Cerca

Fretta sospetta

"Si vota subito sulla decadenza",
la Giunta vuole la testa di Berlusconi

Silvio Berlusconi

Silvio alla resa dei conti: visto da Benny

Hanno fretta. La giunta del Senato  vuole subito il voto per far fuori Silvio Berlusconi da palazzo Madama. La Stampa ha intervistato i 23 componenti della giunta che hanno in mano il destino del Cav. Dopo un rapido sondaggio, 22 su 23 hanno dichiarato che "bisogna fare in fretta senza perdere tempo". "La maggioranza della Giunta ritiene che non vi siano le condizioni per rivolgersi alla Corte Costituzionale. Né sia politicamente utile aspettare i giudici di Milano prima e la Cassazione dopo sulle pene accessorie (da uno a tre anni di interdizione dai pubblici uffici) dopo la condanna a quattro anno di reclusione per frode fiscale. Un mese di dibattito politico e istituzionale non hanno spostato di un millimetro la maggioranza della Giunta. Si può ipotizzare, dunque, che entro settembre la Giunta chieda all’Aula di Palazzo Madama di pronunciarsi sulla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore. Consapevole di avere garantito il diritto di difesa, ma anche di non dover celebrare un quarto grado di giudizio". Questa la posizione unanime della giunta, che di fatto chiude le porte a qualunque allungamento dei tempi. Insomma da sinistra c'è fretta di "processare" il Cav.

Nessun rinvio -  "I lavori della Giunta procederanno a prescindere dai tempi della Corte di appello di Milano e di qualsiasi altro collegamento. In linea puramente teorica è possibile che i due processi coincidano". Intervistato dal Messaggero, il senatore del Pdl Andrea Augello, relatore del provvedimento sull'incandidabilità di Berlusconi, non esclude la possibilità che i giudici ricalcolino l'interdizione dai pubblici uffici prima del voto in giunta. Che la decadenza del Cavaliere avvenga per effetto non della legge sull'incandidabilità ma della pena accessoria "è plausibile, ma non bisogna dimenticare che potrebbe esserci un ulteriore ricorso in Cassazione di Berlusconi", dice Augello. "Arrivati a tal punto, poi, la Giunta dovrebbe in ogni caso occuparsi anche di questo tipo di decadenza. Non punto a rinvii - assicura il senatore - ma l'interdizione ricalcolata dovrà passare per il voto parlamentare". (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • futuro libero

    02 Settembre 2013 - 18:06

    perchè non parla mai di penati e MPS?Forse si vergogna?Se è onesto non deve temere di parlare degli errori del suo partito,io non ho paura di parlare degli errori di Berlusconi invece a sx tutti evitano di parlare degli errori del PD.Guardi che tutti fanno errori.Se siete così sicuri di questa condanna perchè correte come se avete paura che tutto il vostro teatrino salti?Se la sentenza è giusta lo è anche fra 3 mesi,ma forse si ha paura che a Strasburgo si dica tutt'altro?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    02 Settembre 2013 - 12:12

    Signora, lei sta decisamente peggiorando: innanzitutto le date le stabilisce la Costituzione e le leggi ad essa assoggettate. Secondo, le ho già ricordato in altra occasione che, durante i passati governi del CSX, non ci cono state epurazioni, confische, esprorpi proletari, campi di rieducazione, sospensione della Costituzione e dei diritti, leggi marziali, carri armati per le strade, retate varie di dissidenti di CDX. Ed uno di questi governi è stato guidato dal komunistissimo D'Alema il quale, durante una visita alle aziende di Burlesque, ha classificato le stesse come "patrimonio del Paese". Si liberi dai suoi incubi: vivrà molto meglio.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    02 Settembre 2013 - 11:11

    non venga censurato.Si leggono commenti così disgustosi che si potrebbero evitare,i miei commenti invece spesso vengono tralasciati.Grazie

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    02 Settembre 2013 - 10:10

    Ma è ovvio napolitano non vuole che la sua gioiosa macchina faccia la fine di quella di occhetto.Il PD E' CONSAPEVOLE CHE BERLUSCONI E' INNOCENTE E NON VOGLIONO ASPETTARE I TEMPI LUNGHI PERCHE' PERDEREBBERO.Quello che non hanno capito o non vogliono capire perchè loro vogliono il potere adesso prima che vengano fatti processi per MPS.Vogliono andare al potere adesso perchè poi non andremo più a votare in quanto sarà instaurata la dittatura che ora chiamano democratica.Il PD sta perdendo consensi e sono sicura che dopo questa fretta ne perderanno il doppio.Nemmeno a chi era condannato a morte veniva negata una sigaretta il PD la nega.napolitano non ha scrupoli lo vuole morto da 20 anni ed ora che finalmente ci sono quasi riusciti non si lasceranno fuggire di certo l'occasione.Non ho più fiducia nella giustizia italiana ma credo ancora in quella divina e tutto quello che fate di bene e di male vi verrà immancabilmente reso.Forse comincerete a non avere più pace i sogni li uccideranno

    Report

    Rispondi

blog