Cerca

Veleni e sospetti

Matteo Salvini contro Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni: il retroscena dal vertice del centrodestra

7 Maggio 2018

10
Matteo Salvini contro Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni: il retroscena dal vertice del centrodestra

Il centrodestra sull'orlo della rottura, ancora una volta. Ma ora il tempo sta per scadere e l'aut auto non è di Luigi Di Maio, ma di Sergio Mattarella. A poche ore dall'ultimo giro di consultazioni, Matteo Salvini, Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni sono stati protagonisti di una notte di tensione altissima, che avrà una coda questa mattina sempre a Palazzo Grazioli prima che la delegazione unitaria salga, alle 11, al Quirinale (un'ora dopo Di Maio e il M5s). Salvini chiede il via libera per un governo politico con il M5s, con l'appoggio esterno di Forza Italia. L'alternativa, ha spiegato, è il voto anticipato e non un governo di tregua, come propone invece il Cav. Sul piatto, come raccontano Repubblica e il Corriere, il leader della Lega avrebbe messo qualche condizione favorevole per i forzisti, a cui andrebbero anche alcuni ministri tecnici ma "d'area". È una questione di strategia, ma non solo.

Secondo Repubblica, Berlusconi ha chiesto a Salvini di dover pretendere dal Colle l'incarico per il centrodestra: "Perché Mattarella non lo deve dare a noi, quando anche il governo del presidente non avrebbe i numeri", è la tesi dell'ex premier. Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, è d'accordo ma Salvini e il suo braccio destro Giancarlo Giorgetti no: temono che il mandato al centrodestra, di fronte a un muro dei 5 stelle, dia come unico sbocco il governo di tregua tanto caro al presidente e a Berlusconi. Veleni e sospetti che forse si scioglieranno oggi, e non è detto in  modo indolore.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    07 Maggio 2018 - 14:02

    Campus...una battuta da deficiente !

    Report

    Rispondi

  • arwen

    07 Maggio 2018 - 14:02

    Cn la sua mossa Di Maio ha stanato Salvini. Salvini aveva, cn fare da buon padre di famiglia, invitato Di Maio al passo indietro....Ebbene Di Maio ha aderito alla sua proposta. Risultato? Salvini è scappato ancora una volta! Il leader del cdx rimane sempre lo stesso, un uomo anziano (vecchio) che nn vuol mollare, a Salvini, evidentemente, va bene così. La Meloni nn conta nulla, e lo sa!

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    07 Maggio 2018 - 11:11

    Ma la sfuriata della Meloni promessa nel titolo, dov'è?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media