Cerca

L'indiscrezione

Pdl, giallo Forza Italia: tra i 5 dirigenti non c'è la Santanchè

Daniela Santanchè vista da Benny

La "pitonessa" Santanchè

Quel che sarà Forza Italia 2 è ancora un grande laboratorio. Ma di posti, tra gli organizzatori, non ce ne sono tanti e chi prima arriva più comanda. Ecco perché la presunta assenza di Daniela Santanchè nella lista del "gruppo base" cui Silvio Berlusconi avrebbe affidato i lavori del trapasso dal Pdl. Secondo il Corriere della Sera, sono 5 gli alti dirigenti scelti dal Cavaliere: Angelino Alfano, Renato Schifani, Renato Brunetta, Denis Verdini e Sandro Bondi. Due colombe (Alfano e Boni), due falchi (Verdini e Schifani) e un battitore libero. Alla truppa dovrebbero aggiungersi Mariastella Gelmini e Michela Vittoria Brambilla?

Vincono le colombe (per ora) - E la Pitonessa? Una esclusione dal think tank azzurro sembra poco plausibile, anche perché nei giorni scorsi è stata proprio la Santanchè a seguire in prima persona il trasloco nella nuova sede di Santa Maria in Lucina, a Roma. E allora? Forse il suo (momentaneo) accantonamento potrebbe essere legato all'esigenza di placare le critiche interne dell'ala "trattativista" con Pd e Quirinale nella vicenda, prioritaria, della decadenza del Cavaliere da senatore. Non è un mistero che le colombe Lupi e Quagliariello poco digeriscano lo strapotere del falco Santanchè, particolarmente influente quando c'è da consigliare a Berlusconi la strategia per uscire dal pantano. Screzi e stilettate che emergono anche quando non ce ne sarebbe motivo (basti pensare al tweet di Quagliariello, frainteso, sul videomessaggio di Berlusconi e la replica stizzita della stessa Danielona), figurarsi con un partito da plasmare. E visto che per ora, nonostante le parole della Santanchè ("Contro Berlusconi c'è stato un colpo di stato, un complotto criminale delle toghe"), ha ripreso quota la strategia colombesca, non è poi così difficile fare due più due.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vin43

    09 Settembre 2013 - 09:09

    Cara Daniela. Scusami del cara, comunque sei cara a tutti noi. C’è bisogno non di pitoni, colombe, falchi ma di «belve». Sì, secondo me di «leonesse». Sei capace di scendere nelle piazze e gridare contro quest’andazzo di cose? Sei capace di scuotere la «polvere rossa» che di giorno in giorno si deposita sulle nostre spalle? Sei capace di scuotere i nostri corpi, le nostre anime, le nostre teste? Sei capace di resistere ai primi tradimenti, e non mollare tutto alle prime difficoltà? Sei disposta a contattare amici vicini e lontani per perorare cause d’interesse comune a tutto il popolo, ogni qualvolta sarà necessario? Se sì, allora, cara Daniela, avrai il nostro voto convinti di fare cosa buona e giusta.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    08 Settembre 2013 - 18:06

    Un altro "boccone amaro"

    Report

    Rispondi

  • antikomunista10

    08 Settembre 2013 - 17:05

    Con Silvio al Quirinale (i sondaggi lo dicono!)Daniela sarà il Presidente del Consiglio ideale. I doppi incarichi li lasciamo al PD.

    Report

    Rispondi

  • blackroman

    08 Settembre 2013 - 17:05

    ...e faccio l'abbonamento al Milan !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog