Cerca

In punta di Costituzione

Governo, elezioni anticipate: l'ipotesi da fantascienza sul tavolo del presidente senza il governo Lega-M5s

16 Maggio 2018

9
Elezioni anticipate, l'ipotesi da fantascienza sul tavolo del presidente senza il  governo Lega-M5s

Se fallisse la trattativa tra M5s e Lega, tornerebbe l'incubo di elezioni in estate. Luglio? No, peggio. Secondo un retroscena di Ugo Magri sulla Stampa, in Parlamento si starebbe facendo strada la folle idea (tecnicamente possibile, in punta di Costituzione) di votare in agosto. La data è di quelle da fantascienza: domenica 5, che porterebbe l'astensionismo a numeri mai visti.

Sarebbe questa, suggerisce la Stampa, la vendetta di Matteo Salvini e Luigi Di Maio, l'unico modo per sventare il governo del presidente. Una guerriglia istituzionale drammatica, per il presente e l'immediato futuro del Paese. Ci sarebbero però due strade per il presidente Sergio Mattarella per rinviare di qualche settimana lo scioglimento delle Camere: una mozione sottoscritta da tutti i gruppi parlamentari, anche se in questo caso i pareri dei costituzionalisti non sono unanimi. Seconda strada: una fiducia tecnica concessa a un governo elettorale, anzi in tutto e per tutto balneare. A metà luglio poi si tornerebbe in aula per sfiduciare l'esecutivo del presidente e poter tornare così al voto in autunno.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    16 Maggio 2018 - 21:09

    Questi vecchi ed obsoleti relitti di finta democrazia, altamente incapaci, bravissimi solo ad allungare le mani, proprio non vogliono mollare. Se mattarello non accetta quanto gli verrà proposto da una maggioranza certa di persone legittimamente votate dai cittadini, lui, eletto da delegittimati, potrebbe benissimo dimettersi e tornarsene in Sicilia.

    Report

    Rispondi

  • Italia_Libera

    16 Maggio 2018 - 20:08

    Ricatto sistematico d' élite liberali e marxiste che sono in carica. Esse boicottano la democrazia ogni volta che ne hanno voglia. E ne hanno voglia ogni volta che i partiti nazionalisti sono vicini a prendere il potere. Bell'affare essere ricattati economicamente,come un embargo,e come e' stato gia' fatto nel 2011,mettere sul mercato i titoli italiani per fare fallire la nostra Italia......

    Report

    Rispondi

  • Ben Frank

    Ben Frank

    16 Maggio 2018 - 20:08

    Vedrete che don Mattarella le penserà tutte, per arrivare ad un governo che gli italiani non hanno votato, in classica tradizioni demokratica. Sarà il solito colpo da "gran maestro"?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media