Cerca

Il retroscena

Matteo Salvini, la crisi di nervi di Luigi Di Maio: così il leghista incassa e passa al voto

20 Giugno 2018

6
Luigi Di Maio

Se la stabilità del governo si dovesse basare solo sul sostegno popolare di cui gode in questo momento, i malumori per il sorpasso della Lega sul M5s sarebbero solo rumori di fondo. Quei borbottii invece sono i primi scricchiolii di un esecutivo ormai sempre più ancorato alle decisioni sul futuro di Matteo Salvini. Se ne stanno rendendo conto i grillini, secondo i retroscena più attendibili. Ai Cinque Stelle sono serviti circa venti giorni per capire che il leghista sia totalmente immarcabile, porta palla solo lui e quindi è lui a dettare l'agenda di governo. 

Leggi anche: Salvini fa godere l'Italia: "Via tutte le cartelleEquitalia sotto i 100 mila euro"

L'esperienza politica di Salvini gli ha insegnato a far leva su campagne "a costo zero", dalle polemiche sugli sbarchi fino al dossier rom e l'azzeramento delle cartelle Equitalia. A Luigi Di Maio restano le patate bollenti del suo ministero: vertenze sindacali, questione Ilva e via a seguire. La fiducia dei grillini nel leader è ai minimi storici, anche l'agguerrito ufficio comunicazione pentastellato non sa più che pesci pigliare, dopo aver cercato di sviare l'attenzione da Salvini ai casi "riders" e raccomandati nella PA. Niente da fare, i tentativi sono andati quasi a vuoto.

Con un clima così teso è basta una folata di vento perché il malumore si trasformi in vero e proprio nervosismo. I più preoccupati sono quei pochi grillini che, fermatisi a riflettere, sospettano che a Salvini convenga tornare al voto già alla prossima occasione, al massimo per la primavera del 2019. Ad alimentare i sospetti di una pugnalata alle spalle imminente anche i continui incontri tra il leghista e Silvio Berlusconi, segno che l'alleanza con i grillini per il capo del Carroccio non ha altro scopo se non governare, almeno finché ne vale la pena. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini1904

    21 Giugno 2018 - 09:09

    Facciamo un po' di conti. Lega oltre il 30% e anche più, Forza Italia, Fratelli d'Italia e cespugli vari intorno al 15%. Il tutto assomma al 45% con correlativa maggioranza assoluta dei seggi alla Camera e al Senato. Et voila les jeux sont faits!

    Report

    Rispondi

  • Aldodueinvolo

    21 Giugno 2018 - 08:08

    Di Maio, Anche se non leggerà il commento, magari anche non pubblicato, (altra storia) stia attento che mi pare, mi pare, di quanto sento in giro che le persone che vi votarono, Compreso il sottoscritto, sono fortemente delusi del modo attuale di porsi. Salvini vi sta facendo a fette e riprenderà tutti i voti delle precedenti elezioni.. Attenzione.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    21 Giugno 2018 - 08:08

    Le elezioni in Autunno sono esattamente quello che io auspico.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media