Cerca

Decadenza

Il Pd ha paura del voto segreto
E se 101 che affossarono Prodi
votassero per salvare il Cav?

I timori di Casson sull'esito dello scrutinio a Palazzo Madama. Fassina: "Troveremo il modo per sterilizzare questo tentativo"

Guglielmo Epifani

Guglielmo Epifani

Il risultato della Giunta è quasi scontato per quello che riguarda i membri del Pd, ma in Aula c'è il timore che le cose non vadano come devono. Felice Casson, senatore democratico impegnato in questi giorni a Sant'Ivo alla Sapienza sul verdetto per la decadenza (o meno) di Silvio Berlusconi, trema ripensando a quanto successo durante le votazioni per l'elezioni del Presidente della Repubblica. "Posso garantire la nostra determinazione e puntualità con cui la Giunta emetterà il suo verdetto", dice al Fatto Quotidiano. "Se lei mi parla del dopo, dell'aula del Senato, dell'ipotesi che il voto da palese divenga segreto e che la segretezza porti quella robaccia con sè. Il Pd ha conosciuto i 101 che hanno votato contro Prodi, quindi la possibilità esiste". Il pericolo è che Berlusconi, scrive Antonello Caporale, sia così abile e spericolato da condurre il Pd e grappoli di senatori di ogni altra foggia e misura (da Scelta Civica ai grillini) a condurlo alla salvezza. Del resto nel partito di Guglielmo Epifani non è che regni l'armonia: la tentazione di fregare l'amico anche al costo di salvare il nemico atterrisce, ma non è esclusa. "Il partito sarebbe morto e sepolto se si mostrasse diviso sul destino di quello lì", ammonisce il ministro Graziano Delrio. "Dobbiamo trovare il modo per scongiurare alla radice anche la possibilità teorica che questo assunto possa ritenersi plausibile", tuona Stefano Fassina, "e immaginare modi, se la votazione dovesse essere segreta in cui il voto del singolo abbia un suo vestito, una propria faccia. Se c'è gente che ha in mente di distruggere l'immagine del Pd deve sapere che esistono modi per sterilizzare questo sciagurato tentativo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    12 Settembre 2013 - 18:06

    nè il voto della Giunta nè quello del Senato sarà definitivo visto che se la Corte di Strasburgo dovesse accettare di esaminare la richiesta di Berlusconi e successivamente decidere che ha ragione, Berlusconi dovrebbe essere reintegrato. Per non parlare poi di un eventuale, io credo che sia sicuro, annullamento della sentenza sia in primo grado che in secondo ed in Cassazione dovuto a quanto uscito fuori dalla Svizzera riguardo Agramo con la sua assoluzione. Infatti tutto il castello in aria della magistratura milanese si basa sulla figura di Agramo. Accertato che Agramo si era comportato correttamente in quanto unico rappresentante della casa cinematografica e che non aveva per niente gonfiato i prezzi, non si vede come si possa ritenere Berlusconi colpevole di alcunchè.

    Report

    Rispondi

  • dxsolodx

    12 Settembre 2013 - 17:05

    in particolare per vedere come sarà quella faccia sporca di merda di epifani,il parassita che preferiva avere sul conto 200.000 euro piuttosto che salvare i lavoratori.Volevo dire anche a siro47 che proprio per uno studio da me fatto,chi attacca anche senza ragione urlando sulla disonestà fare il maestro sulla moralità è perchè deve nascondere tutte le sue tante nefandezze,ed epifani ne ha molte nell'armadio.

    Report

    Rispondi

  • elea6001

    12 Settembre 2013 - 15:03

    oh accadrà! oh se accadrà! povero coglione rimbambito !

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    12 Settembre 2013 - 12:12

    Mi sembra di essere in mezzo ai Boiardi e questo sia a sinistra che a Destra. E' una cozzaglia di personaggi che sono pronti ad affondarsi a vicenda pur di avere un posto e L'ITALIA non la tengono neanche sotto i tacchi. In questo paese POLITICI = CLASSE DA ELIMINARE se non cambia in quanto INUTILE ED ESAGERAMENTE COSTOSA.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog