Cerca

La disfida nel centrodestra

Vittorio Feltri: caro Salvini, ti spiego perchè ha ragione Berlusconi

15 Dicembre 2017

5
Vittorio Feltri: caro Salvini, ti spiego perchè ha ragione Berlusconi

Caro Becchi e caro Palma, vi leggo con interesse e mi impegno a comprendere le vostre argomentazioni, ma vi giuro non ci riesco. La legge elettorale in vigore non è mai stata sperimentata, essendo nuova, pertanto è difficile valutarne in anticipo gli effetti che produrrà.

Non escludo abbiate ragione voi nel prevedere che un partito ottenga la maggioranza e, quindi, la opportunità di formare un governo pur con consensi limitati a circa il 40 per cento. Però mi sembra altamente improbabile che ciò accada. L' esperienza insegna che per vincere le elezioni e impadronirsi dell' esecutivo in modo stabile servono i voti e non le ipotesi e i calcoli complicati degli esperti, che sbagliano spesso: sono troppo intelligenti per interpretare la realtà. Dopo di che, cari amici, se ci avrete azzeccato, ve ne darò atto. Ma consentitemi di dubitare, come dubitano tanti politici, compreso Berlusconi che ha già indicato Gentiloni quale prossimo, sia pur provvisorio, presidente del Consiglio. Questo premier anemico piace in quanto non fa niente: si barcamena, è educato, ha la faccia da boy scout e dà l' impressione di non rompere le scatole a nessuno.

Lo vogliono a Palazzo Chigi perché è l' opposto di Matteo Renzi, non urla, bisbiglia, sussurra, non disturba e tira a campare, che è sempre meglio che tirare le cuoia. Non sbaglia Silvio. Sa che non esiste forza in grado di prevalere e che per guidare il Paese ci vorrebbe una coalizione.

Quale? Non ce ne è una che stia in piedi. Solo 5 stelle e Pd, se andassero d' accordo (e non è così) avrebbero i numeri per imporsi. Ma non credo siano compatibili. Vedremo. Infine, registro le beghe interminabili tra il Cavaliere e Salvini.
Si beccano in continuazione. Ora anche sulla eliminazione delle agevolazioni ai detenuti che tengono buona condotta.
Matteo è contrario agli sconti di pena, il suo interlocutore invece intende mantenerli. Ciascuno dei due ha i propri motivi per insistere sulle rispettive posizioni. In questo caso sono dalla parte di Silvio poiché le carceri, abolito il sistema premiale, esploderebbero per le proteste, come avvenne in passato. D' altronde un Paese che punta sulle prigioni per punire i criminali e poi non dispone di stabilimenti di pena per contenerli tutti civilmente, non si deve permettere il lusso di giocare con l' inasprimento delle condanne, che servono solo a incancrenire la delinquenza dietro le sbarre e anche fuori.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Skyler

    16 Dicembre 2017 - 09:09

    Caro Feltri, tranquillo che il prossimo governo PD - Forza Ladri durerà poco, per fortuna, e questo signore cambierà mestiere!

    Report

    Rispondi

  • sempre-CDX

    16 Dicembre 2017 - 08:08

    Ecco perchè (secondo me) Berlusconi perderà voti a favore di Meloni e Salvini (brillanti). Caro Feltri ti sfugge che questi sconti di pena andranno ad agevolare le già precaria giustizia anche nei confronti di questa massa di "immigrati" (per dirla dolce) che stanno distruggendo l'Italia. E gli italiani in massa, ora, sono molto sensibili a questo argomento.

    Report

    Rispondi

  • Ben Frank

    Ben Frank

    16 Dicembre 2017 - 08:08

    Bravo dott. Feltri! Dato che, anche grazie alle politiche dei governi "boy scout" alla Gentiloni, i delinquenti in Italia aumentano e le galere scoppiano per i troppi "ospiti" che, per mancanza di spazio, "uaifai", fikabianca e altre comodità si inaspriscono, lasciamoli tutti liberi di circolare, con l'assoluta libertà di far ciò che vogliono... ma lei sta tirando la volata a Renzi e Di Maio?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media