Cerca

Affari

Radicali in lotta in vista del voto. E per controllare la radio

7
Radicali in lotta in vista del voto. E per controllare la radio

Cosa faranno i radicali alle politiche? Accreditati di un 2%, possono risultare preziosi sia per Renzi che per Berlusconi. Emma Bonino si sta muovendo con Marco Cappato e il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova per una lista Forza Europa, che potrebbe attrarre Mario Monti e altri centristi laici come il ministro Calenda. A seconda della legge elettorale, si presenteranno soli, apparentati al Pd, o contratteranno posti nella lista Pd come nel 2008.

Ma da due anni i radicali sono spaccati. La rottura fra la Bonino e Marco Pannella si è estesa dopo la morte di quest' ultimo nel maggio 2016 a tutti i boniniani e pannelliani: da una parte l' ex ministra degli Esteri, Gianfranco Spadaccia, Cappato, Mario Staderini, Roberto Cicciomessere; dall' altra Maurizio Turco, Rita Bernardini e Sergio D' Elia.
Questi ultimi controllano il Prntt (Partito radicale nonviolento transnazionale transpartito), la cui lunghezza del nome è inversamente proporzionale al numero degli iscritti: se non arriveranno a 3mila entro la fine dell' anno, hanno deciso di sciogliersi.

I boniniani invece sono riuniti in Radicali italiani (segretario Riccardo Magi), che hanno appena compiuto l' exploit di raccogliere 30mila firme per un referendum che mette in gran difficoltà la sindaca grillina di Roma Virginia Raggi: togliere all' Atac il monopolio del trasporto pubblico nella Capitale. Cappato guida l' Associazione Coscioni per l' eutanasia e la libertà della scienza. E la buonista Bonino è attiva soprattutto nella campagna pro-immigrati Ero Straniero Anche i transnazionali macinano politica: hanno appena concluso una Carovana di mezzo mese in Sicilia per i loro tradizionali obiettivi sulla giustizia: amnistia, indulto, no all' ergastolo, separazione delle carriere fra magistrati inquirenti e giudicanti. Un garantismo che in teoria potrebbe avvicinarli al centrodestra. Ma loro negano qualsiasi prospettiva elettorale.

Ora qualcuno cerca un rammendo fra le due fazioni. Spadaccia, 82 anni, grande vecchio radicale (ex segretario e parlamentare, per decenni braccio destro di Pannella), ha mandato una lettera a Turco & co. annunciando la propria iscrizione (200 euro annui), ma chiedendo l' apertura di un dibattito interno e spazi su radio radicale: «Quali obiettivi ci diamo di fronte alla crisi della democrazia liberale e dello stato di diritto, il dissolvimento dell' Unione Europea e il travolgimento dei diritti umani?».

Con Spadaccia, tendono la mano ai separati in casa una trentina di boniniani. E sul fronte opposto, l' altro grande vecchio radicale Angiolo Bandinelli ha già rotto con l' estremismo antiboniniano di dirigenti come Turco e Valter Vecellio (la Bernardini è più possibilista). Sullo sfondo c' è la partita per Radio radicale, che finora è rimasta neutrale dando spazio a tutti, ma che Turco ora vuole ridurre sotto il proprio controllo. E la radio riceve 10 milioni annui di soldi pubblici come organo di partito e trasmettitrice delle sedute parlamentari.

di Mauro Suttora

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • criseo franco

    14 Agosto 2017 - 07:07

    inutili e parassiti,pro invasione,pensate di piu a gli italiani che sono in difficolta.meno male che sta arrivando la guerra.purifichera tutto.

    Report

    Rispondi

  • gcarlo19

    13 Agosto 2017 - 23:11

    Ma chi vi vuole ancora, chi vi ha mai eletto, a cosa servite?

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    13 Agosto 2017 - 22:10

    andassero a lavorare per guadagnarsi da mangiare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media