Cerca

La strana coppia

Ecco cosa dirà Berlusconi in Senato,
...il discorso glielo scrive Grillo

Il leader del M5S anticipa il Cav e gli prepara il testo da leggere in Aula in caso di dimissioni: "Se sono io colpevole allora lo è di più il Pd che mi ha appoggiato sempre"

Ecco cosa dirà Berlusconi in Senato,
...il discorso glielo scrive Grillo

Beppe Grillo non st più nella pelle: vuole vedere il Cav fuori dai giochi e soprattutto fuori dal Senato. Così per accelerare i tempi, come il piccolo scrivano fiorentino, prende blog e penna e scrive per conto del Cav il discorso per le sue eventuali dimissioni da palazzo Madama. Il discorso del "Grillusconi" è un attacco feroce verso il Pd, reo, a suo dire, di aver prestato il fianoc in questi ultimi vent'ann i alle politiche e alle leggi varate dai governi di Berlusconi. 

Il discorso - Ecco cosa scrive Grillo nei panni di Silvio: "Cari, carissimi (quanto mi siete costati) parlamentari, se oggi sono qui è per mandarvi a fanculo. Certo, non è un linguaggio che mi appartiene, io, abituato alle cene eleganti, però esprime dal cuore quello che penso di voi. Se io sono un delinquente voi siete i servi di questo delinquente, i suoi soci in affari, i suoi dipendenti. Mi rivolgo soprattutto ai banchi della sinistra che mi è stata vicina in tutti questi anni con l'approvazione delle leggi vergogna, dell'indulto, dello Scudo Fiscale. Quanti bei ricordi assieme. E la scorpacciata del Monte dei Paschi? Indimenticabile. E ora vi voltate dall'altra parte, compreso Enrico Letta che spese parole di miele per me invitando a votarmi al posto del M5S (in verità le spese anche per Andreotti e per Monti, è un ragazzo volubile...). Lui che deve tutto a suo zio che a sua volta deve tutto a me".

Bordate al Pd - Poi arriva l'affondo sul Pd. E per attaccare i dem, Grillo mette in bocca al Cav quelle parole che Craxi pronunciò in parlamento durante lo scandalo di Tangentopoli: "Se io sono colpevole - prosegue il Berlusconi visto da Grillo - voi siete colpevoli di avermi tollerato, coperto, aiutato in ogni modo sapendo perfettamente chi ero. Non mi sono mai nascosto, al contrario di voi. Finocchiaro, D'Alema, Violante dove siete? Non potete lasciarmi solo. Potrei essere indotto, più dalla rabbia che dalla disperazione, a rivelare la storia di questi vent'anni agli italiani intontiti dalle televisioni che voi graziosamente mi avete regalato. Senza di me voi non sareste mai esistiti. Senza di voi, che avete ignorato per me qualunque conflitto di interessi, io non sarei mai esistito o forse avrei accompagnato il mio sodale a Hammamet. Siamo legati come gemelli dalla nascita. E ora mi lasciate solo, ai domiciliari o ai servizi sociali per una semplice frode fiscale? A fanculo, dovete andare. Io non sono certo peggio di voi. I padroni, anche i più ributtanti, sono sempre migliori dei loro servi!". (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sotnaile38

    22 Agosto 2013 - 15:03

    ci sono punti condivisibili e non è da ieri che sostengo che l'alleanza col PD con Monti prima, e Letta poi, potrebbe essere il colpo di grazia alla sua carriera politica.

    Report

    Rispondi

  • gosth

    21 Agosto 2013 - 15:03

    ci sono due modi per tirare una carretta, a colpi di frusta oppure volontariamente, ecco lei fa parte dei volontari e volontariamente SA di votare un PREGIUDICATO che da 20 anni rovina L'ITALIA e pensa slo a salvarsi dai SUOI processi con l'aiuto dei tanto odiati "comunisti". vede, non solo dovrebbe andare lui in carcere ma chi CONSAPEVOLMENTE lo aiuta a salvarsi. bananoide

    Report

    Rispondi

  • tuttialavorare

    21 Agosto 2013 - 11:11

    Lo ha già fatto. Legga qui: http://www.beppegrillo.it/2007/06/post_24.html

    Report

    Rispondi

  • curcal

    21 Agosto 2013 - 10:10

    lei non votando tira la carretta e gli altri le dico no di girare a destra o a sinistra. Io tiro la carret ta come lei ma giro dove voglio. Mi sa tanto che lei faccia parte dell'armata brancaleone degli ortotteri. Un bananas.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog