Cerca

Il testo della Geloni

"Giorni Bugiardi", il libro del Pd sui segreti del partito e di Renzi

"Giorni bugiardi" sarà nelle librerie a novembre. Un "dossier" sul fallimento di Bersani ma anche sugli scheletri del rottamatore. La Geloni: "Bisogna seguire i suoi soldi..."

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Il Pd prepara la forca per Matteo Renzi. La lotta intestina tra renziani e bersaniani, apparentemente messa da parte dopo l'arrivo a palazzo Chigi di Enrico Letta, ritorna in vista del congresso democratico. L'obiettivo dei farisei democratici è uno solo: evitare che il rottamatore arrivi al Nazareno da segretario. Così inizia l'operazione "fango su Renzi" ed è tutta made in Pd. "Scavate sulla vita di Matteo": suonano più o meno così gli sms che sono arrivati ai giornalisti "fedelissimi" da esponenti dem, ha raccontato qualche giorno fa Maria Teresa Meli sul Corsera. Adesso però in largo del Nazareno dagli sms passano ai libri.

Giorni bugiardi -
 Un "testo-bomba", Giorni Bugiardi, a firma Chiara Geloni e Stefano Di Traglia, sta per uscire nelle librerie il prossimo 6 novembre. Come raccontano i bene informati e come riporta anche il Fatto Quotidiano, la bozza è pronta. Dentro al testo ci sono tutti i segreti e i retroscena delle consultazioni di Pier Luigi Bersani nel dopo-voto del 25 febbraio scorso. Ma non solo. A quanto pare nel libro ci sarebbero anche alcuni "dossier" che riguardano Matteo Renzi. "Noi non abbiamo dossier. E comunque neanche l`sms si riferiva alla vita privata di Matteo, come qualcuno ha detto e scritto in questi giorni - afferma la Geloni -ma a queste questioni. Comunque bisogna seguire i soldi...".

"Le cose stanno degenerando"
- E ancora: "Quando c`è un congresso, c`è sempre il rischio che le cose degenerino", spiega la Geloni. Insomma in casa Pd si preparano alla battaglia finale. C'è un fronte compatto che vuole la testa di Matteo e così i sospetti, le voci cominciano a circolare senza freni. Qualcuno, a Roma, suggerisce che forse qualcosa c`è sulle spese per la campagna elettorale di Renzi. O qualcuno fa battute a sfondo sentimentale. Insomma dentro il Pd si scava nella vita di Matteo. "Pretendere trasparenza e verità soprattutto da chi dice di volere candidarsi premier, credo sia un dovere", recita un altro sms firmato dem. La macchina del fango questa volta si mette in moto a largo del Nazareno. Matteo lo sa?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    18 Ottobre 2013 - 04:04

    Mica non l'ha ancora capito che è capitato in mezzo ad una accozzaglia di piragna che sono li da 40 anni....Ed insiste ancora con le belle parole.Crede ancora che nel democratico PD gli facciano fare carriera.Povero illuso.Non va da nessuna parte.

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    17 Ottobre 2013 - 22:10

    Non se n'è ancora accorto ma i suoi "compagni" di partito gli hanno già rubato la verginità. Tra i democratici che non sono notoriamente omofobici,è prassi che ciò avvenga, ma lui democraticamente lo accetterà, mettendosi a disposizione di chi vincerà le primarie.

    Report

    Rispondi

  • lucianaza

    17 Ottobre 2013 - 21:09

    Che parolone tragiche fango solo fango...se uno dice che se va al governo lui andrà tutto meglio perchè lui è uno che sa fare, allora è bene guardare cosa ha fatto finora. A Firenze ha triplicato costo di parcheggi, messo divieti di sosta 24 ore al giorno, aumentato la tassa dei rifiuti, a Firenze si sono reati di tutti i tipi, degrado che la gente tromba e fa popò dove capita e ci viene a dire che lui rimetterà le cose a posto in Italia? Beh fare una valutazione mi sembra doveroso

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    17 Ottobre 2013 - 20:08

    Mi meraviglio che ci si meravigli...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog