Cerca

Fiducia

Governo, Letta: "Certo che in Giunta prevarrà buon senso"

Il presidente del consiglio è "sereno": "tutti conoscono i rischi di mandare tutto all'aria". Epifani fa eco, ma si rivolge al Pdl

Enrico Letta

Enrico Letta visto da Benny

Il premier Enrico Letta non ha paura: in Giunta prevarrà il buon senso perché "ciò che l'Italia può perdere mandando tutto a carte quarant'otto è chiaro a tutti gli italiani". Letta, in attesa del voto di mercoledì prossimo (18 settembre), sottolinea che anche in Parlamento i rischi sono noti a tutti e, vestendo i panni del pompiere, cerca di spegnere le polemiche degli ultimi giorni. A fargli eco ci pensa Guglielmo Epifani che quasi usa le stesse parole del Premier, ma non omette i destinatari del suo messaggio: i senatori Pdl. "Credo che far prevalere gli interessi personali di fronte a quelli del Paese - ha detto Epifani - sarebbe un grave gesto di irresponsabilità dunque forse non è questa scelta che il Pdl farà". O piuttosto questo è quello che spera il segretario dei democrat che vuole evitare una crisi istituzionale a pochi mesi da un congresso di partito ricco di polemiche. 

Leadership - Intanto, il premier Letta, proprio per scacciare i dubbi su un'eventuale crisi, rilancia l'azione di governo con un occhio all'Europa. Il semestre di presidenza italiana che scatterà nel giugno 2014 è il suo chiodo fisso ed oggi chiede al Paese un cambio di rotta netto sulla politica continentale: "L'Italia deve smettere di guardarsi l'ombelico e cooperare con i paesi vicini per ritrovare una leadership in europa e recuperare la sua storia". Due i nomi in testa alla lista dei paesi con i quali l'Italia deve riprende a dialogare: Slovenia e Croazia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog