Cerca

Il bestiario

Pansa: l'odio tra Pd e Pdl non si fermerà più

Il sistema dei partiti è un mostro che condiziona le nostre vite e le intossica. Ma allo stesso tempo è molto fragile: ogni problema scaraventa le coalizioni nel marasma

Pansa secondo Benny

Giampaolo Pansa nella vignetta firmata da Benny

Sulle prime sembrava di essere tornati all’8 settembre 1943, ma senza la Wehrmacht di Hitler che scendeva dal Brennero a occupare l’Italia. Tra il Pdl e il Pd soffiava l’aria dolce di un armistizio fra gentiluomini. Irrobustita da una tregua convinta a sostegno del governo Letta. Ossigeno per le larghe intese. Riconciliazione. Pacificazione. Condivisione. Poi la speranza è svanita di colpo. Archiviata la discordia sull’Imu, si è subito aperto il conflitto sull’aumento dell’Iva, in attesa di una nuova guerra sulla Service Tax del 2014.  L’Italia dei palazzi politici sta scoprendo ogni giorno di più un cancro  che rischia di ucciderla: senza l’odio non funziona. Non siamo l’unica democrazia parlamentare dove l’avversione tra i partiti sia una costante impossibile da annullare. Ma noi esageriamo. Stiamo ancora immersi in una crisi economica e sociale che non si riesce a debellare. È vero che s’intravedono piccoli segnali di ripresa. Però si tratta di piantine appena nate che avrebbero bisogno di un giardiniere costante e sollecito. Invece il sistema dei partiti fa di tutto affinché le speranze di tanti muoiano prima di aver preso corpo. 

 Esiste una verità inconfessabile perché ci fa paura. L’Italia ha in casa un nemico che fingiamo di non vedere. Questo avversario è il nostro sistema dei partiti. Risorto dopo la caduta del fascismo, per decenni ha avuto una funzione positiva nella crescita del paese. Ma da Tangentopoli in poi ha subito una mutazione infernale, simile a quelle che si vedono nei film di fantascienza del genere horror.  L’insieme dei partiti è diventato un mostro, una creatura aliena gigantesca e cattiva. Capace di insinuarsi nelle nostre vite di italiani qualunque per intossicarle, devastarle, ucciderle. Mi rendo conto di formulare un’accusa che non avevo mai osato esprimere. Però sto soltanto descrivendo quanto si vede nell’Italia del 2013. Una nuova realtà, orrenda eppure contraddittoria. 

Il Mostro partitico è strapotente. Condiziona le nostre vite in modo totale, anche negli aspetti minimi. Oggi trovare un posto di lavoro qualsiasi è impossibile se non hai un padrino politico anche di taglia minima. Senza l’appoggio di un parlamentare, di un assessore regionale, di un sindaco, di un dirigente di partito, l’unico destino che ti aspetta è fare il disoccupato a vita. I partiti hanno creato un sistema simile a quello di Cosa nostra: devi inchinarti davanti a un padrino, altrimenti non avrai nulla. 

 Dove sta la contraddizione? Sta nel fatto che il Mostro presenta anche un lato debole. L’insieme dei partiti italiani di questo 2013 rivela una fragilità estrema. Lo dimostra l’incapacità di resistere alla pressione della guerra civile che loro stessi hanno scatenato. Qualunque problema, disaccordo, questione, per banale che sia, li manda in tilt, li scaraventa nel marasma, li getta nel terrore. Non sto immaginando una condizione irreale. È sufficiente leggere un quotidiano o vedere un telegiornale per rendersi conto della verità che descrivo. 

Il Mostro abita una fortezza debole, facile da abbattere o da occupare. Qualunque forza estranea potrebbe distruggerla in un amen. Non sto pensando a una guerra scatenata da uno Stato nemico. Penso a qualcosa di molto più subdolo. Per esempio a una escalation improvvisa di un terrorismo nazionale o esterno. 

Non riusciamo a ristabilire un minimo di ordine in Val di Susa.  Non intorno a una centrale atomica, bensì in difesa di un cantiere dell’alta velocità ferroviaria. Di fronte a un assalto ben più grande, il nostro sistema politico non reggerebbe ventiquattro ore. Per non parlare di situazioni eversive che nei decenni passati non abbiamo mai conosciuto. Ad esempio, un intervento illegale di un corpo militare che abbia deciso di ribellarsi alla Costituzione. 

In questo caos lo spettacolo offerto dai partiti maggiori è grottesco e insieme tragico. Il Pdl sta aggrappato a un signore, Silvio Berlusconi, che ha una sorte segnata. Prima o poi verrà espulso dal Senato, un ritardo di qualche mese, ottenuto  grazie a legittime strategie difensive, non lo salverà. Poi dovrà farsi un anno di arresti domiciliari o di servizi sociali. Da novembre non godrà più dei diritti civili. Il Cavaliere  potrà pure concionare tutte le sere da una delle sue tivù. Ma come leader politico è finito. Per non parlare degli altri processi che lo aspettano in una sede giudiziaria, Milano, che non è mai stata tenera con lui.  Il suo partito, ossia il pilone che regge il centrodestra, è un’armata in sfacelo. Anch’io penso che esistano ancora milioni di italiani pronti a votare per Berlusconi. Ma rischia di mancare l’apparato politico e morale, dai colonnelli ai sottufficiali, in grado di trasformare un sentimento in una strategia. 

Giampaolo Pansa

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • numetutelare

    07 Settembre 2013 - 15:03

    Mai letto un esempio più fulgido di esposizione moderata e democratica di opinioni, una copia del manifesto dei diritti sull'uguaglianza... Tuttavia rammenti che nella scala dell'estinzione resistono sempre gli organismi più adattabili e capaci di risorse creative e che se ne infischiano delle elucubrazioni supponenti di chi si ritiene superiore, vedi i topi più o meno di fogna e gli scarafaggi che sono tuttavia più dignitosi di iene e sciacalli.

    Report

    Rispondi

  • gianko

    06 Settembre 2013 - 12:12

    e vogliamo finirla con 'sta battuta che hanno sempre in bocca i CRETINI DI SX che si credono spiritosi! LA VERITA' STORICA E' CHE IN RUSSIA NEGLI ANNI '20 GRAZIE ALL'IMBECILLITA' DI STALIN, STRAGE DEI KULAKI, REQUISIZIONI FORZOSE DI GENERI ALIMENTARI ECC. mentre N. Bukarin aveva lanciato lo slogan "contadini arricchitevi!" il georgiano invece pensava di poter far lavorare i contadini solo con il terrore.. risultato PENURIA ESTREMA DI CIBO E **EPISODI DI CANNIBALISMO** quindi *non erano i comunisti che mangiavano i bambini* (anche perchè i *compagni potevano permettersi di meglio*) ma i poveracci che per non morir di fame, si mangiavano i cadaveri dei loro figli.. cose che son sempre successe.. anche nell'assedio di Leningrado nell'43 ci furono episodi simili (e anche nelle Ande e chissà in quanti altri casi simili).. QUINDI LA FRASE NON E' DEL TUTTO SBAGLIATA .. va solo spiegata più dettagliatamente.. capito sinistrodi minus habentes??

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    02 Settembre 2013 - 14:02

    sono serbatoi di voti.. mon per loro ma per altri movimenti. vedi lega e m5s quando deludeva il pdl era il boom per la lega deludono pdl lega e pd? boom per grillo.

    Report

    Rispondi

  • dontfeedtheboss

    02 Settembre 2013 - 14:02

    Poi arriva ciannosecco con la sua volgarità inutile. Eccolo il berluscoide quadratico medio: gente di poca cultura e intelligenza, con nessuna moralità e decenza. Gente che non ha nulla da dire ma che nel berlusconismo d'accatto ha l'occasione di uscire dalla giusta marginalizzazione che lo colpirebbe. Da nullità ad elettori, da imbecilli a opinonisti, e tutto e solo perchè funzionali alla monarchia di un losco figuro. Un po' come nel fascismo, però senza ideali, per quanto beceri, di destra. Non è nemmeno una strategia politica nuova quella del pescare tra i reietti per raccogliere consenso. Questo il motivo dell'odio: i topi di fogna non piacciono a nessuno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog