Cerca

La figlia del leader

Marina: "Killeraggio politico verso mio padre, andremo avanti"

Silvio nel videomessaggio parla di "un nuovo leader". Lei, pochi minuti prima, si scaglia contro le toghe. Scende in campo?

Silvio e Marina Berlusconi

Silvio e Marina Berlusconi

"Uno schiaffo alla giustizia. Ma anche uno schiaffo, vergognoso e vile, ad un grande gruppo imprenditoriale e alle migliaia di persone perbene che vi lavorano". Marina Berlusconi torna a parlare dopo poche ore. Alla vigilia aveva attaccato i giudici di Cassazione che hanno sostanzialmente confermato il maxi-risarcimento che la Finivest deve alla Cir di De Benedetti. Ora la presidente di Finivest (e Mondadori) rincara la dose. E lo fa pochi minuti prima del durissimo videomessaggio del padre, che attacca la magistratura e annuncia il ritorno a Forza Italia. Una coincidenza? Possibile, ma il tempismo non fa altro che rafforzare i sospetti: Marina prepara la discesa in campo? Forse sì, tanto che Silvio, nel videomessaggio, spiega che "qualcuno" dovrà prendere lo scettro della leadership dei moderati. Qualcosa, insomma, si muove.

"Toghe indecenti" - La sentenza della Corte di Cassazione sulla vicenda Lodo Mondadori, spiega la Cavaliera, "merita le critiche più dure, il modo in cui alcuni media la stanno utilizzando risulta ancora più indecente, indegno di un Paese che vorrebbe a tutti i costi mantenersi civile". E aggiunge: "Ognuno svolge una parte ben precisa nella persecuzione sempre più accanita contro mio padre. Con l'esproprio da mezzo miliardo di euro lo si colpisce pesantemente sul piano patrimoniale". Marina non usa mezze parole e attacca anche la stampa di sinistra che "si incarica per l'ennesima volta di ribaltare totalmente la storia e il presente economico e politico di questo Paese". L'operazione, dice, "è fin troppo scoperta: gettare fango su Berlusconi imprenditore per gettare fango su Berlusconi leader politico". La presidente è ancora infuriata e annuncia di non voler cedere al "killeraggio politico": "Ci tuteleremo in tutte le sedi piu' opportune" dice. La ventennale storia del Lodo Mondadori, insomma, non finisce qui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    19 Settembre 2013 - 12:12

    Era a quelle da rispondere . Si é limitato a ''magistratura politicizzata''. Ritornello che non incanta più nessuno.

    Report

    Rispondi

  • libero42

    18 Settembre 2013 - 21:09

    Però se al terzo grado di giudizio si stabilisce che Berlusconi lo ha fregato corrompendo, non l'usciere, ma il giudice è giusto che paghi. P.s. Come mai ai tempi quella magistratura e quei magistrati gli andava benissimo.

    Report

    Rispondi

blog