Cerca

Scenari

Tentazione Pdl:
via i ministri
resta in maggioranza

L'idea è quella di ritirare la delegazione di governo senza aprire una crisi formale

Alfano a rischio

Angelino Alfano

Tra le possibili soluzioni per il centro destra di uscire in maniera soft dal voto di mercoledì in Giunta - che quasi sicuramente sarà a favore della decadenza di Berlusconi -  c'è anche quella di far dimettere i ministri dall'esecutivo Letta. Si sta discutendo anche di questo nelle lunghe riunioni a Arcore tra il Cavaliere e lo stato maggiore del partito azzurro. L'idea, secondo il retroscena raccontato dal Fatto, è quella di ritirare la delegazione di governo in caso mercoledì venga bocciata la relazione del senatore Andrea Augello. A quel punto Napolitano rinvierà l'esecutivo alle Camere e Letta dovrà dire se si sente pronto a continuare. Lui ovviamente accetterà sostituendo i ministri dando vita a una sorta di Letta bis con accorpamenti di deleghe e interim vari.
Il Pdl da parte sua assicurerebbe un appoggio esterno a dimostrazione che lo strappo non è sul programma. In questo modo non si aprirà nessuna crisi formale e il Popolo della Libertà eviterebbe di spaccarsi in previsione della prossima campagna elettorale che sarà condizionata comunque dalla scelta che Berlusconi farà il 15 ottobre: domiciliari o servizi sociali?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    16 Settembre 2013 - 18:06

    Ma é mai possibile che da 20 anni ci sia un padrone del partito personale? Dove siamo nel Botswana?

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    15 Settembre 2013 - 14:02

    L'aumento del debito pubblico e delle tasse lo conferma. L'Italia non è piu' divisa tra nord e sud, tra destra e sinistra, tra ricchi e poveri ma tra il mondo della politica che spreca e tassa e chi produce il denaro per consentirgli di farlo e la subisce.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    15 Settembre 2013 - 14:02

    E' la paura di Grillo che li fa restare uniti.

    Report

    Rispondi

  • white warrior

    15 Settembre 2013 - 13:01

    Letta è alla prima esperienza come esecutore delle direttive UE, ragione e demenza consiglierebbero meno prudenza nell'accettare quello che conviene subire, la capacità dei tecnici e degli specialisti di primordine in salsa piddina non si vede dove sia; il senso dell'opportunità sarebbe nell'andarsene e lasciare i primi della classe e i terzi in classifica sommare ragione degli uni e demenza degli altri, esperienza e inesperienza unite nella lotta per una poltrona di governo in più.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog