Cerca

Predica bene, razzola male

Paghiamo la pensione a Renzi: ci è costato 400mila euro

Da quando è nella pubblica amministrazione, senza mai lavorare, il sindaco ha accantonato 3.241 euro al mese. Paga il Comune, ossia noi

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Se Matteo Renzi è in cerca di un italiano che rischia di avere una pensione d’oro senza avere versato poco o nulla dei contributi necessari per ottenerla, ha una soluzione semplicissima: uno specchio. L’attuale sindaco di Firenze ed aspirante condottiero della sinistra italiana ha infatti messo da parte per quando non lavorerà più un tesoretto di circa 400 mila euro senza versare un solo centesimo di tasca sua. Quei 400 mila euro, che vogliono dire 3.241,21 euro mensili, sono infatti stati versati per lui dal 13 giugno 2004 ad oggi dalle tasche dei contribuenti italiani. Per conto loro materialmente lo hanno fatto prima la provincia di Firenze, di cui Renzi era presidente, e poi dal 2009 anche il Comune di Firenze in cui è diventato sindaco.  Quei 400 mila euro - intendiamoci - sono stati accantonati per Renzi sulla base della legge esistente, e precisamente secondo quanto disposto dall’articolo 86 del testo unico sugli enti locali. Quella norma spiega che quando  si diventa amministratori di un ente locale avendo un lavoro in precedenza, si può essere messi in aspettativa non pagata e i contributi previdenziali e sanitari a cui si aveva diritto in precedenza vengono versati dall’ente locale in aggiunta agli emolumenti lordi a cui si ha diritto (stipendio ad esempio da sindaco o assessore, più relativi contributi).

Per lungo tempo il capogruppo del Pdl al comune di Firenze, Marco Stella, ha scritto chiedendo l’accesso agli atti del Comune per conoscere a quanto ammontavano quei contributi pubblici versasti agli amministratori e chi erano i beneficiari. Alla vigilia dell’estate finalmente ha fornito la risposta Chiara Marunti, dirigente del servizio amministrazione del Comune. E ha rivelato che a godere dei contributi per la pensione pagati dal Comune erano in tutto cinque: quattro assessori e il sindaco. Per uno di questi, Sara Biagiotti, assessore allo Sviluppo economico e al turismo, non era ancora nota la cifra da pagare. Per l’assessore al Welfare e vicesindaco Stefania Saccardi il versamento era di 292,67 euro al mese girati alla Cassa forense da cui proveniva. Per l’assessore all’Ambiente Caterina Biti, altra libera professionista, il versamento mensile era di 182,21 euro girati all’Enpav, Poi le somme più rilevanti. All’Inps il comune di Firenze pagava 1.706 euro al mese a nome di Massimo Mattei, dipendente in aspettativa non pagata iscritto all’Inps. Mattei era assessore alla Mobilità, ma ha dovuto dimettersi dall’incarico per lo scandalo escort che ha fatto tremare la città. Quei soldi  quindi non vengono più versati. La somma più rilevante - 3.241,21 euro al mese - viene versata a nome di Renzi, che risulta dirigente d’azienda in aspettativa, all’Inps, al Fondo Mario Negri per la pensione integrativa aziendale, all’Associazione Pastore per la pensione integrativa individuale e al Fasdac per l’assistenza sanitaria ai dirigenti (di cui Matteo gode in aggiunta a quella prevista per gli amministratori comunali). 

Se quella somma è così alta è perché mamma e sorelle hanno deciso di promuovere Renzi dirigente dell’azienda di famiglia  il 27 ottobre 2003, due settimane prima che l’Ulivo ufficializzasse la sua candidatura alla presidenza della provincia di Firenze (che era praticamente senza rischi in una regione rossa). Fino a quella data Matteo collaborava solo alla società, di cui era stato anche azionista in anni precedenti. Si chiamava Chil srl, e l’assunzione avvenne alla Chil promozioni srl, che poi è stata trasformata nell’attuale Eventi 6 srl, una società che, nata dalla promozione del Bingo sui giornali della catena Riffeser, si è poi specializzata in marketing editoriale e iniziative di promozione per aziende di diverso tipo: fra i clienti attuali ci sono Esselunga, Conad e Opel.  Non è noto quale fu lo stipendio, che per altro decorse solo per pochi mesi. Ma è certo che non doveva essere così alto almeno fino a quando a pagare netto e contributi non erano le casse pubbliche, ma il forziere di famiglia: il reddito 2003 di Renzi ammontava ad appena 14.273 euro lordi (nel 2011, ultimo dato pubblico, era di 123.577 euro lordi, di cui 90.962 per lavoro dipendente, 31.324 per lavoro autonomo e 1.291 come reddito dei fabbricati). Difficile capire se Renzi ha mai percepito da dirigente privato quello stipendio per cui gli vengono versati 3.241,21 euro al mese di contributi. È stato dipendente privato in teoria anche nel 2004 per cinque mesi, e per 7 presidente della provincia. Quell’anno ha dichiarato 70.090 euro, meno dei 97.916 euro dell’anno successivo, quando era solo presidente della provincia. Certo Matteo non deve avere svenato gli azionisti della attuale Eventi 6, che all’inizio erano le due sorelle Matilde e Benedetta, la madre Laura Bovoli e il fratello del cognato, Alessandro Conticini (con il 20%). Poi Conticini ha venduto la sua quota a Matilde, che ora è azionista di maggioranza assoluta.

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nazario49

    26 Marzo 2014 - 23:11

    Non capisco questa polemica. L'art 31 dello Statuto dei Lavoratori prevede, a richiesta dell'interessato, questo privilegio per tutti i cittadini eletti a cariche politiche e sindacali. Privilegio che permette di avere il contatore dei contributi del precedente lavoro sempre in funzione, sebbene sia in aspettativa. Privilegio che si tramuta nell'aver pagato la quota datore lavoro 2/3 dall'INPS.

    Report

    Rispondi

  • miozzapi2

    16 Settembre 2013 - 18:06

    Mi spiace ma siete disinformati, Renzi è stato condannato in 1° grado per danni di vari milioni alla Provincia. Per giunta gli affari di famiglia non vanno molto bene, il padre di Renzi è stato dichiarato fallito per azienda a Genova, incasinando varie fornitori ecc,E questo dovrebbe guidare il PD- non solo ma non si vergognano i vecchi iscritti del incasinamento che stanno facendo? Poi Renzi ci fa pagare la sua pensione?

    Report

    Rispondi

  • antari

    16 Settembre 2013 - 11:11

    mazzopino ha detto una SOLENNE FESSERIA e gli ho risposto a tono. Ti pare che qui ogni volta uno si debba mettere a rivangare cosa han fatto questo e quello per vedere chi la sa piu' lunga? Ma fammi il piacere! La cosa rilevante e' che Silvio ha evaso il fisco. Silvio evasore condannato e pregiudicato. E trallalla'!

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    16 Settembre 2013 - 11:11

    La legge intendeva tutelare quei lavoratori che prendendo l'aspettativa senza assegni per assumere un incarico pubblico, oltre allo stipendio avrebbero perso anche i contributi previdenziali. Viceversa, farsi assumere ad hoc e perdipiù come dirigente dall'azienda di famiglia "io mammeta e tu" in prossimità dell'incarico politico, è una FURBATA, legale, ma sempre FURBATA rimane, anche per chi non vuole ammetterlo. Se non ricordo male avevo letto sui giornali che anche la Idem si era avvalsa della stessa "procedura" poco prima di diventare ministra. Deve essere proprio una prassi di famiglia PD. Quindi, se il fiorentino è il "nuovo" che avanza, il "rottamatore", beh allora: ITALIANI siete avvisati!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog