Cerca

Dopo Lampedusa

Quella "strana intesa"
tra Kyenge e Giovanardi
contro la Bossi-Fini
e reato d'immigrazione

Vogliono smontare la legge e abolire la norma: qualcosa si muove. Cécile e l'ex ministro sulle stesse posizioni. Maroni: "Non toccate la legge"

Giovanardi e Kyenge

Giovanardi e Kyenge

Da un lato il fronte, compatto, di chi la legge la vuole smantellare. Dall'altro, oltre al Senatùr che l'ha battezzata per metà, chi difende la Bossi-Fini, al centro del dibattito dopo l'ecatombe di Lampedusa. Intervistato da Maurizio Belpietro, l'ex titolare del Viminale, Roberto Maroni, ribatte alle accuse: "Quella legge non è la causa delle tragedie. Criticare la Bossi-Fini è solo un orpello ideologico messo lì da chi non sa cosa fare o non vuole fare". 

Contro la legge - Poi c'è chi come il ministro Cécile Kyenge lavora per smantellare la norma. E qualcosa si muove: "Ora metteremo sul tavolo di lavoro strumenti per rivedere le leggi sull'immmigrazione e il reato di clandestinità. Spero che questa strage ci possa far riflettere", ha spiegato nel corso della visita a Lampedusa. Quindi l'annuncio: "La settimana prossima (quella che è appena iniziata, ndr) avvieremo un coordinamento interministeriale per rivedere la Bossi-Fini". Tra le fila del governo, in sintonia con la Kyenge c'è Mario Mauro, ministro della Difesa di Scelta Civica (ex Pdl), che spiega: "Io ritengo, non da oggi ma fin da quando la legge Bossi-Fini è stata promulgata, che tutte le misure relative ad un miglioramento delle condizioni relative a un diritto di asilo siano da rivedere. Dobbiamo dare alle nostre norme la possibilità di agevolare chi si muove in soccorso di chi è in condizioni di difficoltà", ha aggiunto.

Voce a sorpresa - Al coro che chiede di rivedere l'intero impianto normativo sull'immigrazione non si aggiungono soltanto i vari Boldrini e Vendola. C'è anche una voce a sorpresa, ed è quella di Carlo Giovanardi. Abbandonate le posizioni più dure, l'ex ministro inivta a "tornare alla impostazione originale della Turco-Napolitano con l'abrogazioni del reato contravvenzionale introdotto con la legge 94 del 2009". Giovanardi chiede di cancellare la Bossi-Fini e, contestualmente, di abolire il reato di immigrazione che fu introdotto successivamente. Per Giovanardi occorre "non scrivere libri dei sogni, ma trovare subito le risorse finanziarie per ampliare i Centri di prima accoglienza e rendere agibili e vivibili i CIE, sia dal punto di vista di un dignitoso trattamento degli ospiti che da quello delle effettività delle espulsioni, uscendo dalla logica perversa del risparmio, introdotta dal governo Monti, che costringe poi a spendere milioni di euro per chiudere e ristrutturare gli ambienti distrutti dalle rivolte".

Sgambetto e assist - Giovanardi, in verità, si è sempre mostrato scettico sul reato d'immigrazione, sin dalla sua introduzione nel 2009. L'ex ministro, nelle ultime settimane, è stato uno dei grandi protagonisti delle lotte interne al Pdl: colomba - schierato al fianco di Angelino Alfano e pronto a restare "anche da solo" nel Pdl pur di non andare in Forza Italia -, aveva calcato la mano il più possibile per arrivare a una scissione, poi (per ora) evitata. La richiesta di abolire il reato di immigrazione rischia di polarizzare ulteriormente il dibattito nel Pdl, tra chi è favorevole alla cancellazione della norma e chi invece la difende. Da Giovanardi, insomma, arriva un altro mezzo sgambetto agli azzurri. E arriva un assist ad Alfano, vicepremier di un governo che, a breve, potrebbe smantellare sia la Bossi-Fini sia il reato di immigrazione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    21 Gennaio 2014 - 14:02

    una garanzia, da guinness dei primati... questo è una vita che è lì a fare cosa non l'ho ancora capito.

    Report

    Rispondi

  • alejob

    26 Dicembre 2013 - 11:11

    Ma voi chi vi ha votato, siete dei politici che amate la vostra PATRIA. Voi siete dei SENSALI che volete regalare il paese agli stranieri. Queste persone che vengono nel nostro paese a trovare la MERDA che le possiamo offrire, non hanno motivo di chiedere asilo POLITICO. non sono in guerra con nessuno, sono solo in guerra tra di loro e perciò le faccende personali o di religione non devono cadere su altri paesi. Non vanno d'accordo, si spartiscono il territorio e ognuno comanda a casa sua. Troppo comodo andare nei paesi limitrofi a rompere le scatole perchè non condividono il sistema. Troppo comodo che la FAMIGLIA vicina litighi e un familiare per questo motivo, venga a vivere a casa mia e pretenda di essere ancora mantenuto. Questo non è convivenza, ma prepotenza.

    Report

    Rispondi

  • plinio72

    10 Ottobre 2013 - 21:09

    perchè non si fa un referendum per chiedere se il popolo italiano vuole questa immigrazione? dato che il popolo italiano è quello che subisce questa immigrazione perchè non gli viene chiesto di esprimersi? ma perchè a nessun partito frega niente di chiedere al popolo cosa vuole fare? la sinistra che dovrebbe essere rappresentazione del popolo perchè non chiede al popolo sovrano di esprimersi ? chi ci guadagna ? L'italia è una ancora una democrazia dove il popolo è sovrano?

    Report

    Rispondi

  • c.camola

    10 Ottobre 2013 - 09:09

    Giovanardi sarebbe bene che si domandasse di che paese è e la Kyenge dovrebbe calmarsi e pensare dove si trova.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog