Cerca

Lo scenario

Decadenza del Cav: il "Lodo Violante" convince giornali e mezza sinistra
E si apre una strada per Silvio

Silvio Berlusconi

E' il giorno dell' Imu, si tratta ad oltranza per trovare un accordo che salvi le larghe intese ma nonostante  il tema più caldo sia quello della tassa sulla casa, gli azzurri non lasciano l'altro nodo da sbrogliare: quello della decadenza del Cav da senatore.  Ad aprire un varco a favore dell'ex premier,  è stato l'ex presidente della Camera Luciano Violante che, in un'intervista al Corriere, ha detto che il ricorso della legge Severino alla Corte Costituzionale  sarebbe legittimo. "La Corte Costituzionale ha ritenuto che il procedimento davanti alla Giunta è di carattere giurisdizionale. Quindi la Giunta, se ritenesse che ci fossero i presupposti, potrebbe sollevare l'eccezione davanti alla Corte. Ma questa non sarebbe dilazione; sarebbe applicazione della Costituzione". 

Il ruolo di Napolitano - Le frasi di Violante, che hanno acceso il dibattito tra i democratici e su cui il Pd sta dividendosi da giorni, sono l'indizio (o la prova?) che Napolitano ha deciso di lanciare un paracadute a Berlusconi mandando avanti Violante. Il disegno è questo: il Cav chiede che la Giunta presenti ricorso alla Corte Costituzionale contro contro la legge Severino (che impone la decadenza del Cav dal Parlamento). Questa mattina, infatti,  sono stati depositati alla presidenza della giunta per le elezioni del Senato, i pareri pro veritate di giuristi e costituzionalisti per la difesa di Silvio Berlusconi . I pareri, a quanto si apprende, sarebbero sei e sono accompagnati da una breve lettera firmata da Silvio Berlusconi dove si annuncia anche il ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo contro l'applicazione della legge Monti-Severino.  Dunque, dicevamo, la Giunta ricorre alla Consulta contro la Severino il Senato ne prende atto e rinvia il voto sulla decadenza in attesa del pronunciamento della Consulta. 

La commutazione della pena - Passano così dei mesi, sicuramente la decisione della Corte Costituzionale non arriverà prima di ottobre, quando è attesa la decisione della Corte d'Appello sull'interdizione dai pubblici uffici. E a questo punto Napolitano potrebbe commutare solo la pena accessoria. Il Cavaliere potrebbe ancora una volta guardare al Colle non più per la grazia ma per una possibile commutazione della pena. E, sarebbe questo il ragionamento degli azzurri, se il capo dello Stato decide di commutare la pena dell'interdizione come potrebbe il Senato esprimersi contro una scelta del presidente della Repubblica anche se in riferimento a un'altra legge? Insomma, la giunta del Senato a questo punto non potrebbe più votare contro il Cavalere se nel frattempo il Colle è intervenuto per restituirgli, attraverso la commutazione della pena, l'agibilità politica. 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Libero Di Rino (LDR)

    28 Agosto 2013 - 23:11

    Invece di perdere tempo a processare continuamente Berlusconi, la sinistra farebbe bene a trattare Berlusconi come tanti altri parlamentari che hanno ottenuto la grazia dal Parlamento ed un esempio è il caso del senatore TEDESCO Ex assessore della Giunta pugliese Vendola.

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    28 Agosto 2013 - 23:11

    Invece di perdere tempo a processare continuamente Berlusconi, la sinistra farebbe bene a trattare Berlusconi come tanti altri parlamentari che hanno ottenuto la grazia dal Parlamento ed un esempio è il caso del senatore TEDESCO Ex assessore della Giunta pugliese Vendola.

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    28 Agosto 2013 - 23:11

    Essendo Violante un ex non si comprende a quale titolo abbia cercato di intorbidire le acque per nascondere e proteggere Berlusconi. O, meglio, si comprende benissimo. Violante appartiene a quella schiera di giudici che Berlusconi non si sognerebbe mai di contestare perchè sono dalla sua parte. Immaginiamo che Violante o Napolitano o Letta, o D'Alema o tanti altri siano i comunisti migliori e che Berlusconi sia l'italiano peggiore, a questa punta non possiamo affermare che Berlusconi (il peggiore di tutti) debba essere impiccato con le budella del migliore comunista.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    28 Agosto 2013 - 21:09

    Suppongo che nel decreto «anticorruzione» sia stata, ad arte e misura inserita la norma sull’incompatibilità e incandidabilita' per incastrare Berlusconi, sapendo a priori cosa gli sarebbe successo. Se quanto dichiarato da Enrico Costa, capogruppo del Pdl in Commissione Giustizia della Camera, risultasse vero ci sarebbe da dichiarare incostituzionale tale legge, e non solo. Costa ha detto, infatti, che la “Legge Severino ” è stata costruita a tavolino dal Pd e dal Governo Monti contro Berlusconi. I reati contestati a Berlusconi risalgono al 2001-2003. Ora a distanza di ben 12 anni si condanna Berlusconi per quei reati. Che la legge sia stata fatta a fine 2012 varrebbe per il futuro. L’avvocato penalista e docente universitario, oggi presidente della commissione Affari costituzionali di Montecitorio, F. Paolo Sisto afferma che, trattandosi di una norma afflittiva, la non retroattività è pacifica.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog