Cerca

Il gran rifiuto

Napolitano chiama Silvio
Ma il Cav non risponde
Oramai lo chiama "Quello là"

Silvio Berlusconi e Giorgio Napolitano

Silvio Berlusconi e Giorgio Napolitano

Sembrava essere tornata la pace, sembrava che forssero tornate a volare colombe tra Arcore e il Colle. Ma dopo le durissima presa di posizione di Giorgio Napolitano contro la decisione dei parlamentari azzurri di presentare la dimissioni di massa in caso di decadenza,  tra Giorgio e Napolitano è di nuovo gelo. Un gelo che l'ex premier non nasconde ai suoi. In pubblico, come scrive la Stampa in un retroscena, Berlusconi si rivolge al Capo dello Stato chiamandolo "quello là". Ma il segnale più evidente della rottura è il gran rifiuto che Berlusconi ha opposto a una telefonata del Presidente. Napolitano, stanco delle ormai inconcludenti intermediazioni di Gianni Letta e delle colombe del Pdl avrebbe telefonato a Silvio Berlusconi ma questi gli ha risposto picche. Era un tentativo disperato del Colle di rimettere insieme quel poco che resta delle larghe intese, un tentativo (dopo il colloquio) con Enrico Letta di prolungare la vita a un governo ormai in stato comatoso.  In mattinata il Quirinale smentisce che il Presidente abbia telefonato al Cavaliere. 

Gianni ed Enrico Il gran rifiuto arriva in una giornata, quella di vernerdì 27 settembre, ad altissima tensione poltiica. Prima lo scontro quando Letta ha spiegato ad Alfano che quello che inende chiarire in Senato tra pochi giorni è il fatto che la decadenza di Berlusconi da senatore e il voto in giunta devono rimanere fuori dalle questioni di governo. Alfano ha chiarito che questo auto aut non sarà mai accettato.  Per la prima volta dal giorno dell'insediamento di Enrico, a Palazzo Chigi è arrivato anche lo zio Gianni e questo è il segnale più evidente che tira un'aria pesantissima: per la prima volta zio e nipote trattano alla luce del sole.  M

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    29 Settembre 2013 - 13:01

    l'esimio professore de noantri e il complotto comunista. povero demente, povero fascista del cazzo. confondi un complotto con un delinquente abituale, il tuo leader... che coglione! ovvio che sei un imbecille berlusconiano, visto le minchiate che scrivi...

    Report

    Rispondi

  • Akito

    28 Settembre 2013 - 22:10

    Che ha telefonato a fare?Sarà la sclerosi che lo stia gettando nella "follia".Non solo umilia,vuole anche convincere e chi con la sua bella parlantina idiota e sciocca?

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    28 Settembre 2013 - 17:05

    compagno, tu lavori ed io magno....! Avresti avuto ragione, se il tuo compagno comunista sovietico re Napo, fosse stato il presidente di tutti, ma proprio di utti gli Italiani, ed il Cavaliere non fosse stato vittima innocente di un complotto comunista, ben orchestrato, seppur non proprio nei minimi dettagli...!

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    28 Settembre 2013 - 17:05

    Eilà grilletto e voi M5s cosa siete ? Un movimento inutile, che asseconda un buffone opportunista e criminale che ha ucciso 3 persone...? Piuttosto, cosa dice l'essere invisibile a proposito dei milioni che investì in azioni Telecom e che ora parlano Spagnolo...? Digli che lo aspettiamo alle prossime elezioni.....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog