Cerca

Larghe intese

Alfano difende Silvio
dal Pd e da Letta
"Nessuna intrusione nel Pdl"

Il vicepremier reagisce con forza alle parole del premier e del segretario del Pd: "Siamo al governo con le nostre idee"

Angelino Alfano

Angelino Alfano

Angelino Alfano ha aspettato qualche ora, poi alla fine è sbottato. "Non accettiamo e non accetteremo ingerenze nel libero confronto del nostro Movimento politico! E questo vale anche per il presidente del Consiglio e per il segretario del Partito democratico", ha tuonato dopo aver appreso le parole di Enrico Letta a proposito della fine del berlusconismo e letto l'intervista rilasciata da Guglielmo Epifani a Repubblica. "Dentro questo governo - puntualizza Alfano - noi stiamo per difendere le nostre idee e i nostri programmi in primo luogo su tasse e giustizia e difendiamo così tutti i cittadini, Le imprese, le famiglie e i giovani. Così è stato e così continuerà ad essere!".  "Non saranno i nostri avversari a determinare la chiusura del ciclo politico di Berlusconi in quanto il popolo, ancora oggi, individua in lui il leader di un grande partito e il leader di una coalizione che può ancora vincere", dice poi rivolto a Enrico Letta. "Noi siamo il centrodestra italiano, alternativi per l'oggi e per il domani alla sinistra. E se una collaborazione c'è oggi è perchè nessuno ha vinto pienamente le elezioni e Silvio Berlusconi ha intuito per primo l'importanza di una grande coalizione". Da parte sua Epifani aveva detto a Repubblica che "se Alfano costituisce i gruppi autonomi è tutto più chiaro. Darebbe molta più forza e coesione alla maggioranza. Non è tanto un problema di durata del governo, ma di qualità della sua azione. Perché il pericolo di finire di nuovo nel pantano c'è".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    09 Ottobre 2013 - 21:09

    Poco quid. ''Quid Alphano peius ?''

    Report

    Rispondi

  • lstmare2006

    07 Ottobre 2013 - 08:08

    Siamo alla frutta e lui rappresenta la banana. Indovinate dove ha intenzione di andare a finire.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    07 Ottobre 2013 - 08:08

    la rivoluzione di Forza Italia non c'e' mai stata perche' i mantenuti parassiti statali votano: e perche' fino ad oggi gli italiani hanno voluto un sistema ne' carne ne pesce. Ma i conti adesso sono cambiati, c'e' grillo che meno male che e' scemo come tutti i coglioni che ha mandato in Parlamento ma i voti li ha presi a valanga: tutti dalla nuova generazione che e' disoccupata. Questi votano e non si comprano coi posti statali perche' i soldi sono finiti. Se invece di grillo ci fosse un movimento capace le cose cambierebbero e il Paese potrebbe avvicinarsi agli Usa invece che al marocco o congo. Fare i conti, Alfano, i conti... con la calcolatrice: quanti nuovi 18enni voterano? contare contare. Quanti non sognano piu' la pensione statale a 40 anni, perche' a 40 anni sono ancora disoccupati adesso. Capito?

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    07 Ottobre 2013 - 08:08

    Pur tra ondeggiamenti delle cifre si é: PD al 32% e PDL al 20 % Verdetto popolare, per ora.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog