Cerca

Bufera

I Cinque Stelle a Grillo: "Venerdì non venire"

I Cinque Stelle a Grillo: "Venerdì non venire"

"Beppe non venire". I parlamentari grillini non esultano più quando sanno che devono incontrare il leader e il guru Casaleggio a Roma. Così il prossimo incontro fissato per venerdì 18 ottobre rischia di saltare. Ieri sera il capogruppo Alessio Villarosa lo aveva comunicato a tutti i deputati: l'incontro con Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio è fissato per venerdì, fuori Roma, in un luogo che comunicheremo solo al momento opportuno.

Spaccatura totale - Dopo i dissidi sull'emedamento sull'immmigrazione presentato dai parlamentari M5S e bocciato da Beppe, il clima è cambiato. Così ieri più d'uno si è lamentato per l'incontro fuori porta. In molti hanno fatto presente l'inopportunità di ripetere le scene di qualche mese fa, con i parlamentari caricati su tre pullman e il codazzo di macchine dei giornalisti a inseguirli. "Facciamolo alla Camera, i commessi tengono lontani i giornalisti e non siamo costretti a spostarci". Così tra i grillini è partito un sondaggio interno.

Il sondaggio anti-Beppe - Tre le domande: "L'incontro si deve tenere venerdì o in un'altra data da definire?"; "In Parlamento o in un luogo al di fuori?"; "Bisogna recarvisi con mezzi propri o con i pullman?". In 55 hanno espresso preferenza per vedersi in Parlamento, solo 26 propendevano per replicare la scampagnata. E, anche qualora fosse prevalsa questa seconda ipotesi, niente autobus "da gita delle medie". Ben 50 deputati hanno optato per recarsi al luogo dell'eventuale appuntamento con mezzi propri, solo 26 hanno preferito l'opzione pullman. Insomma le ovazioni per Beppe sono finite. Ora i grillini a quanto pare possono pure fare a meno di incontrarlo. 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tuttialavorare

    17 Ottobre 2013 - 09:09

    Un certo numero di deputati hanno scelto di andare in macchina,un'altro con mezzi pubblici e la vostra logica e miserabile conclusione è che il M5S e catapultato verso la rottura definitiva?Ma allora siete totalmente faziosi,chiarissimo esempio di creatori di disinformazione.Vi piacerebbe che il M5S si dissolvesse come neve al sole?Mettetevi l'animo in pace,noi continueremo imperterriti per la nostra strada,voi continuerete a scannarvi come porci dinanzi alla ciotola che stà man mano diventando sempre più piccola.Il signor Fonty non ha tutti i torti,dicendo che senza Grillo il MoVimento avrebbe avuto maggiori difficoltà ad imporsi(cosi come accade a Occupy Wall Street,15 - M e il Partito dei Pirati in Svezia)quindi,il merito Grillo se lo è guadagnato sul campo,senza patteggiamenti con i sinistri ne con i destri.Le mele marce stanno in tutte le famiglie ma noi,a differenza degli altri,li cacciamo con votazione.Possono fare altrettanto gli altri?No,vi tenete degli infami per decenni.

    Report

    Rispondi

  • tuttialavorare

    17 Ottobre 2013 - 09:09

    Un certo numero di deputati hanno scelto di andare in macchina,un'altro con mezzi pubblici e la vostra logica e miserabile conclusione è che il M5S e catapultato verso la rottura definitiva?Ma allora siete totalmente faziosi,chiarissimo esempio di creatori di disinformazione.Vi piacerebbe che il M5S si dissolvesse come neve al sole?Mettetevi l'animo in pace,noi continueremo imperterriti per la nostra strada,voi continuerete a scannarvi come porci dinanzi alla ciotola che stà man mano diventando sempre più piccola.Il signor Fonty non ha tutti i torti,dicendo che senza Grillo il MoVimento avrebbe avuto maggiori difficoltà ad imporsi(cosi come accade a Occupy Wall Street,15 - M e il Partito dei Pirati in Svezia)quindi,il merito Grillo se lo è guadagnato sul campo,senza patteggiamenti con i sinistri ne con i destri.Le mele marce stanno in tutte le famiglie ma noi,a differenza degli altri,li cacciamo con votazione.Possono fare altrettanto gli altri?No,vi tenete degli infami per decenni.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    17 Ottobre 2013 - 09:09

    Non "esattamente", bruno osti. Berlusconi un argomento convincente ce l'ha, per farsi sentire: le sue fideiussioni al partito. Grillo non ha neanche quelle, a quanto ne so. È genovese...

    Report

    Rispondi

  • blu521

    16 Ottobre 2013 - 19:07

    La verità fa male. Ormai sono diventati tanti eredi di Bismarck

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog