Cerca

Domani il voto alle Camere su Letta

Governo, Berlusconi: niente fiducia. Nel Pdl è strappo definitivo

Governo, Berlusconi: niente fiducia. Nel Pdl è strappo definitivo

Dopo il vertice di questa notte a Palazzo Grazioli, un vertice andato avanti fino all'una e che si è concluso senza un cambio sostanziale delle posizione. Questa mattina ultimo tentativo di pace in extremis di Silvio Berlusconi per convincere Alfano a non votare la fiducia al governo Letta è andato in scena questa mattina. E' tutt'ora in corso una riunione a Palazzo Grazioli. In queste ore di gran confusione girano tante voci e si prospettano vari scenari politici. Unica certezza è che stavolta al Senato c'è la concreta possibilità che Letta si salvi grazie al sostengo di un gruppo di responsabili pidiellini (si parla di 30-40 parlamentari) pronto al soccorso rosso. C'è chi assicura che il Cav alla fine dovrà cedere e fare marcia indietro e che fino ad ora ha fatto il 'duro' solo per alzare la posta sulla giustizia. Ma c'è anche chi assicura che alla fine prevarrà il Cav di lotta che "per salvare le larghe intese" (oltre al varo della legge di stabilità e dei decreti Iva e Imu) pretenderebbe di rinviare la legge Severino sulla incandidabilità alla Corte Costituzionale.

Mai dar per morto il Cavaliere. Questo abbiamo imparato negli ultimi vent'anni. L'ultima lezione, Silvio Berlusconi l'ha data appena pochi mesi fa a Pierluigi Bersani e al Pd, con la clamorosa rimonta elettorale che ha impedito la vittoria (data per scontata appena qualche mese prima) della sinistra. Ma il voto di fiducia che andrà in scena tra poche ore alla Camera e soprattutto al Senato (dove solo coi voti del Pd Letta non sarebbe in grado di proseguire) potrebbe dare il via libera al Letta-bis e segnare la prima, vera, sconfitta del Silvio Berlusconi politico.

Fuoco amico - Una quarantina, sembra, i senatori pronti a seguire il segretario Pdl Angelino Alfano nella fiducia al governo. Ne basterebbero, con ogni probabilità poco più di una ventina (contando Sel, Gal, Scelta civica e qualche 5 Stelle dalla parte del premier). Per cui, se i calcoli del pallottoliere alfaniano sono corretti, Berlusconi e i suoi fedelissimi usciranno sconfitti dall'aula. Ma nelle ultime ore, attestati di ampia solidarietà sono giunti da più parti al cavaliere: dalla Sicilia alla Campania, dalla Lombardia al veneto. "Domani in aula il Pdl voterà la sfiducia" e "Seguiremo le indicazioni di Berlusconi" giurano i fedelissimi. In serata, mentre Alfano e i ministri ex-dimissionari se ne rimanevano asserragliati a Palazzo higi, il Cavaliere ha riunito a Palazzo Grazioli i 'falchi' tra cui Daniela Santanchè e Daniele Capezzone. Due ore di riunione al termine della quale il leader pdl ha dichiarato ufficialmente che a Camera e Senato il Pdl voterà per la sfiducia al governo Letta. In precedenza, Berlusconi aveva incontrato lo stesso Alfano, proponendogli di votare la fiducia se il governo avesse accettato di fare dietrofront sull'Iva e di affrontare il nodo della giustizia spingendo per il rinvio della Severino alla Corte costituzionale prima del voto in Giunta del Senato sulla decadenza di Berlusconi. Poi, tutto è precipitato con le dichiarazioni di Letta che non apriva alle richieste del Cav e che anzi respingeva le dimissioni dei cinque ministri (ex?) Pdl, sigillando così implicitamente l'accordo con Alfano.

Ottobre amaro - Indietro, a questo punto, non si torna più ed è chiaro che da domani il futuro del Pdl o della nuova Forza Italia andrà completamente ridisegnato. Per Alfano, a lungo vice-Berlusconi "senza il quid", si tratta di un passo enorme, comunque vada il voto di domani. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    02 Ottobre 2013 - 13:01

    Quello che mi meraviglia è che voi esprimete i vostri pensieri con la massima arroganza e maleducazione e poi volete anche essere presi sul serio! siete solo ragazzini che chattano insulti e non portate mai nulla al dibattito. Il Cav. un delinquente? Forse. Ma voi, che vi proclamate così eruditi e svegli quanti delinquenti avete fatto campare a sx? A cominciare dal leader occulto, De Benedetti, che non è nulla di meglio di B. Per passare poi all'ineffabile D'Alema. Per non parlare che mentre piangete perchè B. ha preteso la cancellazione dell'IMU, senza la quale non si può vivere, l'intera IMU dello scorso anno se l'è ingoiata il MPS del quale, amici scaltri e colti di sx, voi non parlate mai. E' dunque lecito che un partito amministri (e pure male)una banca? Insomma, nonostante la vostra vis polemica, la maleducazione e lo scarso rispetto per coloro che, legittimamente in una democrazia, la pensano in maniera diversa, non mi sembrate tanto furbi. Ecco perchè B. ha governato x 20 anni.

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    02 Ottobre 2013 - 11:11

    ti approvo ti condivido la pensi come me, se ci riesci parla a quei 4 di "destra" che come bambini litigano per rifondare o meno AN e per dividersi i coccetti che è ora di unirsi e combattere insieme.ORA O MAI PIù.

    Report

    Rispondi

  • woody54

    02 Ottobre 2013 - 11:11

    All'una di notte sei ancora a postare idiozie? Povero coglione, hai votato per 20 anni un delinquente! Vai a letto somaro!

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    02 Ottobre 2013 - 11:11

    silvio stessa fine di giulio cesare, vero il detto popolare chiama babbo chi te dà a magnà.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog