Cerca

Il principe del Foro

Longo: "Amnistia e indulto non riguarderanno Berlusconi"

Il legale di Berlusconi: "La storia dice che saranno esclusi i reati finanziari". Dunque servizi sociali...

Pier Longo

Pier Longo

Sarà difficile che indulto e amnistia, sollecitate con un messaggio alle Camere da Giorgio Napolitano, possano riguardare Silvio Berlusconi. A dirlo è Piero Longo, uno dei legali di fiducia del Cavaliere. "Bisognerà vedere come sarà formulato il testo - ha detto l'avvocato a Il Messaggero - E' un dato di fatto che stando al percorso storico, l'amnistia finora ha riguardato reati che avevano come pena massima tre o quattro anni, escludendo la frode fiscale". Smentite così le grida di Beppe Grillo e M5S, che puntano il dito contro il Colle, che avrebbe la colpa di provare a salvare il Cavaliere. 

Servizi sociali - "L'ultimo indulto approvato - ha poi aggiunto il legale - escludeva esplicitamente i reati fiscali e finanziari". Dunque, per Silvio, si fa sempre più concreta l'ipotesi dei servizi sociali. Longo, su questo, non parla "perché nessun atto rivolto al tribunale deve essere anticipato tramite i giornali". Quello che dice, però, è che sui tempi d'approvazione il Tribunale di Milano potrebbe essere più veloce del solito: "Generalmente bisogna aspettare un anno o un anno e mezzo per ottenere una decisione, ma nel caso di Berlusconi i tempi sono sempre stati molto più celeri". Si aspettano sorprese. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Tobyyy

    12 Ottobre 2013 - 00:12

    Bravo amico, per aver spiegato nei dettagli a quel comunista beone e prepagato cosa accadrà a Strasburgo, veramente bravo nell'esposizione, complimenti, dieci e lode ! Ah dimenticavo ! Ti seguo nei tuoi interventi e vedo che vai alla grande nella battuta libera alle teste di granito rosso...... continua, continua così e buon divertimento....!

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    11 Ottobre 2013 - 14:02

    Cosa dovrebbe dire la Corte Europea dei Diritti dell'uomo?Processo irregolare,non sono stati ammessi documenti e testimoni a favore dell'imputato,il Giudice ha anticipato le motivazioni di una sentenza,segno inequivocabile di parzialità.La Severino non può essere retroattiva.In più la Cassazione potrebbe riaprire il processo per nuovi fatti da valutare o perchè il primo processo ha sbagliato clamorosamente a valutare quelli esistenti,Questo se non arriva prima la condanna della Corte Europea.Ti basta come motivazione, coglione?E cambia nick,non ne sei degno.

    Report

    Rispondi

  • forart.it

    11 Ottobre 2013 - 11:11

    ...ma tanti altri inquisiti che abbiamo in parlamento (un'ottantina). Però negare pure l'evidenza (3 dei 4 anni della condanna gli sono stati "abbonati" dall'indulto 2006) è come trattarci da bambini di 3 anni: non dignitoso.

    Report

    Rispondi

  • delpiero71

    11 Ottobre 2013 - 11:11

    Seee...ancora con la Corte di Strasburgo Tobyyy? Sei proprio un allocco: Berlusconi ha avuto un regolare processo durato circa un decennio e che ha visto tre gradi di giudizio, cosa dovrebbe dire la Corte di Strasburgo, che Berlusconi è onnipotente e non deve essere condannato per nessuna ragione? Sai come si dice: le insegne luminose attirano gli allocchi....la Corte e tutto il resto sono le insegne luminose, mentre quelli come te sono gli allocchi ;-)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog