Cerca

Guerra totale

I renziani minacciano Letta:
"Fai il premier fino al 2018?
Noi ti togliamo la fiducia"

Il presidente del Consiglio, dopo l'abolizione dell'Imu vuole restare in sella "senza scadenze". Panico tra i rottamatori: "Ha tradito la parola data. Epifani intervenga"

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Sull'Imu il governo non balla più. L'abolizione dell'imposta sulla casa ha di fatto spiazzato il Pd. L'entusiasmo ha invaso le stanze del Pdl, ma anche quelle del Pd "lettiano". Il premier vede un futuro roseo e si è lasciato andare ad un commento che ha spaccato il partito: "Ho molta più fiducia sull'azione di governo, che penso possa durare a lungo". Di fatto con queste parole, Enrico Letta ha abbattuto il muro dei 18 mesi che era il termine entro cui il suo governo doveva essere "pensionato". Ora il premier punta a restare in sella per tutta la legislatura. Ma i renziani cominciano a minare la sua poltrona. Tra i fedelissimi del rottamatore è scattato il panico. Se Letta dovesse restare a palazzo Chigi fino al 2018, per il sindaco di Firenze sarebbe la fine della sua freschezza politica. Quella "freschezza" che lo spinge in cima alle classifiche di gradimento dell'elettorato.

"Ti togliamo la fiducia" - Così il numero due di Renzi, Davide Faraone manda un messaggio chiaro a Letta: "Tu non duri fino al 2018, perchè noi ti facciamo cadere prima". Questo in sintesi l'avvertimento di Faraone che afferma: "Il limite temporale era infatti - secondo Faraone - una condizione essenziale per la durata dell'esecutivo e per il voto di fiducia, Letta aveva posto il limite di 18 mesi: Non so quanti parlamentari del Pd - aggiunge il deputato - avrebbero accettato di votare la fiducia a un governo di larghe intese senza scadenza". Poi Faraone, intervistato dall'Huffingtonpost rincara la dose: "Ci dica se ha cambiato idea sulla scadenza del governo, in quel caso allora io valuterò se votargli o no la fiducia". Un avvertimento chiaro, quasi una minaccia. Faraone chiama in causa anche il segretario del partito Guglielmo Epifani lo invita a "intervenire per smentire l'affermazione di Letta perché - aggiunge - se no rischia il Partito Democratico". Insomma ora la "bomba" per Letta è dentro casa. E ad innescarla è il suo "finto amico" Matteo Renzi. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • muneto

    30 Agosto 2013 - 12:12

    Non so come faccia Letta ad essere così ottimista. 2018? Se arriva alla fine del semestre italiano di presidenza UE sarebbe già un miracolo. Proprio stamattina leggo che l'abolizione dell'IMU verrà compensata con un aumento delle imposte sulle seconde case, che Berlusconi è furioso visto che si tratta del suo elettorato, poi c'è la questione dell'IVA, poi la riunione della giunta il 9 settembre....Forse i renziani potranno risparmiarsi la fatica.

    Report

    Rispondi

  • gabryvi

    29 Agosto 2013 - 22:10

    Peccato, se avesse vintole primarie, l'avrei votato anch'io, ora mi sembra andato nel pallone. Un colpo al cerchio e uno alla botte. Ormai non si sa più cosa pensa. Quasi, quasi, sta facendo fare una bella figura a Letta!

    Report

    Rispondi

  • er sola

    29 Agosto 2013 - 20:08

    Nello staff del Sindaco di Firenze c'è gente che oltre a lui mi sta simpatica. Ultimamente, per i discorsi che la la Biagiotti mi piace di meno.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    29 Agosto 2013 - 20:08

    Siete una massa di criminali che credono di poter ancora per molto giocare sulla pelle degli italiani. State proprio ESAGERANDO !!!! Non si salva nessuno in quanto pensate solo ai "cazzi" vostri compreso lo "stronzo" di Fonzi-Renzi e non al bene degli Italiani. Oh Dio anche nel PDL c'è la stessa musica. Ma in che lingua, per non arrivare all'estremo, ve lo dobbiamo dire ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog