Cerca

Il sogno del presidente

Sergio Mattarella, il "piano B" se Di Maio e Salvini falliscono: chi è il "nome nuovo" per il premier di tregua

16 Maggio 2018

3
Sergio Mattarella, il "piano B" se Di Maio e Salvini falliscono: chi è il "nome nuovo" per il premier di tregua

Al di là dei proclami di Luigi Di Maio e Matteo Salvini, c'è tempo fino a lunedì per capire se e come andrà in porto il governo di Lega e M5s. A fronte delle accelerazioni e delle retromarce di questi ultimi giorni, il presidente Sergio Mattarella è sempre pronto a ricorrere al Piano B, che in realtà era e rimane la sua opzione preferita: un governo di tregua, "neutrale", che a fronte del fallimento di un esecutivo gialloverde verrebbe accolto come unica scelta rimasta. 




Il Giornale ripropone il toto-premier tecnico: alle candidate rosa Elisabetta Belloni, diplomatica, e Marta Cartabia, vice presidente alla Consulta, sta prendendo quota un nuovo nome, l'economista Giorgio Alleva, presidente dell'Istat. Ci sarebbe anche già un abbozzo di composizione: pochi ministri (13i e nomi di prestigio per i ministri, da Anna Maria Tarantola (Bankitalia) alla economista Lucrezia Reichlin, dal professor Guido Tabellini all'ex commissario ai tagli della spesa Roberto Perotti.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ben Frank

    Ben Frank

    16 Maggio 2018 - 21:09

    Tutta gente, che gli elettori non hanno votato, con gran piacere dei massoni di Bruxelles. Evviva la demokrazia nata dalla desistenza (di fronte al nemico), l'Italietta resta eternamente co-belligerante e bananiera.

    Report

    Rispondi

  • gianni1946

    gianni1946

    16 Maggio 2018 - 17:05

    Siamo in una dittatura avete letto bene i nomi?in primis la Tarantola cioè aumento di tasse sicuro,

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    16 Maggio 2018 - 16:04

    Mazzarella, dovrebbe stare ben attento, voglio proprio vedere con quale maggioranza starebbe in piedi, a meno che nelle aule parlamentari non ci porti i militari.

    Report

    Rispondi

media