Cerca

Senza pace

Il Pd pugnala ancora Bersani,
per lui un ripostiglio al Nazareno,
e Pier preferisce lo sfratto...

L'ex segretario democratico resta senza scrivania nella sede del partito. Gli avevano dato una stanza due metri per uno. Lui, offeso, ha preferito mollare tutto

Pier Luigi Bersani

Tutti i dubbi di Bersani

Uno sgabuzzino. E' questo il posto risrevato a Pier Luigi Bersani in largo del Nazareno. La parabola discendendente dell'ex segretario democratico non si arresta. Dopo l'umiliazione di una campagna elettorale fallimentare arriva pure lo sberleffo dei suoi "compagni" di partito. Due metri per uno. Un ripostiglio per ufficio. Quando Bersani ha visto il suo nuovo studio a Roma nella sede del Pd è rimasto senza parole. Rancoroso e irritato ha rifiutato quello spazio angusto e ha protestato col partito perchè quella collocazione per un ex segretario e un ex candidato premier è davvero umiliante. Chi abbia deciso di confinare Pier in un ripostiglio, non è dato sapere. Ma in largo del Nazareno le voci girano veloci accompagnate da venti velenosi: "Sono stati i renziani", si mormora. Ma lui, Bersani, non ci sta e allora ha rifiutato il posto. Così fin quando non ci sarà un nuovo ufficio per lui, Pier resta l'unico ex segretario senza una poltrona in largo del Nazareno. Sfrattato da tutto e da tutti. La rottamazione si fa anche con sedie e scrivanie. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dx

    25 Settembre 2013 - 17:05

    che altro c'è da dire sul nulla...

    Report

    Rispondi

  • alvit

    25 Settembre 2013 - 17:05

    Pensare che si credeva lo smacchiatore e guarda come lo stanno trattando. Se il bersi lo hanno messo nello stanzino, ma il befano, dove lo metteranno, nel ces@o???

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    25 Settembre 2013 - 15:03

    ...ma nel pd ce ne sono a tonnellate peggio di lui.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    25 Settembre 2013 - 15:03

    Sfottere Bersani è come sparare sul pianista, o come mitragliare la Croce Rossa, adesso. Però Bersani, per lento che sia, sapeva da un pezzo, perché sa come risolvono le loro cose i Compagni, che il suo astro è tramontato. I Compagni, quando un limone è spremuto completamente, non fanno storie:lo buttano nella pattumiera. I "mezzi spremuti", quelli che in un modo o nell'altro possono ancora tornare utili (se non altro in termini di voti da portare alle urne), invece, se li tengono in frigo: vedi D'Alema, Orlando, Veltroni, la Bindi e tanti altri. Bersani perde le elezioni anche a Bettola, e quindi...Auguri, Pier.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog