tutto.

Abolire il Porcellum -  La Finocchiaro comunque non accetta le accuse e risponde: "Io sono per l'ablizione del Porcellum, ma la riforma va condivisa con le altre forze parlamentari. Bisogna discuterne e ricordo che è al Senato e non alla Camera la procedura d'urgenza per modificare la legge". Intanto il dibattito va avanti. Per Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia, la modifica del porcellum è indispensabile: "Si' all'immediata modifica della legge elettorale, no al ritorno al mattarellum che non garantisce governabilita' e stabilita. La proposta di Fratelli d'Italia e' una vera 'clausola di salvaguardia', che mette in sicurezza il nostro sistema elettorale e puo' essere approvata in una settimana. Tre le modifiche previste: premio di maggioranza al Senato su base nazionale come alla Camera; abolizione delle scandalose liste bloccate e introduzione del voto di preferenza". 

Pd e Pdl distanti - Infine Renato Schifani chiarisce che per il Pdl non c'è fretta e di fatto indirettamente sposa la linea Finocchiaro per una "discussione" allargata sul ritorno o meno al mattrellum o per dare il via ad una nuova legge: "Sulla legge elettorale posso condividere la fretta di Letta se si riferisce al recepimento dei rilievi della Corte Costituzionale. Altrimenti, non comprendo le motivazioni di questa fretta. Comunque, non ci sono margini di avvicinamento. Tra Pd e Pdl - ha aggiunto Schifani - le distanze rimangono. Noi siamo per mettere in sicurezza Porcellum con la soglia". "Per noi la legge elettorale nuova deve seguire le riforme istituzionali, altrimenti non la comprendo, e preferisco non comprendere, altre motivazioni che non mi piacciono, come quella di fare una legge elettorale per andare a votare subito. Noi siamo per le cose lineari e per mettere in sicurezza l'attuale legge. Noi diciamo no al ritorno del Mattarellum". (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Frenki

    20 Agosto 2013 - 15:03

    Come potete giudicare tra i due maggiori partiti c'è diversità ideologica a parole, ma se guardiamo la sostanza troviamo comunanza d'interessi di potere ed economici. Non si spiegherebbe come Berlusconi a distanza di 20 anni sia ancora arbrito in Italia se non con l'appoggio della sinistra, che vorrebbe governare ma non ha una maggioranza interna tale da permetterle di agire di conseguenza e pertanto di fatto, sotto sotto, preferisce che sia il Berlusca a "cavare" i ragni dal buco. Troppe anime contraddittorie la animano e la mancanza di un leader capace di sintesi bloccano qualsiasi "governance". La conseguenza la vediamo sotto i nostri occhi: paese bloccato dalle lobby che si scannano tra di loro a danno del paese intero, destinato al declino inesorabile. Un esempio calzante lo trovate in quelle aziende private, dove il conflitto permanente tra i soci impedisce il regolare sviluppo e porta inesorabilmente al fallimento.

    Report

    Rispondi

  • marco50

    19 Agosto 2013 - 20:08

    Probabilmente non tutti avranno ascoltato quanto ha detto Calderoli in senato circa 15 gg orsono. 1) La legge fù voluta da Follini, pena la fermata delle riforme federali della Lega 2) I Listini bloccati ,in origine dovevano limitarsi a due persone, poi Fini li estese a 30. 3) Il premio di maggioranza doveva essere uguale per Camera e Senato, ma il Presidente della Repubblica si oppose per fatti costituzionali e quindi si arrivò allo stallo odierno. Calderoli stesso, propose, dato lo snaturamento della legge, (divenuta porcata)di tornare al Mattarellum, ma vi fù resistenza. Poi venne il governo Monti e Letta e col cazzo che la cambiano, in fondo è uguale alla legge elettorale della Regione Toscana (PD) .Mi ricordo benissimo che le preferenze furono abolite perchè, si diceva, che così si favorisce l'elezione dei mafiosi, invece con i listini, i partiti, depositari della legalità, tutelerebbero il paese da simili sciagure. Oggi, dicono,bevono,sniffano,c'è pure la Finocchiaro..che pena..!

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    19 Agosto 2013 - 19:07

    la regina della casta sn., berlusca il re della casta ds. Dovrebbero fare la fine di luigi e antonietta.

    Report

    Rispondi

  • dulbecco2

    19 Agosto 2013 - 18:06

    Altrimenti chi la voterebbe.. (nessuno)!!!ha proprio la faccia come...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog