Cerca

Legge di stabilità

Legge stabilità, Alfano si gioca la faccia.
Ministri Pdl in guerra per evitare la stangata

Pressing dei ministri Pdl su Letta e Saccomanni per evitare l'aumento della pressione fiscale e dei tagli alla Sanità

Legge stabilità, Alfano si gioca la faccia.
Ministri Pdl in guerra per evitare la stangata

"Siamo le sentinelle delle tasse": è questo il mantra che abbiamo sentito ripetere all'infinito dal vicepremier Angelino Alfano e dai ministri del Pdl. E per evitare la nuova stangata che da Palazzo Chigi si sta per abbattere sugli italiani, le sentinelle azzurre potrebbero dover imbracciare le baionette. L'abolizione dell'Imu sulla prima casa, di cui vanno molto fieri gli azzurri, ha portato infatti a una nuova service tax, la Trise riformando la tassazione immobiliare e assorbendo l'Imu e la Tares che sarà particolarmente salata. Saranno costretti a pagarla non solo i proprietari di casa ma anche gli inquilini. Non solo. E' previsto un aumento al 22% del prelievo sulle rendite finanziarie e tagli ai servizi fondamentali come quelli legati alla Sanità. 

Lorenzin in trincea - Da parte sua il presidente del Consiglio rassicura che "sarà una manovra di crescita ed equa", forte anche del via libera sulle linee generali della legge di stabilità arrivato da Giorgio Napolitano. Ma sono parole che non bastano al Pdl che si sente "tradito" dai propri rappresentanti nell'esecutivo che, a onor del vero, stanno facendo di tutto, fino all'ultimo, per salvare il salvabile. In prima linea Beatrice Lorenzin che non ha mandato giù quei rumors sui tagli alla Sanità. "Le voci - tuona il ministro della Salute - sono assolutamente non percorribili. L'ho detto anche in un incontro ieri con il ministro Saccomanni". "Il sistema - ha sottolineato Lorenzin - non può reggere tagli di questo tipo. Quello che invece si può fare è una riprogrammazione della spesa sanitaria sui prossimi tre anni ed una spending review interna".

Brunetta: "Brancolo nel buio" - Di certo c'è che finora si è discusso di una bozza di Legge di Stabilità, il testo che verrà approvato oggi dal Consiglio dei Ministri è ancora top.-secret. "Nessuno l'ha vista. Chi l'ha vista?", ammette Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei deputati. "Io non l'ho vista - sottolinea l'ex ministro - e normalmente parlo delle cose che conosco. Non la conosco, quindi brancolo nel buio come voi". Di certo c'è che fino all'ultimo Alfano & C sono stati in pressing su Letta e Saccomanni per evitare l'ennesima stangata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enio rossi

    16 Ottobre 2013 - 11:11

    Cosa cavolo sta a fare il PDL al Governo? I suoi elettori sono, per la gran parte, gente del ceto medio. E il PDL sostiene manovre economiche che danneggiano principalmente il ceto medio. Questo va bene al PD che gravita in un'altra area sociale, ma il PDL così si suicida.

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    15 Ottobre 2013 - 13:01

    dopo solo pochissime settimane dalla fiducia. Voi dite che si gioca la faccia ? lui si e gia` giocato la faccia,le palle, il culo, non ha piu` nulla a che fare con il cdx. Il suo problema e` pensare come far digerire questa ennesima stangata al cdx, ci puo` provare ma noi lo manderemo a fanculo. Gli conviene prendere la tessera del PD e mettersi nello sgabuzzino con lo smacchiatore. Alfano sei finito ! sei fuori ! per te e` GAME OVER ! se ti rimane un po` di onore dimettiti ! Ma come si fa a essere vice premier e non sapere cosa stanno decidendo, nemmeno il tuo capogruppo lo sa o l'hai informato. Noi non vogliamo la mafia, vogliamo la trasparenza la lealta` tutte qualita` che tu non hai. Vattene !

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    15 Ottobre 2013 - 11:11

    Se questa invece di fare il solito gioco delle parti fingendosi arrabbiata per i tagli al suo ministero, si adoperasse per fare una vera riforma della spesa elefantiaca in continua crescita, che in certe regioni del sud è scandalosa e continua nonostante l'indebitamento stratosferico, allora giustificherebbe lo stipendione che si becca, ma purtroppo non vedo alcun quid, anzi mi sa che alla fine avallerà tutto pur di non perdere il posto conquistato per dei meriti a noi sconosciuti.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    15 Ottobre 2013 - 11:11

    togliere la fiducia a questo governo merdoso. Il problema?E' che sono SENZA PALLE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog