Cerca

Lo scacchiere Pdl

Berlusconi: "Pdl unito, solo qualche contrasto"

Saltati gli incontri coi falchi, il Cavaliere dice di aver parlato per due ore con Alfano: "Non c'è nessuna spaccatura". Domani non sarà in Giunta, dove si voterà la sua decadenza

Berlusconi: "Pdl unito, solo qualche contrasto"

"Assolutamente unito". "Solo qualche contrasto". Uscendo dall'ennesima riunione a Palazzo Madama (questa volta coi membri Pdl della giunta per elezioni che domani voterà sulla decadenza del Cavaliere) Silvio Berlusconi stronca qualsiasi insinuazione sulla tenuta del Pdl, sostenendo che "non c'è nessuna spaccatura". Con Alfano dice di averci "parlato due ore questa mattina " e di "non vedere nella realtà tutto questo dissenso che leggo invece su giornali e agenzie". Causa tragedia dei migranti di Lampedusa, gli incontri coi falchi per decidere il da farsi nel dopo-fiducia a Letta sono saltati. E a questo punto, il dibattito interno al fronte dei lealisti proseguirà dopo che si saprà saputo se la giunta (come è assai probabile) avrà votato per la decadenza del senatore Berlusconi. Un elemento non da poco.

Intanto, il Cavaliere è tornato a spiegare i motivi che l'ahnno spinto ad annunciare prima e votare poi in aula la fiducia al governo: "Ho preso questa decisione perchè avevamo avuto assicurazioni sull'impegno del governo nei prossimi mesi sui temi che ci stanno a cuore". Tra i quali c'è, non secondo a nessuno, la riforma della giustizia. Il premier ha escluso ancora ieri qualsiasi forma di pressione o interessamento, da parte sua, a favore delle vicende giudiziarie del cavaliere. ma ancora ieri, berlusconi ha ricordato all'Aula di palazzo madama come l'Italia sia ormai al terzo 'cartellino giallo' da parte dell'Europa sul tema (mai messo in agenda) della responsabilità civile dei magistrati. Quanto al voto di domani in Giunta per le lezioni, Berlusconi ha poi ribadito ancora una volta che non sarà presente: "Quel voto è una sentenza politica già scritta. Una farsa alla quale non intendo presenziare". Una cosa è certa: chi sui giornali oggi ha descritto il Cavaliere come un uomo sconfito, ha preso il solito abbaglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • IlBecchino

    04 Ottobre 2013 - 19:07

    Io non ho detto che "è certo", ma semplicemente che ritenevo che Lei ne fosse certo, e la elogiavo per l'uso, secondo me corretto, del congiuntivo nonostante il fatto che ritenesse la cosa certa (vecchia diatriba con Olindo e Rosa). Lei insiste con l'aspetto processuale che con quel post non aveva alcuna attinenza. Evidentemente oltre ad essere volgare, ignorante, semianalfabeta ed affetto da cretinismo congenito, come definitivamente dimostrato nel mio post precedente, non riesce neppure a comprendere quale sia il vero oggetto di una disputa. Mai conosciuto un imbecille par suo, mi creda.

    Report

    Rispondi

  • IlBecchino

    04 Ottobre 2013 - 19:07

    Io non ho detto che "è certo", ma semplicemente che ritenevo che Lei ne fosse certo, e la elogiavo per l'uso, secondo me corretto, del congiuntivo nonostante il fatto che ritenesse la cosa certa (vecchia diatriba con Olindo e Rosa). Lei insiste con l'aspetto processuale che con quel post non aveva alcuna attinenza. Evidentemente oltre ad essere volgare, ignorante, semianalfabeta ed affetto da cretinismo congenito, come definitivamente dimostrato nel mio post precedente, non riesce neppure a comprendere quale sia il vero oggetto di una disputa. Mai conosciuto un imbecille par suo, mi creda.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    04 Ottobre 2013 - 19:07

    Berlusconi non condannato, sarebbe in grado di fare il Primo Ministro ? E' un incarico che fa dimagrire a vista chi deve espletarlo. Viaggi, informazioni su migliaia di argomenti. Guardate Letta, é dimagrito. Aereo, arrivo e dritto filato a riunioni, discorsi, alla sede del partito. Occorre una salute che a 77/78 anni non si puo' avere;lo stress é di casa. Poi, dopo 20 anni di politica da decisore unico, con le aziende, i figli irrequieti,il Milan, i giornali...e senza la volontà di delegare ad altri ogni dettaglio del potere. Queste considerazioni valgano anche per lo stadio in cui si trova il Paese. La crisi che tutti vedevano é stata tale dopo due anni che era scoppiata...ecco il surplus di attenzione a mille problemi. Chi ci rimette é chi meno ha usufruito del periodo di spesa facile, dove il debito pubblico era un dettaglio. Si fatica a racimolare 1 m.do e si pagano 80 di interessi. Colpevole chi non ha fatto nulla per evitare le logiche conseguenze.Questa é la colpa maggiore.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    04 Ottobre 2013 - 18:06

    Certo,mai addentrarsi nel tema giuridico o contestare i dati da me descritti.Fifone,torna sul balcone,ratto da scrivania.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog