Cerca

Il Cav al banchetto

Giustizia, Berlusconi firma il referendum dei radicali: "Nessun ultimatum a Letta"

Giustizia, Berlusconi firma il referendum dei radicali: "Nessun ultimatum a Letta"

"Nessun ultimatum al governo, auguro a Letta di rimanere a Palazzo Chigi". Dopo i toni duri di venerdì, con cui aveva mandato messaggi minacciosi all'esecutivo, Silvio Berlusconi mostra un volto decisamente più conciliante. Forse anche perché la reazione, da parte del premier, non era stata delle migliori: "Sulla decadenza non vedo margini", ha ammesso Enrico Letta dalla Festa nazionale del Pd a Genova. Meglio, dunque, portare avanti la battaglia sulla giustizia fuori dai palazzi, in attesa di difendersi in Giunta.

Una firma per i radicali - Questa mattina, sabato 31 agosto, come annunciato ieri, il Cavaliere ha ufficialmente "sposato" la causa dei Radicali e dei referendum sulla riforma della giustizia, non limitandosi a un appoggio politico ma mettendoci faccia e firma. Il leader Pdl si è recato personalmente a sottoscrivere i quesiti preparati dai radicali "per una giustizia giusta". Berlusconi ha scelto per l'occasione il tradizionale banchetto per le firme allestito dal partito di Marco Pannella a Largo di Torre Argentina, a un passo dalla storica sede Radicale e altrettanto vicina a Palazzo Grazioli. Il Cavaliere è giunto accompagnato dal leader dei Radicali con il quale ha avuto un nuovo colloquio - ieri mattina si era intrattenuto a lungo in casa Pannella - questa volta nella sua residenza.

"Un disegno per eliminarmi" - "Questo governo ha fatto cose egrege gli auguro di andare avanti", stupisce tutti Berlusconi, nella sua uscita romana al banchetto con cui è arrivato a braccetto con Pannella. Il Cavaliere ha placato le polemiche sollevate dalle sue parole, rispedendole al mittente. "C'è un disegno preciso, vogliono eliminarmi. Le condanne che ho avuto sono soltanto politiche" e hanno l'obiettivo di favorire la sinistra, "affinché possa prendere definitivamente il potere". Nelle ultime settimane molti hanno affacciato l'ipotesi di un asse tra lettiani del Pd e ministri del Pdl per far continuare il governo, indipendentemente dalle sorti del Cavaliere. "Ritiro dei ministri in caso di decadenza? Questo è quello che mi dicono gli stessi ministri, chiedetelo a loro", spiega Berlusconi, proponendosi di fatto come il garante della stabilità dell'esecutivo. "Comunque io mi auguro che questo non accada". Nessuno pensi però che il Cavaliere abbia fatto retromarcia sul Pd e la questione decadenza: "E' una cosa che entra nell'assurdità che una forza democratica, che vuole essere democratica, come il Partito democratico, pretenda che, essendo alleata con un'altra forza democratica, questa possa restare a collaborare al tavolo del governo, se gli sottrae il fondatore e leader". A largo del Nazareno fischieranno le orecchie a molti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oldbit

    01 Settembre 2013 - 14:02

    Lei ha sprecato un pomeriggio intero e ha capito una mazza .Lasci perdere ,non è roba per lei,continui con il tressette al circolo anziani...

    Report

    Rispondi

  • oldbit

    01 Settembre 2013 - 14:02

    Fanno tenerezza.Praticamente Gianni e Pinotto.

    Report

    Rispondi

  • boris49

    01 Settembre 2013 - 09:09

    Di questo passo, il più grande (in senso qualitativo) statista della storia italiana (e forse mondiale) smentirà quello che non ha ancora detto. Si, al nostro Silvietto nulla è precluso.

    Report

    Rispondi

  • yenauno

    31 Agosto 2013 - 23:11

    Vorrei far notare come passano veloci gli anni.Quando lo capiranno quelli del centro destra che il pericolo più grande per B.è l'età più delle condanne.C'è un momento della vita che le scarpe vanno attacate al chiodo.Se no si riaschi di rompesi tutto.Meditate gente.Anche berlusconi invecchia (pper sua fortuna)Ma Poi si muore anche.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog