Cerca

La casta

De Luca, il sindaco-viceministro,
"Non mi dimetto, posso fare tutto"
ma fa infuriare Lupi...

La doppia poltrona non vuole mollarla e si attacca ad un cavillo: "Non ho deleghe quindi faccio il vice per finta". Intanto si prepara a candidarsi anche per il terzo mandato...

Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca è onnipresente. Riesce ad essere contemporaneamente viceministro delle Infrastrutture e sindaco di Salerno. Un vero e proprio affare per De Luca che nel silenzio, riesce ad occupare due cariche pur non potendo. A Salerno però i malumori della giunta e del consiglio cominciano a farsi sentire. La città di un sindaco "ad ore" non se ne fa nulla. E allora in poche ora De Luca si è ritrovato schiacciato sotto il peso delle critiche di chi lo accusa di "ingordigia istituzionale". 

Il cavillo - Lui si difende e pur di non mollare una delle due poltrone De Luca ha trovato un cavillo per restare in sella: "L'incarico implica deleghe conferite dal ministro e approvate dal consiglio dei ministri. È l'attribuzione delle deleghe che dà piena effettività alle funzioni. Allo stato, però - ricorda - pur avendo giurato nelle mani di Letta, non ho ricevuto alcuna delega. Quindi non c'è incompatibilità tra le cariche di sindaco e viceministro". 

Lite con Lupi - Ma l'idea a quanto pare non è andata giù al ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi. Secondo quanto racconta Dagospia.com tra Lupi e De Luca sarebbero volate parole grosse durante un colloquio telefonico. De Luca ha sottolineato a Lupi che l'incompatibilità non sussiste in quanto non ha ricevuto alcuna delega. Ma a quanto pare Lupi sarebbe andato su tutte le furie perchè con il suo vice avrebbe un pessimo rapporto. De Luca sa bene che a Salerno tra poco si vota per le amminsitrative e vorrebbe correre per un terzo mandato. In più De Luca pensa anche a candidarsi governatore per la regione Campania e prepara la sfida con Mara Carfagna che in tanti danno in corsa per il dopo Caldoro. Così De Luca cerca di restare in gioco su tutti i fronti. Perchè su un divano si sta meglio che su una poltrona...(I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    09 Settembre 2013 - 17:05

    cè`da dire il Comunista cambia il pelo ma non il vizio.

    Report

    Rispondi

  • ziocosimo

    28 Agosto 2013 - 19:07

    in italia servirebbero non 1 ma mille de luca che hanno grande capacita' di fare x la citta' e il paese,ben venga il doppio incarico anzi se fossi io lo metterei come presidente del consiglio almeno qualcosa di buono fara',lupi perche' non guarda prima in italia quanti soggetti nella p.a. amministrazione e politici hanno doppio incarico e doppi stipendi, adesso de luca e' la pecora nera,ma mi faccia il piacere!!...mi dispiace che non posso contribbuire a qualche sua elezione com evotante tranne a carattere nazionale, vincenzo hai il mio appaggio come salernitano e fai sempre di piu' x salerno, i salernitani ti amano,grazie che ci sei!!.. un grande saluto da cosimo..

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    28 Agosto 2013 - 18:06

    Avevo molta simpatia per "Vicienz''a belva", che consideravo uno dei buoni amministratori locali: intelligente, concreto, lavoratore. Ma evidentemente non avevo messo in conto la legge di Peter, che in politica è di rapidissima attuazione, e pare sia straordinariamente potenziata dall'ambiente romano. Uno che non ravvisa l'opportunità di dare un segnale di correttezza (non ricorrendo a cavilli per cumulare due retribuzioni), in tempi come questi, mi pare un tantino inadeguato. Che delusione.

    Report

    Rispondi

blog