Cerca

Fronda Pdl

Dimissioni, i cinque parlamentari Pdl che non hanno firmato

Tra gli azzurri dissidenti Quagliariello: "Finché sono ministro non lascio", seguono Giovanardi e la pattuglia dei siciliani

Dimissioni, i cinque parlamentari Pdl che non hanno firmato

Gaetano Quagliariello

Sillvio Berlusconi è determinato ad   andare fino in fondo contro il voto sulla sua decadenza da senatore.   Ma ancora, non ha detto una parola definitiva sul sostegno o meno  al governo Letta. E questo, raccontano, avrebbe aumentato le   fibrillazioni nel Pdl che tutt'ora , nonostante le "dimissioni di   massa" annunciate, appare diviso sul da farsi. Non tutti infatti hanno  firmato la lettera per rassegnare il proprio mandato parlamentare. Tra  questi spiccano i nomi del senatore Carlo Giovanardi e degli esponenti  siciliani Giuseppe Castiglione e Salvatore Torrisi. Mancano   all’appello anche il senatore Pippo Pagano e il ministro delle Riforme  Gaetano Quagliariello. Il Pdl insomma perde i primi pezzi, si tempe che il Letta bis possa nascere anche senza l'appoggio del Pdl, un esecutivo sostenuto da Pd-Scelata Civica-autonomie con il supporto dei quattro nuovi senatori a vita e dei dissidenti del M5S potrebbe contare su 105 voti. 

Le motivazioni - Sono quindi cinque i parlamentari che non hanno firmato le dimissioni. Giovanardi ha argomentato così la sua scelta: "Non firmo e non firmerò le dimissioni -dice Giovanardi-   perché ritengo non siano la modalità giusta per costringere le forze  politiche ad assumersi le responsabilità nei confronti del paese,   soprattutto in vista della prossima imminente campagna elettorale". Mentre  Castiglione, "rassegnare ora le dimissioni creerebbe un vulnus   istituzionale che sarà difficile da sanare”. La supercolomba Gaetano Quagliariello ha ribadito che non ha nessuna intenzione di firmare la lettera, almeno fino a quando sarà ministro. Ha spiegato che è il giuramento sulla Costituzione ad impedirglielo. Un passo simile sarebbe per lui concepibile solo dopo le dimissioni del governo. Per quanto riguarda la fiducia all'esecutivo, dipenderà dall'atteggiamento che avrà il Pdl da cui comunque il  Quagliariello non ha nessuna intensione di uscire. Quando Letta non avrà più il sostegno lui si dimetterà, ma solo allora. 

Il dissenso - Ma il dissenso rispetto alla linea ufficiale del partito è in realtà molto più ampio. Paolo Naccarato, eletto nelle liste della Lega e appartenente al gruppo Grandi autonomie e Libertà, avverte: Mercoledì, quando si passerà sotto i banchi della Presidenza per votare la fiducia, Berlusconi avrà soprese e delusioni. "Nel Pdl c'è un disagio diffuso, un’inquietudine strisciante. Se Berlusconi dovesse tirare la corda avrà sorprese e delusioni". Naccarato ragiona così sulla partita aperta dalle dimissioni annunciate dai parlamentari Pdl.   Del resto, rileva il parlamentare, che fu strettissimo collaboratore di Francesco Cossiga, "il Presidente Napolitano sta cercando di tenere la barra dritta di un Paese che sta andando allo sbando. Sa bene cosa fare, rispetta la Costituzione e le legge. Chi lo attacca sbaglia". E Naccarato si dice "convinto che questo Presidente della Repubblica non è pregiudizialmente ostile a Berlusconi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Kallianos

    29 Settembre 2013 - 18:06

    Ancora una volta l'azione giudiziaria si presenta come elemento distruttivo degli assetti politico-istituzionali della Nazione. Fu così con Mani pulite. Azione giusta ma distruttiva per le modalità con cui fu condotta ed attuata. E' di nuovo così oggi. La Nazione è allo sbando e tutto muove da un'azione giudiziaria che ha aperto con la sentenza Berlusconi irrimediabilmente le crepe profonde delle Larghe Intese. Non poteva questa magistratura essere più cauta in un momento così difficile? Che fretta c'era? I guai, purtroppo non ricadono sui politica ma su noi poveri Cristi. SI deve per forza trascendere con la violenza? Dio non voglia!

    Report

    Rispondi

  • carbone_franco

    29 Settembre 2013 - 09:09

    il gesto di Guagliriello e compagnia non é un gesto da traditori non é pugnalare berlusconi, é semplicemente un gesto di responsabilità verso il paese, e un gesto di ribellione nei confronti di un dittatore che pur di salvare il suo culo non guarda in faccia nessuno e mette ancora di piû in difficoltà un paese che stà già soffocando braviii

    Report

    Rispondi

  • mariogi

    29 Settembre 2013 - 00:12

    Traditori sono quelli del pdl che per compiacere il loro capo banda buttano l'Italia in mare, io sono uno tra quelli che ha votato per molti anni centro destra ma che non voterò più. Avevo anch'io creduto in Berlusconi, ma tempo passando, ho capito che questi cercava il governo solo per i cazzi suoi e la caduta di questo governo "alla faccia degli italiani" ne è la dimostrazione lampante. Mi auguro che i moderati italiani, che sono la maggioranza, ritrovino la strada per una nuova formazione politica senza pesanti zavorre, che possa competere e vincere contro un pd inconcludente.

    Report

    Rispondi

  • Frenki

    28 Settembre 2013 - 16:04

    Fa ben sperare questa notizia, non tutto è marcio nel PDL, senza i delinquenti si può ancora ricostruire il centrodestra. Quello che ci vuole è solo un po di coraggio da parte di chi è pulito e che non si sente servo di nessuno. La speranza dev'essere l'ultima a morire e finchè c'è dignità c'è ancora speranza. Non abbiamo bisogno di bugiardi e venditori di fumo per vincere, ci vogliono solo persone oneste e volonterose che parlino serenamente al cuore degli italiani.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog