Cerca

La trattativa

Pdl, Berlusconi dà l'ok: Alfano in missione da Napolitano

Angelino ha ottenuto lo stop alle bordate dei falchi dopo le timide aperture dei dem. E si profila la "vecchia" ipotesi

Pdl, Berlusconi dà l'ok: Alfano in missione da Napolitano

In missione per conto del Cavaliere. Come scritto da Salvatore Dama su Libero in edicola oggi, martedì 27 agosto, il vicepremier Angelino Alfano ha ottenuto da Silvio Berlusconi il via libera: salirà al Quirinale per parlare con il presidente Giorgio Napolitano e intavolare la trattativa, forse definitiva, per uscire dal cul de sac della legge severino e della decadenza da senatore. I messaggi più o meno cifrati arrivati da qualche moderato del Pd (primo fra tutti, Luciano Violante) hanno in qualche modo convinto il leader del Pdl a sospendere la linea dura dei falchi in stile Santanchè, Verdini e Capezzone. Si tratta dunque, come si tratta sull'Imu, una delle due condizioni poste dopo il vertice di Arcore per tenere in vita le larghe intese. E non è un caso che lunedì sera sia stato lo stesso Alfano, via Twitter, a mostrare segni di ottimismo: "Possiamo farcela", ha scritto Angelino riferendosi al CdM decisivo di mercoledì. Qualcuno, però, ha letto sottintesi anche sull'altro fronte. 

Le sirene delle colombe - Perché dunque Alfano salirà al Colle? Perché "Napolitano è l'unico che può risolvere la situazione, se vuole", ripete con un pizzico di amarezza Berlusconi ai suoi. Come? Fabrizio Cicchitto crede che la pacificazione sia ancora possibile, a patto che dal Quirinale arrivasse un "atto di grazia quale la commutazione della pena". Ma il Cavaliere, secondo Marco Conti sul Messaggero, sta riprendendo piede anche un'altra idea. "Prima o poi verrà fatta domanda formale di grazia", avrebbe confidato qualche fedelissimo, riprendendo l'idea già espressa prima di Ferragosto da uno dei legali di Berlusconi, Piero Longo. E se anche Mario Monti ha parlato per la prima volta del provvedimento come "niente affatto scandaloso", allora sembra più chiaro il "pressing" incrociato sul Quirinale. Il nodo però è l'entità della grazia: per evitare la decadenza da senatore, Berlusconi dovrebbe sperare in una "grazia extra-large" anche sulle pene accessorie e non solo sulla pena principale (la condanna a 4 anni di carcere, di cui solo 9 effettivi da scontare, per frode fiscale nel processo Mediaset). Il Pdl si affida al Quirinale e ai più morbidi del Partito democratico anche perché, strategicamente, è forse la via più comoda. Trattare fino all'ultimo potrebbe garantire infatti una doppia via d'uscita: ottenere il massimo, l'agibilità politica del suo leader. Oppure non ottenere nulla, rovesciando però la responsabilità sulla sinistra e farsi consegnare dal Pd stesso un'arma straordinaria in vista delle allora sì inevitabili elezioni anticipate.

di Claudio Brigliadori

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    29 Agosto 2013 - 07:07

    SONO D'ACCORDO CON LA TUA DECISIONE CAVALIERE. ALFANO SI STA DIMOSTRANDO UN VERO TUO AMICO E NOI CI FIDIAMO DI LUI.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    28 Agosto 2013 - 23:11

    Tanto per chiarire,piccola testa di cazzo,tu non sei nelle condizioni di chiedere niente,devi solo stare muto e subire senza fiatare,tanto nessuno ti caga.Fammi sapere imbecille se hai capito.

    Report

    Rispondi

  • fearofthedark

    fearofthedark

    28 Agosto 2013 - 18:06

    vedi sei talmente pirla da non capire neanche le minkiate che scrivi, hai usato il generico "Italiani" per individuare i minus habens che rivoteranno il cav. pomp. idr. preg. ed essendo io italiano non voglio essere incluso riesci a capire pirlotto? la prossima volta scrivi "gli italiani pirla come me colombincitrullo er benzinaro pompettaro lo rivoteranno"

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    27 Agosto 2013 - 21:09

    Prova a spiegargli come funziona la Magistratura in Italia.Se vuoi,seppellisco il Forum di tutti casi di malagiustizia,così quando vai in Svizzera ti capiranno.L'equivoco nasce dal fatto che loro credono che la Magistratura italiana sia da equiparare a quella Svizzera.Vedrai,chiarito l'equivoco e dimostrato che in Italia fanno fare il carcere a moltissimi innocenti,anche gli svizzeri si renderanno conto di che razza di Magistrati abbiamo.Non sono tutti comunisti,ma se li attacchi e prospetti la fine dei loro privilegi e della loro impunità si coalizzano contro l'intruso (Silvio)e non solo,guarda che fine ha fatto Mastella e la sua signora.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog