Cerca

Il futuro di Silvio

Berlusconi non chiederà la grazia
ma i suoi legali...
Ecco la domanda da presentare

Per la clemenza Napolitano aspetta una richiesta. Quella per Sallusti la fece La Russa: su quel modello abbiamo scritto una richiesta per il Cav. Invitiamo qualche suo avvocato a firmarla

Giorgio Napolitano e Silvio Berlusconi

Giorgio & Silvio

 

Chiedere la grazia significherebbe ammettere la propria colpevolezza, accettare la sentenza di condanna della Cassazione per frode fiscale. Per questo Silvio Berlusconi non , non firmerà la domanda al Capo dello Stato.  Per lui la condanna della Suprema Corte è frutto di un pregiudizio e di un accanimento giudiziario che va avanti da ormai una ventina di anni.  Per questo, come scrive, Brunella Bolloli su Libero in edicola oggi domenica primo settembre, il pressing del Pdl si è concentrato piuttosto sulla possibilità che il Capo dello Stato commuti la pena in una sanzione pecuniaria. Questo è il pensiero di Berlusconi e quello che i parlamentari Pdl intendono fare, ma i legali del Cavaliere sostengono che l’ipotesi della grazia non è affatto da trascurare.  L’avvocato Franco Coppi che, con Niccolò Ghedini difende Berlusconi ha detto: “Finora non  è stata presentata nessuna domanda ma rimane un’ipotesi in campo”.   

La decadenza La prima scadenza per Silvio Berlusconi è per il 9 settembre quando si riunisce la giunta per le elezioni del Senato: e nonostante una parte di deputati del Pd, grillini, Sel e montiani si dicono pronti a votare la decadenza,  dopo l’intevrista di Luciano Violante al Corriere della Sera sull’opportunità di aprire un dibattito e rinviare la legge Severino alla Consulta,  non è escluso che la Giunta decida per il rinvio. In questo caso i tempi si allungherebbero per consentire un supplemento di indagine e anche l’ipotesi della grazia prenderebbe più corpo.

 L'iniziativa di Libero E di grazia torna a parlare anche Maurizio Belpietro che nel suo editoriale di oggi,  ricorda che “finora, a chi ha prospettato la grazia, il presidente della Repubblica ha risposto dicendo di volersi attenere alla prassi, rifacendosi all’atteggiamento dei suoi predecessori.  In pratica, il capo dello Stato ha fatto capire che, come per il caso Sofri, senza domanda non c’è clemenza, precisando che anche per l’agente della Cia condannato per il rapimento Abu Omar il provvedimento è giunto solo dopo che la richiesta dell’avvocato”. Belpietro fa un passo ulteriore. Propone la domanda presentata al Colle da Ignazio La Russa in quanto legale di Alessandro Sallusti per la concessione dell’atto di clemenza.  Scrive Belpietro: “Nella lettera La Russa spiega che il giornalista non chiede la grazia personalmente per coerenza con la sua battaglia contro una pena che ritiene spropositata, ma è pronto ad accettare completamente le decisioni di Napolitano. Come dire: non la chiede, ma l’accetta.” Libero propone il testo della lettera presentata da La Russa. “Riportiamo per comodo dei difensori il testo rivisto e corretto sostituendo il nome di Sallusti con quello di Berlusconi. E invitiamo uno dei tanti prìncipi del foro di cui dispone il Cavaliere a sottoscriverlo e inviarlo al Colle. Noi, per quel poco che contiamo, la firma l’abbiamo già messa”. 


Leggi su Libero in edicola domenica 1 settembre 
il testo integrale della domanda di grazia

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    02 Settembre 2013 - 09:09

    i BANANAS, oltre ad essere dei fessi, sono anche analfabeti? ma sai leggere o cosa? ti converrebbe leggere qualche riga in più per capire cosa scritto nella sentenza. sempre a pagina 184:" a quanto detto può aggiungersi il criterio non certo evanescente del cui prodest, atteso che anche su questo punto vi è prova diretta e documentale, con riguardo al primo periodo, che il risultato dell'evasione sia confluito nella piena disponibilità dell'imputato, per cui non vi è ragione di ritenere che qualcosa di diverso sia accaduto con riguardo ai fatti di cui l'iputazione." se vuoi continua a trascirverti il testo. il problema è che non lo capiresti comunque... io, personalmente, aspetto con ansia il ricorso alla corte di strasburgo. cosa che non ci sarà, ovviamente... poveri BANANAS!

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    02 Settembre 2013 - 08:08

    Belpiè, non so dire se siete più buffamente patetici o pateticamente buffi (o buffoni?!). Avete scritto la lettera di grazia per Silvio ? Non vi fidate proprio di Coppi, Ghedini e dell' altro travet?! E poi, perchè la grazia? Chiederla significa ammettere le proprie colpe, responsabilità, delitti, ladrocinii!!! Ma Silvio E' INNOCENTE, lo ripete ogni giorno!!! E allora, non pensate di avere perso completamente il cosiddetto lume della ragione mel tentare di salvare il vostro indifendibile padrone? E poi: state ricattando l' Italia con la minaccia di fare cadere il governo: E CHI SE NE FOTTE!!!! Fatelo pure, non dobbiamo tenere nulla rigaurdo alle vostre minacce. Ad ogni modo, spero e confido che tutto il PdL e i suoi sostenitori saranno a breve travolti dallo tsunami che si scatenerà dopo il voto del 9 Settembre !!!! (solo che per gente come voi ci vorrebbe un diluvio universale...)

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    02 Settembre 2013 - 06:06

    Napolitano gli deve dare di sua iniziativa Primo perché ha contribuito a formare un governo di larghe intese Secondo perché il Presidente sa che è il politico più forte e che rappresenta la maggioranza in Italia Terzo sa che potrebbero tornare gli anni di piombo quarto sarebbe la sconfitta della democrazia in Italia. Quinto deve valutare la sentenza dopo aver saputo come tutti noi chi era il giudice giudicante e fare le sue valutazione con la sua ONESTA INTELLETTUALE di Uomo di sinistra con visione obbiettiva e non Con i paraocchi. La grazia spetta solo A Lui Senza e senza ma. Lo sa che è giustizia fare la grazia a Berlusconi. Se no dovrebbero arrestare anche i ristoratori dellle feste del PD per Frode Fiscale

    Report

    Rispondi

  • James Baker

    01 Settembre 2013 - 23:11

    E' scritto che """ ... a lavare gli asini, si perde tempo e sapone """. Credi veramente che io ho il mio tempo ed il mio sapone da perdere con i comunisti analfabeti e zotici come voialtri ??? [Se non capisci l'italiano, te lo posso scrivere in dialetto, ma sarebbe tempo perso egualmente ...], o meglio, fattelo tradurre da Epifani, da Renzi o da Bersani e ... vedrai che oltre ad un tubo vuoto, non capiresti egualmente.!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog