Cerca

Avvertimenti

LE MINACCE DI LETTA
"Se cade il governo si pagherà l'Imu
e l'Europa ci detterà la legge di stabilità"

Il premier mostra sicurezza: nessuno "si prenderà la responsabilità" di mettere la parola 'fine' all'esecutivo da lui guidato

Enrico Letta

Enrico Letta

Enrico Letta, nonostante mostri sicurezza, continua con i suoi "avvertimenti" in vista del voto della Giunta per le Immunità del Senato sulla decadenza di Silvio Berlusconi.  "Se il governo dovesse cadere noi italiani dovremmo pagare l'Imu. Abbiamo in sede di conversione il tema dell'Imu ed è evidente che se il governo cade i cittadini dovranno pagare l'Imu", ha puntualizzato il presidente del consiglio a Chianciano. "Quando l'ho detto, un mese fa, sono stato preso in giro, ma è così", ha spiegato riferendosi ovviamente al leader del Pdl, ma anche a quelli che nel Pd potrebbero avere la tentazione di far naufragare le larghe intese. L'Imu, ma anche la legge di stabilità, lil decreto scuola: sul tavolo del governo la posta è troppo alta per immaginare che qualcuno "mandi gambe all'aria" il governo.
L'ottimismo di Letta, nasce da qui e lo spinge a pronosticare che, qualunque sia il risultato del voto di mercoledì in Giunta, nessuno "si prenderà la responsabilità" di mettere la parola 'fine' all'esecutivo da lui guidato. Di fronte alla platea dell'Udc riunita a Chianciano il premier a spiegato che quello dell'Imu è un tema ancora vivo, perché con la caduta del governo non ci sarebbe modo di portare avanti il progetto assieme alla service tax, misura che il capo del governo rivendica come una "buona, federalista" che "semplifica" e riporta risorse ai comuni. Niente da fare, invece, riguardo all'ipotesi di rivede l'Imu per renderla obbligatoria solo per le abitazioni di lusso: da quel punto di vista, per Letta, il discorso è chiuso. Non è chiusa, anzi è ancora tutta da aprire, la partita sulla legge di stabilità che, assicura Letta, porterà un "taglio del costo del lavoro con un intervento sul cuneo fiscale per far ripartire i consumi e l'economia". "Non possiamo più permetterci giochi politici", afferma ricordando che di soli tassi di interessi l'instabilità costerebbe all'Italia un miliardo di euro da qui alla fine dell'anno. Da questo "dipende tutto" perché se non c'è stabilità "non abbiamo alcuna possibilità di farcela, lo dico e lo penso e non me ne frega niente delle prese in giro", aggiunge forse con un implicito riferimento a Renzi che lo aveva accusato di pensare troppo alla poltrona. I moniti di Letta, però, non si fermano qui: se il governo dovesse cadere "la legge di stabilità" tornerebbe a scriverla l'Europa. E ciò significherebbe dire addio al taglio del cuneo fiscale che l'esecutivo vuole inserire nella finanziaria di autunno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    15 Settembre 2013 - 23:11

    Meglio l'IMU che tu , la Boldrini , la Keyenge , e copmagnia bella. Fuori dalle palle incapaci.

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    15 Settembre 2013 - 18:06

    mentre se lo fanno gli altri è normale!follini,nome omen,fece tanti danni durante la legislatura 2001 2006,tant'è vero che il suo stesso partito,"poi",lo buttò fuori!alla legislazione successiva era senatore piddì!siamo un paese normale!

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    15 Settembre 2013 - 18:06

    Nonostante l'illegale ed assurdo sgambetto tesogli, hanno pure la faccia granitica, tipica loro, di farlo restate al governo col ricatto.....! Certo che questi malvagi, non conoscano proprio la misura della vergogna...! Cavaliere, non ti pare troppo, permettergli anche la beffa oltre al danno...? Ti hanno rubato la bicicletta che pedalino ora, sarà divertente vedere Epifani e Zanda pedalare, ve li immaginate come sbufferanno questi zozzoni avvoltoi, come li ha battezzati Pannella...? Non sussistono più i requisiti affinché il Pdl continui un cammino congiunto, grazie a loro siamo giunti al capolinea e non permettergli che sia tu a stancare i tuoi elettori con questo tira e molla, perché questo, non è altro che uno dei loro astuti trabocchetti per sottrarti consensi...! Basta, ritira la squadra,vadano affffanculo e governino con chi gli pare, se ci riusciranno altrimenti si voti....! Noi, non possiamo che aspettarli al varco con immenso vero piacere....!

    Report

    Rispondi

  • dx

    15 Settembre 2013 - 18:06

    davvero piccolo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog