Cerca

Adesso ha il quid?

Alfano non spacca il Pdl
Tormentato da falchi&colombe
lui media (e diventa leader)

Angelino Alfano

Angelino Alfano

Ci si immaginava che dopo il voto di fiducia (o di sfiducia) al governo Letta il quadro sarebbe stato più chiaro. Ma il colpo di teatro di Silvio Berlusconi, l'ok al premier arrivato al fotofinish, e tutto ciò che ne è seguito hanno frustrato le speranze di chi sperava di avere le idee chiare. La scissione è stata sfiorata, ma non è (ancora) avvenuta. Falchi e colombe continuano a condividere lo stesso nido, sempre più diffidenti, sempre più polarizzati. Il Cavaliere, in definitiva, non si è ancora schierato: il round più importante lo hanno vinto i "moderati", ma subito dopo l'ex premier è andato all'attacco proprio di Angelino Alfano, il grande protagonista. Il Cav gli ha ricordato che con lui il Pdl è al 12%, e si è riservato il diritto di riflettere sulla possibilità che sia un traditore ("Mi ha tradito? Su questo non rispondo").

e non spaccherà il centrodestra"
Il videocommento di Pietro Senaldi

Pitonesse - La confusione, insomma, continua a regnare sovrana sotto al cielo del Pdl. In parallelo continuano le fluttuazioni di Berlusconi. Ma Silvio, ora, non è più al centro assoluto della scena. Ora tiene banco Alfano. Tiene banco la possibile scissione. Tengono banco i gruppi e le probabili divisioni. L'esito pare certo: il partito si spaccherà. La frattura, al più tardi, arriverà nel momento in cui la nuova Forza Italia prenderà il posto del Pdl. Impossibile pensare che la "FI 2.0" vada alle colombe. Dunque, pasionari da una parte e colombe dall'altra. E il Cav? Si vedrà. Tra gli azzurri c'è chi spinge per la rottura immediata. Daniela Santanchè, per esempio, che trafigge Alfano predicendogli un futuro di disastri, come quello di Gianfranco Fini. Ma sono tutti i "duri e puri" azzurri, pur non esponendosi, a volere l'immediata spaccatura: Bondi, Capezzone e Brunetta tra gli altri. Semplice il presupposto del loro ragionamento: la linee divergono, meglio fare subito una conta interna. E agire di conseguenza.

I tempi - Alfano, da par suo, vuole frenare le operazioni. Anche il segretario ha i suoi falchi - per esempio Roberto Formigoni, o Giovanardi - che chiedono l'immediata formazione di nuovi gruppi. Di fatto hanno la stessa posizione della pitonessa. Ma, forse, peccano in termini strategici. Angelino vuole dilatare i tempi, magari attendere la decadenza del Cavaliere (chi comanda quando lo fan fuori, anche se fuori dai giochi non lo sarà mai?), nel frattempo cercare di allargare il suo consenso all'interno del partito. Eppoi prova sentimenti di sincero affetto, stima e riconoscenza per Berlusconi: non vuole pugnalarlo, vuole provare, per quanto possibile, a ricomporre i cocci. Pur sapendo che la frattura nel partito non potrà mai essere sanata per intero, spera di ricucire con Berlusconi, di non separare il suo destino da quello di Silvio. Meglio rimandare, insomma, a partire dalla formazione di gruppi alla Camera e al Senato.

Impulsivi - Complice l'ecatombe di Lampedusa il Pdl riesce a prender tempo: come mercoledì sera era slittato il faccia a faccia tra Berlusconi ed Alfano, oggi è stata rinviata la riunione del gruppo: "La tragedia di Lampedusa è troppo grande per poterci dedicare oggi alle vicende interne", ha spiegato Berlusconi. Stop ai gruppi, ma non alle dichiarazioni. E così ecco Carlo Giovanardi, che ha spinto a tutto gas fino all'ultimo sulla spaccatura, che spiega senza giri di parole: "Non rinunciamo a stare nel centrodestra. Vogliamo stare nel Pdl e nel Ppe. Se altri vogliono fondare Forza Italia ne prendiamo atto". Come dire: noi da qui, voi di là. Subito. Poi il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, secondo la quale con la fiducia a Letta, comunque, c'è stata "una rappresentazione plastica della frattura nel partito", e che per "aderire a Forza Italia ci dovrebbe essere un chiarimento molto forte sulla linea politica". Parole da falco. Da falco nel nido di Alfano.

Paludati - Ma tra le truppe guidate dal segretario c'è chi, come il segretario stesso, persegue la via della prudenza. Fabrizio Cicchitto, ideologo del gruppo alla Camera, spiega che la nascita delle nuove formazioni parlamentari, a cui ambisce forse più di tutti, "è una questione tutta da vedere. Scissioni? Non abbiamo esaminato il termine nemmeno lontanamente". Poi i paludati Gasparri e Matteoli, trattativisti per definizione, secondo i quali "l'unità del Pdl è l'obiettivo primario che dobbiamo avere in questa fase". Oppure Renato Schifani, che nella serata di mercoledì elogiava la scelta di Berlusconi, la fiducia con cui ha ricompattato il gruppo. Eppure anche Schifani, forse, è tra le colombe pronte a spiccare il volo. Proprio come Nunzia De Girolamo, avvistata a cena con Berlusconi e la Pascale dopo la fiducia a Letta, secondo cui "non ci sono né divisioni né scissioni". Alfano, come detto, media. Attento, accorto, molto poco sprovveduto. E, minuto dopo minuto, diventa sempre più leader.

di Andrea Tempestini
@antempestini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    04 Ottobre 2013 - 18:06

    Mi ero sorpreso anch'io per le stupidate dette da alf-ano in TV, poi ho notato che leggeva dal foglio che teneva in mano e mi son detto: Va bene dire delle cretinate a braccio, può capitare, ma leggerle a pappagallo poi è il massimo.. allora le dice perché convinto o perché gliele hanno scritte ? E questo sarebbe il nuovo leader del CDX ?

    Report

    Rispondi

  • white warrior

    04 Ottobre 2013 - 17:05

    I salotti buoni della finanza, zoccolo duro dei Poteri Forti, hanno sempre considerato B. un intruso. Chi ne fa questione di 'etica', di una casta 'antropologicamente superiore' a B., dovrebbe tenere presente di cosa è capace questa gente, che ha sempre goduto di un rapporto privilegiato con la classe politica e il para-Stato: una lunga scia di rapine di beni dello Stato, leggi ad hoc, fallimenti, disoccupazione... Ma non è solo questione di profitti: e i pezzi grossi del Capitale sovranaz., Soros, Bill Gates, Warren Buffet, per non parlare dei soliti Rotschild, Getty, Rockfeller, Astor, finanziano progetti previsti dall'agenda del Pensiero Unico. Con tutti i suoi limiti personali e politici e fra mille errori e contraddizioni, B. non è un campione del Politicamente Corretto, non è un europeista pronto a accettare a scatola chiusa le direttive UE e ha cercato di contrastare lo strapotere della magistratura: e tutto questo gli si è ritorto contro. Ecco perché "meno male che Silvio c'è".

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    04 Ottobre 2013 - 10:10

    Non esistono poteri forti di destra o di sinistra.Il loro orientamento non è guidato da ideologie politiche,ma solo dal profitto.Su quest'ultimo tema,Berlusconi non essendo inquadrato in nessuna lobby internazionale è stato visto da subito come un concorrente,aggiungo io,pericoloso.Non basta essere miliardari per essere accettati dalle lobby internazionali,basta vedere i magnati russi che fine fanno , quando "disturbano".

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    04 Ottobre 2013 - 10:10

    Tu non ci crederai,mi sono accorto dell'errore dopo l'invio.Volevo correggerlo,ma poi ho pensato al livello medio di idiozia degli anti berlusconiani e ho lasciato perdere.buaahahahahhahahahahahhah

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog