Cerca

I nuovi equilibri

Forza Italia, silurate le colombe
Ecco chi andrà nella cabina di comando

Non ci saranno epurazioni, ma Alfano sarà degradato come gli altri azzurri filo-governativi

Forza Italia, silurate le colombe
Ecco chi andrà nella cabina di comando

Sono i giorni-chiave del destino politico e giudiziario di Silvio Berlusconi. Sono i giorni decisivi anche per la sua storia personale. C'è la questione della decadenza, la sentenza della Corte d'Appello di Milano che deve "quantificare" l'interdizione dai pubblici uffici, c'è lo spettro di altre inchieste in corso, ci sono gli incontri continui con i falchi e con le colombe, ognuno che dice la sua e in mezzo c'è il Cavaliere. Ci sono i figli, gli amici di sempre, c'è il fedelissimo Gianni Letta e l'amico di una vita  Fedele Confalonieri  che ieri ha incontrato Napolitano. Silvio ascolta tutti ma l'ultima parola spetta a lui. Su una altro binario però c'è la nuova Forza Italia, il progetto politici di Silvio Berlusconi che ha preso corpo subito dopo il successo alle scorse elezioni e a cui lui e i suoi fedelissimi hanno cominciato a lavorare. 

Chi sale e chi scende - La nuova sede in Santa Maria in Lucina è pronta, sono stati assegnati gli spazi, gli uffici (sotto la direzione di Daniela Santanchè). Forza Italia 2.0 arriva in un momento di grande scontro all'interno del partito: la spaccatura tra falchi e colombe è sempre più profonda e, secondo il retroscena, tratteggiato dalla Stampa nella nuova Forza Italia nelle posizioni di comando ci saranno proprio loro, i fachi. Dall'esercito bellicoso guidato da Daniela Santanché e Denis Verdini, vengono sollevati molti dubbi sulla sempre più paciosa colomba Gaetano Quagliariello, pure Angelino Alfano viene in qualche modo inserito nella lista dei traditori  insieme a Lupi. Una "classificazione" ingiusta perché  tutti i ministri seguiranno Berlusconi qualunque sia la sua decisione. 

La cabina  di comando - Stando al retroscena della Stampa verranno non silurati ma degradati, nella nuova Forza Italia. Sia chiaro: a comandare sarà sempre e solo il Cav che ha sempre detto che vuole un "partito leggero" con una struttura totalmente presidenziale senza un segretari. Resterà deluso quindi Alfano, che è stato segretario del Pdl e  vorrebbe contuare a fare il segretario  anche nel nuovo partito. Un ruolo di spicco lo avranno Verdini e Santanché (anche se le colombe spingono per un suo ridimensionamento). Verdini sarà il braccio operativo delle volontà del Cav, il tesoriere Crimi sarà il braccio finanziario. I due "Renato", Schifani e Brunetta avranno una posizione di rilievo. In caduta libera le quotazioni di Lupi e Cicchitto. 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • schifoipolitici

    16 Settembre 2013 - 13:01

    Preparati la "vasellina" Angelino ! Ormai hanno deciso, ti inch.....no ! Era risaputo che un leccapiedi come tè non poteva competere con una bal.....ca come santachè! Certo ti sarà difficile trovare una collocazione ! Un perdente di successo come tè NON LO VUOLE NESSUNO!! Anzi potete organizzarvi per l'accozzaglia finale, TU Cicchitto, Gasparri, Lupi, Quagliariello, ecc.ecc. siete in tanti, non basterà una lista elettorale!! Buon viaggio!!

    Report

    Rispondi

  • stonefree

    09 Settembre 2013 - 11:11

    Non credo per il bene di forza italia 2 si debbano presentare questi qui,occorre un nome nuovo,ci sarà in italia un altro copione di berlusconi, questi non godono la simpatia nemmeno dai militanti, figuriamoci di chi non vota e aspetta.

    Report

    Rispondi

  • puzzailsignorvincenzo

    09 Settembre 2013 - 10:10

    Non vedevo l'ora di vedere un nuovo partito guidato da Berlusconi, Santanchè e Verdini. Un bel nome potrebbe essere anche CateterItalia.

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    07 Settembre 2013 - 20:08

    ho appena seguito il suo intervento su Controcorrente in striming sul Giornale.it,grandissima una con le palle così mai vista...finalmente una che non se la fa sotto parlando di magistratura Democratica...se dovessero toccare lei o altri nel futuro del PDL allora bisognerà che ci difendiamo per difendere la democrazia,bisogna raddrizzare il sistema e rispedirli negli uffici a lavorare dopo aver messo al bando le correnti e un repulisti alla ANM e dopo aver messo al bando i Fratelli comunisti,ovunque siano annidati

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog