Cerca

Il raid nell'enciclopedia

Sergio Mattarella, i ritocchini su Wikipedia nella pagina del padre Bernardo e il sospetto: è stato il capo dello Stato?

5
Sergio Mattarella

Fari puntati su Sergio Mattarella. Il nastro va riavvolto fino al 2009, quando, per sei volte nell'aprile di quell'anno, qualcuno è entrato nella pagina Wikipedia di Bernardo mattarella, padre di Sergio ed ex ministro dc scomparso nel 1971, per correggere una biografia che, si suppone, lo infastidiva. La vicenda viene raccontata dal Fatto Quotidiano, che fa notare come l'utente che corresse la pagina si chiamava proprio "Sergio Mattarella". I casi sono due: o si tratta di un mitomane oppure dell'attuale capo dello Stato, che all'epoca non era più deputato e non era ancora giudice costituzionale.

I ritocchini confermerebbero la sua volontà di smontare alcuni vecchi sospetti che circondavano il padre, più volte citato dalla commissione Antimafia per presunti rapporti con Cosa Nostra, anche se non fu mai sfiorato dall'indagine per mafia. Per esempio, l'utente "Sergio Mattarella", nella biografia del patriarca dc ricorda la sentenza della Corte di Viterbo sulla strage di Portella delle Ginestre, sentenza che "dichiarò infondate le accuse di Gaspare Pisciotta", il quale aveva indicato Mattarella senior tra i mandanti. E via così, altri cinque "ritocchini" che seguono questo schema. "Ritocchini" di chi, le cose, le conosce bene. Anzi, benissimo.

Ma è stato davvero il presidente della Repubblica ad intervenire su Wikipedia? Interpellato dal Fatto Quotidiano, Mattarella non ha voluto replicare. Il sospetto, dunque, resta, anche se sulla celebre enciclopedia online ognuno può registrarsi col nome che vuole. Va anche detto che dopo l'elezione al Colle, il nickname "Sergio Mattarella" è stato bloccato come inappropriato. Il Fatto, però, s'interroga: "Ma un fake sarebbe così ferrato sulla biografia del vecchio patriarca dc?". Una buona domanda che, però, ad ora è destinata a restare senza risposta.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    30 Ottobre 2017 - 09:09

    In Sicilia, o sei mafioso o sei sfruttato dalla mafia. Poi ci sono le persone un po' stupide, come Cry, comunista e infame. Quando si parla di mafia ci dimentichiamo i dollari presi dai comunisti, chi si vendevano ai nostri NEMICI sovietici.

    Report

    Rispondi

  • Skyler

    30 Ottobre 2017 - 08:08

    Chry........lei, Napolitano, Scalfari, Dario Fo, Biagi, Saviano......dove avete nascosto la camicia nera? Pronta a essere indossata alle prossime elezioni? Ma nei porcili vi fanno votare?

    Report

    Rispondi

  • blu_ing

    30 Ottobre 2017 - 07:07

    in sicilia in alcuni partiti di dx e di sx, oggi come ieri, diventavi politico solo se i mammasantissima volevano e ti appoggiavano, e se sgarravi venivi eliminato come una famosa marca di trenini ci ricorda, la famiglia mattarella con i suoi politici ovviamente sono puliti ed innocenti, ma i voti a loro chi glieli dava? i loro condomini? o i lavoratori delle loro aziende, ma mi faccia il piaceree

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media