Cerca

Intellettualismi

Pd, l'appello di attori e intellettuali: "Eleggete subito segretario"

Trentuno artisti si rivolgono ai democratici per chiedere una leadership forte. Vogliono vincere e incrociano le dita per Bianca e Gad

Pd, l'appello di attori e intellettuali: "Eleggete subito segretario"

"D'Alema, dì qualcosa di sinistra". Bei tempi quelli dei girotondi di Nanni Moretti, con tutti gli intellettuali spassosi d'Italia uniti contro il nemico: Silvio Berlusconi. Di stagioni politiche ne sono trascorse a decine da quei giorni, oggi i fratellini di Moretti tornano alla carica. L'obiettivo è il Pd: "Non perdete più tempo!". Bravi, i maestri del belpensiero finalmente tornano a dire a tutti come si fa. Adesso sì che il Pd si muoverà e farà il bene dell'Italia: quando i compagni dell'arte e della cultura chiamano, la politica sinistra risponde. Come sempre.

Apparato - "Siamo elettori ed elettrici del Pd. Molti di noi, per decenni, hanno votato i partiti che ne sono all'origine. Dunque il Pd è anche nostro, non solo dell'apparato". Parte così l'appello dell'intellighenzia rossa italiana: votavono comunista, insomma, e ora vogliono che i democratici tornino a fare i comunisti. Mica si scherza: c'è il "bisogno e l'urgenza di un partito capace di scegliere il leader che possa favorire quella vittoria netta e indiscutibile sempre mancata". Basta con Pierluigi Bersani o Walter Veltroni: il Pd deve resuscitare Enrico Berlinguer che, anche se non vinceva, almeno aizzava le piazze rosse. 

Forza, Italia! - "Assistiamo invece - scrivono nell'appello - a manovre confuse e irresponsabili. Noi vi chiediamo, prima che il nostro amato Paese patisca danni irreparabili, di restituire all'Italia ora e subito un partito rinnovato e vincente". Vogliono che il Pd reagisca, che si svegli: bisogna lasciare alle spalle gli anni del berlusconismo e tornare a sinistra. "Non c'è tempo da perdere!", dicono e chissà che ne pensano i candidati alla segreteria del Pd. Ma soprattutto chissà che ne pensano tutti quelli che sono costretti a sorbirsi le elucubrazioni mentali di questi intellettuali. 

Chi sono? - A firmare l'appello alcuni (31) mausolei della cultura italiana: Giancarlo Bosetti; Isabella Bossi Fedrigotti; Marellina Caracciolo; Liliana Cavani; Cristina Comencini; Licia Conte; Angelo Curti; Marcella Diemoz; Piera Degli Esposti; Domenico De Masi; Tullio De Mauro; Biancamaria Frabotta; Nadia Fusini; Chiara Gamberale; Annamaria Guarnieri; Valerio Magrelli; Franco Marcoaldi; Antonio Pascale; Elio Pecora; Sandro Petraglia; Sandra Petrignani; Paolo Petroni; Andrea Purgatori; Stefano Rulli; Serena Sapegno; Mirella Serri; Toni Servillo; Brunello Tirozzi; Riccardo Tozzi; Carlo Verdone; Luciano Virgilio.

Immortali - Alcuni di loro fanno davvero parte della storia della cultura italiana: sono lì a pontificare da decenni senza che nessuno li possa toccare. Fanno parte di quella classe intellettuale che prova a indirizzare la politica. Falliscono, ma non demordono. Ora nel mirino c'è il Pd: vai a vedere che questa è la volta buona per vincere. Il loro tempismo è quasi perfetto: proprio nelle ultime ore si è fatta avanti l'ipotesi della candidature di Gad Lerner alla segreteria dei democratici. Appena ieri, invece, si parlava della Bianca Berlenguer che di quell'Enrico è figlia. Sarà che gli intellettuali hanno visto terreno fertile e ci hanno provato. Senza dire niente a Bianca e Gad perché non si sa mai: "Magari sta volta ci va alla grande".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlex

    01 Ottobre 2013 - 09:09

    Non mi hai mai fatto ridere come tutti i comici Romaneschi... tristissimi, poco intelligenti e molto coatti come dite bene voi, o borgatari...!!! Che sei di sinistra lo si sapeva (altrimenti non avresti fatto carriera nel cinema e spettacolo sia chiaro!!!) a questo punto candidati tu alla guida del PD che forse stavolta Ridiamo hahahahaha

    Report

    Rispondi

  • alvit

    26 Settembre 2013 - 17:05

    è vero che ti hanno cacciato dal campo rom perchè gli soffiavi la grana? Povero sardegnolo, difensore dei derelitti, che si fregano gli ori delle vecchiette, le dentiere dei pensionati e gli stereo dei sardi. E tu, incassi i contributi che dovrebbero andare a migliorare le loro posizioni. Vai a laurà, terun sardegnolo.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    26 Settembre 2013 - 15:03

    la chiamata!!!! esempio di cultura di destra. Vi rode eh, maldestri, avere solo questi luminosi esempi di intellettualità? Ah! avete anche il laureato ciannosecco: " Spagna,altrimenti se era ancora quì in Italia,vi corrigeva tutti quanti. "...le ragazze nei scantinati..." ..iniziata.Quà se non si... " e l'aulica prosa di 65321, meglio conosciuto come lamanosinistradelblog

    Report

    Rispondi

  • mamex

    mamex

    26 Settembre 2013 - 15:03

    Con quella faccia a cipolla altro non poteva essere! AhAhAhAhAh!!! AhAhAhAhAh!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog