Cerca

Il retroscena

Berlusconi "freddo" con Gianni Letta:
"Col Colle hai fallito la trattiva"
...e lo "zio" sta con Alfano

Secondo indiscrezioni Silvio non ha gradito le mosse del suo consigliere più fidato. L'ex sottosegretario non è riuscito a convincere Napolitano per l'agibilità politica dell'ex premier

Berlusconi "freddo" con Gianni Letta:
"Col Colle hai fallito la trattiva"
...e lo "zio" sta con Alfano
Cambia tutto. Anche intorno al Cav. A quanto pare l'asse Gianni Letta-Silvio Berlusconi si sarebbe spezzato. A darne notizia è una fonte vicinissima al Cav che ad Affaitaliani.it racconta la frattura tra l'ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio e Silvio. "Sono ancora amici, ma Silvio non gli ha perdonato il flop con il Quirinale sui temi giudiziari", racconta un azzurro. Il Cav aveva chiesto a Letta di trattatre col Colle per ottenere comunque da Napolitano garanzie per la sua agibilità politica dopo la condanna della Cassazione per il processo Mediaset. 
Gianni Letta con Enrico - L'apertura da parte del Colle non c'è stata. Così il rapporto tra Silvio e Letta ha subito una battuta d'arresto.  A suscitare i dubbi sono state le frequenti visite a Palazzo Chigi e al Quirinale, anche in compagnia dei 'lealisti' al governo: come Alfano, Cicchitto e Quagliariello. D'altro canto la sua assenza è stata notata invece alle cene che Berlusconi ha condiviso con i 'falchi'. Basti pensare che proprio sabato scorso, il giorno in cui il Cavaliere ha maturato la rottura con il governo, Letta non era al suo fianco. Sulla testa del "primo consigliere" di Silvio pesa la responsabilità del governo delle larghe intese. Fu proprio Letta a spingere il Cav verso un patto col Pd per dare il via al nuovo esecutivo. Adesso quella scelta appare superata dagli eventi. E così il Cav sempre secondo le indiscrezioni raccontate da Affaritaliani avrebbe raffreddato i rapporti con il suo consigliere. Ma a quanto pare Letta neglle ultime settimane avrebbe avuto contatti sia col Vaticano che col mondo finanzairio assecondando la volontà dei "poteri forti" di mantenere la stabilità di governo. Insomma lo "zio" avrebbe sposato in pieno la linea del "nipote". Incompatibile con quella di Silvio. 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • weiss

    03 Ottobre 2013 - 12:12

    ma di che parlate lealisti? quelli fanno i propri interessi e sono dei traditori ma noi alle prossime elezioni carini vi faremo saltare altro che voto e cercheremo di scoprire con quali metodi andate alla ricerca dei voti.ma io devo dire che non è da adesso che siete dei traditori lo avete già fatto alle ultime elezioni non vi muovevate non cercavate voti io mi ero già accorta che qualcosa non andava ne avevo già accennato ad antonio palmeri c che non vedevo lavorare nessuno di questi buffoni da quanto tempo tradiscono berlusconi? da tanto berlusconi ma come mai non ti sei accorto che i siciliani non lavoravano più per te? possibile che non ai vicino nessuno che ti metta in guardia dai traditori?

    Report

    Rispondi

  • elenasofia

    elenasofia

    03 Ottobre 2013 - 09:09

    Sono anni che diciamo che Letta era la rovina politica di Berlusconi. Adesso se ne è accorto anche lui, troppo tardi, perché al suo posto c'è il nipotino (di Letta) -

    Report

    Rispondi

  • Frenki

    02 Ottobre 2013 - 14:02

    Avete capito con chi abbiamo a che fare !?. LUI non accetta di essere condannato perchè : IO SONO IO E VOI NON SIETE UN CAZZO. Non servono altre parole per definire l'individuo che da 20 anni ci tiene schiavi dei suoi interessi personali.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    02 Ottobre 2013 - 14:02

    Insomma 'sta agibilità politica altro non sarebbe che l'impunità. Ma vada affanculo il nano pregiudicato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog